Aggiornamenti live: la guerra della Russia in Ucraina

Gli arrivi russi si allineano in uno dei centri di registrazione ad Almaty, in Kazakistan. (Rebecca Wright/CNN)

Vadim dice di essere diventato depresso il mese scorso dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato una leva militare per inviare centinaia di migliaia di reclute a combattere in Ucraina.

“Sono rimasto in silenzio”, dice l’ingegnere 28enne, spiegando che ha semplicemente smesso di parlare mentre lavorava. “Ero arrabbiato e spaventato”.

quando L’invasione russa dell’Ucraina È iniziato lo scorso febbraio, dice Vadim, scendendo nelle strade di Mosca per protestare, ma l’ordine del 21 settembre di Putin di reclutare almeno 300.000 uomini per combattere sembrava un punto di non ritorno.

“Non vogliamo questa guerra”, dice Vadim. “Non possiamo cambiare qualcosa nel nostro Paese, anche se ci abbiamo provato”.

Decise che era rimasta solo un’opzione. Dopo pochi giorni Il progetto di PutinR., in lacrime ha salutato sua nonna e ha lasciato la sua casa a Mosca, forse per sempre.

Vadim e il suo amico Alexei viaggiarono il più rapidamente possibile ai confini della Russia con l’ex repubblica sovietica KazakistanHanno aspettato in fila per tre giorni per attraversare.

“Siamo scappati da Russia “Perché vogliamo vivere”, dice Alexey. “Abbiamo paura di essere mandati in Ucraina”.

Entrambi gli uomini hanno chiesto l’anonimato per proteggere i propri cari che erano rimasti in Russia.

La scorsa settimana, nella capitale commerciale del Kazakistan, Almaty, hanno schierato più di 150 russi che erano arrivati ​​di recente fuori da un centro di registrazione statale, come parte di un esodo di massa di evasori del servizio militare.

Vota con i piedi: Più di 200.000 russi si sono riversati in Kazakistan con seguaci L’annuncio di assunzione di Putinsecondo il governo kazako.

READ  L'autoproclamato leader di Donetsk promette una 'cooperazione bilaterale' con la Corea del Nord | Ucraina

E non è difficile individuare i nuovi arrivati ​​russi alla stazione ferroviaria principale di Almaty. Ogni ora, a quanto pare, i giovani slavi scendono dal treno negli zaini, guardando un po’ perplessi mentre consultano i telefoni per avere indicazioni.

Sono arrivati ​​da città di tutta la Russia: Yaroslavl, Togliatti, San Pietroburgo, Kazan. Quando gli è stato chiesto perché se ne sarebbero andati, hanno detto tutti la stessa cosa: fare le valigie.

Non è qualcosa in cui voglio essere coinvolto”, dice un programmatore di computer di 30 anni di nome Sergey. Si è seduto su una panchina fuori dalla stazione ferroviaria con sua moglie Irina. Afferrando uno zaino e lenzuola drappeggiate, la coppia ha detto che sperano di recarsi in Turchia e sperano di richiedere un visto Schengen per l’Europa.

Leggi la storia completa:

Gli evasori russi si riversano in Kazakistan per sfuggire alla guerra di Putin |  CNN

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply