Condividi

Cina Spy, strumento di spionaggio nascosto all’interno di alcuni telefonini low cost

La notizia arriva direttamente dal New York Times, il giornale americano comunica la scoperta del team Kryptowire, che avrebbe trovato alcuni strumenti di spionaggio nascosti all’interno di smartphone Android low cost. Il programma sarebbe in grado di raccogliere informazioni su chiamate, messaggi, download e dati vari, capace quindi di rubare totalmente una identità e accedere a tutto ciò con cui l’utente entra in contatto, da servizi bancari a semplici questioni private.
Subito è arrivata la risposta della Shanghai AdUps Technology Company, che ha spiegato come il software sia utilizzato per risolvere problematiche tecniche degli utenti, sarebbe quindi un sistema di utilizzo remoto.

android-spyware

Il software creato per il mercato cinese

Il sistema, a detta dei produttori, sarebbe stato creato solo per il mercato cinese (forse su richiesta del governo e per ragioni di controllo), “accidentalmente” alcuni di questi smartphone sono usciti dai confini, andando di conseguenza a creare una vera e propria rete di spionaggio accessibile dai produttori cinesi.
La Shanghai AdUps, ha anche spiegato come non ci sia nessun legame tra loro e il governo cinese al fine di escludere ogni possibile ipotesi relativa ad altri usi del software.

android-blu-cina

La notizia ha già fatto il giro del mondo, una backdoor Android minaccia i dati di migliaia di utenti

Cina spy

La notizia ovviamente si è diffusa a macchia d’olio sul web, i dati di migliaia se non milioni di utenti sono compromessi.
Arrivano comunicati anche dalle ditte tra cui Blu, che risponde così:
“BLU Products – si legge nella nota – ha identificato e rapidamente rimosso un problema di sicurezza, di recente causato da un’applicazione di terze parti che ha raccolto dati personali non autorizzati su un numero limitato di dispositivi mobili BLU. L’applicazione interessata da allora è stato auto-aggiornato e la funzionalità verificata per non raccogliere o inviare più queste informazioni”.
Un vero mistero degno di una spy story che lascia gli utenti con più domande che risposte.

Lascia una risposta