Condividi
rubare wifi

Perché rubare una password wifi? Quando ci si trova in luoghi in cui non si ha la disponibilità di una rete wi-fi non protetta o quando si è dimenticata una password di accesso ad una rete, che si è autorizzati ad usare, è possibile risalire alle chiavi di navigazione su internet.

Esistono dei modi per rubare una password wifi protetta, in maniera celere e abbastanza semplice.

La modalità più agevole per rubare una password wi fi è quella di munirsi di un personal computer, che sia attualmente connesso o che, in passato, sia stato connesso alla rete, della quale si tenta di scoprire una password wifi.

Rubare una password wifi con WirelessKeyView

rubare una password wifi

Se si verifica questa evenienza, si hanno due ipotetiche azioni da porre in essere. Si può, innanzitutto, utilizzare WirelessKeyView, che è un programma in grado di recuperare tutte le chiavi di accesso alle reti wi-fi salvate. Si può, inoltre, registrare i dati di navigazione sulla rete wireless mediante un programma keylogger.

  • Connettendosi al portale WirelessKeyView, si può scaricare questo programma, cliccando sulla voce Download WirelessKeyView, se si ha un sistema operativo a 32 bit oppure, in alternativa, la designazione Download WirelessKeyView for x64 per il sistema operativo a 64 bit.
  • Dopo il download, si deve aprire il programma WirelessKeyView ed avviare il programma WirelessKeyView.exe. Si apre, così, un’elencazione di tutti i dati concernenti le connessioni Wi-Fi utilizzate sul personal computer, incluse le relative password di accesso. In tal modo, si possono visionare le chiavi di navigazione sulle wireless e rubarne i contenuti per i successivi accessi alle reti protette.

Rubare una password wifi con Revealer Keylogger

rubare wi fi

La seconda modalità per rubare una password wifi è sempre efficiente, ma un po’ più complessa. Ci si può, per esempio, avvalere del programma denominato Revealer Keylogger, che consente di registrare tutti i contenuti dei testi digitati sulla tastiera del personal computer. Si possono, pertanto, recuperare i messaggi di chat, gli indirizzi internet, le email ed anche le chiavi di accesso alle reti wireless.

Per rubare una password wifi, vi sono ben due versioni del programma Revealer Keylogger, una gratuita e una a pagamento. Quest’ultima fornisce qualche vantaggio in più rispetto alla versione gratuita del programma. Offre, infatti, la possibilità di ottenere dei comodi report per email occultando ogni indizio riconducibile al software. Fotografa, inoltre, alcune istantanee dello schermo del personal computer. Dà, quindi, delle agevolazioni maggiori rispetto alla versione gratuita e fornisce informazioni più complete.

  • Per fare il download del programma Revealer Keylogger Free Edition, è necessario connettersi al relativo sito e cliccare sul pulsante, che consente di scaricarlo.
  • Una volta portata a termine questa azione, occorre aprire il pacchetto d’installazione chiamato rkfree_setup.exe, cliccare sulla parola Sì e, successivamente, sul tastino Installa.
  • Se l’antivirus avverte che è stata rilevata una minaccia, occorre ignorarlo e dare il consenso per fare il download del programma Revealer Keylogger Free Edition.
  • Finita questa procedura, Revealer Keylogger Free Edition prenderà l’avvio in maniera automatica. Dopo questo primo momento di installazione del programma sul personal computer, è possibile controllare e registrare tutti i testi che vengono scritti tramite la tastiera del PC, in cui è stato scaricato Revealer Keylogger Free Edition.
  • Inoltre, è utile nascondere il nome del programma installato premendo il tasto Avvio posto in alto a sinistra e nascondone la dicitura. Per fare ciò, è nindispensabile premere contemporaneamente i tasti CTRL+ALT+F9.
  • Dopo che è stata digitata la password wifi che si vuole recuperare, si può far tornare nuovamente visibile la denominazione del programma Revealer Keylogger, pigiando la combinazione di tasti CTRL+ALT+F9 sulla tastiera del personal computer.
  • In ultima analisi, è necessario individuare la voce Connessione ad una rete, per rubare la password wifi protetta dalla chiave di accesso e precedentemente utilizzata.

Come scoprire la password wifi dallo smartphone

Se, tuttavia, non è possibile accedere al computer con il quale si accede alla rete wireless della quale si vuole conoscere la password wifi, questi dati di accesso possono essere ricavati tramite l’uso dello smartphone.

Vi sono, difatti, parecchie applicazioni facili da utilizzare ed utili per conoscere la password wifi e i dati di navigazione sulle reti di diversi operatori. Per ottenere questi risultati, è necessario munirsi di un router abbastanza datato, al quale non sia stata mutata la password precedentemente predefinita. Fra queste applicazioni, si possono annoverare: Modem Pass utilizzabile sugli iPhone e Wi-Fi Recovery compatibile con gli smartphone Android.

Esse hanno delle modalità di funzionamento semplici ed intuitive. Dopo l’avvio, occorre selezionare l’operatore al quale appartiene la rete wireless, della quale si vuole conoscere la password. Anche qui, compare un elenco con tutte le reti wi-fi usate e le connesse chiavi di accesso per la navigazione su internet.

Quelle sopra descritte sono tutte delle comode modalità per rubare una password wifi alle reti wireless protette in modo semplice, agevole e celere. In qualunque posto ci si trovi, è possibile recuperare una password wifi avvalendosi di un computer o anche di uno smartphone nonchè di programmi e di applicazioni facilmente reperibili su internet e scaricabili sul proprio dispositivo.

Ciò consentirà di avere informazioni complete sulle reti wireless utilizzate, sulle chiavi di accesso alle stesse ed, a volte, anche sui differenti testi digitati sulla tastiera.

Nel mettere concretamente in atto quanto sopra specificato, occorre tuttavia porre la massima attenzione per effettuare le azioni di recupero delle password wifi protette in modo cauto. La violazione delle reti wireless è, difatti, sanzionata penalmente dalla legge e chi commette una sinmile azione è punito come autore di un reato.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Lascia una risposta