Condividi
Amazon TV

Una bella rivoluzione quella introdotta da Amazon TV che rischia di minare le fondamenta di un mercato, come quello televisivo, dove sono tante le certezze già acquisite e dove le novità, almeno a livello di esclusive e proprietà, sono sempre viste in malo modo.

La novità dei canali Amazon TV

La novità di Amazon TV è partita qualche giorno fa dalla Germania e della Gran Bretagna dove, per i possessori di un account Prime Video, Amazon ha permesso di vedere i programmi di circa quaranta nuovi canali televisivi tra cui Mgm, Eurosport e Discovery. L’altra grande novità, che non riguarda tanto i canali in sé ma la formula di visione dei contenuti, permette di vedere solo ciò che interessa, e non tutti i canali in un pacchetto unico.

AmazonTV e il declino delle tv a pagamento

Quanto sta avvenendo tramite le acquisizioni e le rivoluzioni di Amazon TV, uno dei marchi che più sta investendo e puntando sulla trasmissione dei contenuti video, ha portato (più o meno parallelamente) al declino (o almeno a un accenno di un declino) dei tradizionali abbonamenti alla televisione tradizionale. Tanto per fare un esempio, negli Stati Uniti, dove certi fenomeni accadono prima che nel resto del mondo, solo negli ultimi tre mesi sono stati disdetti circa 732 mila abbonamenti alla tv via cavo, ovvero il 2.4% di tutti gli abbonati. Numeri non da poco. E, per rimanere in tema, in Gran Bretagna, negli ultimo sette anni il consumo e l’interesse per i programmi tv è calato del 13%, con picchi del 35% se si prendono in considerazione gli utenti giovani. Questo a dimostrazione di come la trasmissione e fruizione di contenuti televisivi per i giovani passi per altri canali e livelli, quelli sui quali Amazon sta cercando di puntare.

L’accordo stretto da Amazon con Eurosport porta alla trasmissione di eventi sportivi, come il tennis French open, anche in Europa. Per aumentare il proprio appeal Amazon, ma per ora si tratta solamente di indiscrezioni, starebbe pensando di acquisire anche i diritti televisivi per il campionato di calcio di Serie A per le stagioni sportive dal 2018 al 2021. Se così fosse, il monopolio di Sky e Mediaset subirebbe un grosso contraccolpo.

Lascia una risposta