Condividi
WhatsApp

Continuamente arrivano novità, segreti e trucchi per utilizzare al meglio WhatsApp, la nota applicazione di messaggistica istantanea, con funzioni a volte non conosciute da tutti, ma che possono rivelarsi utili e interessanti.

È il caso, ad esempio, della possibilità di nascondere le chat, sia su dispositivi con sistema operativo iOS che Android.

Nascondere le chat WhatsApp su iOS

La procedura è molto semplice. È sufficiente recarsi nella schermata principale di WhatsApp e scorrere verso sinistra con il dito sullo schermo sulla conversazione che si vuole nascondere, fino a quanto compare la voce ‘Archivio’; selezionando questa opzione la chat ‘scompare’ e viene inserita all’interno di una cartella specifica ‘Chat archiviate’.

Nascondere le chat WhatsApp su Android

Anche per quanto riguarda i dispositivi con sistema operativo Android la procedura è piuttosto semplice. Sempre dalla schermata principale di WhatsApp bisogna tenere premuto il dito sulla conversazione da nascondere e selezionare la voce specifica; anche qui la chat verrà spostata in una cartella specifica.

In entrambi i casi, iOS e Android, è possibile ripristinare la conversazione selezionando sull’apposita voce presente nel menu all’interno della chat archiviata e riportarla a uno ‘stato pubblico’.

Perché nascondere le conversazioni su WhatsApp

Sono tanti i motivi per cui qualcuno potrebbe avere l’esigenza e l’urgenza di nascondere le conversazioni su WhatsApp. La privacy ha un’infinita serie di declinazioni per la quale può richiedere tale procedura, specie perché nelle chat della nota applicazione di messaggistica istantanea vengono spesso condivisi contenuti che non è opportuno che tutti vedano. Le conversazioni archiviate, comunque, continuano a ricevere le notifiche. Il team di sviluppo e supporto della celebre applicazione continua a sviluppare nuove strategie e servizi per garantire a tutti i propri utenti un servizio sempre più variegato e rispondente alle diverse esigenze, specialmente quelle relative alla privacy e alla sicurezza, dei singoli utilizzatori dell’app.

Lascia una risposta