Air France e Airbus affrontano famiglie arrabbiate nel processo di crash dell’AF447

PARIGI (Reuters) – Un tribunale penale francese ha aperto un processo storico per l’omicidio colposo di Air France (AIRF.PA) Il produttore di aeromobili Airbus (AIR.PA) Lunedì, con i parenti arrabbiati che chiedono giustizia più di 13 anni dopo che l’A330 si è schiantato nell’Atlantico, uccidendo tutti a bordo.

I capi di entrambe le compagnie si sono dichiarati innocenti per “omicidio colposo” dopo che i funzionari hanno letto i nomi delle 228 persone morte quando il volo AF447 è precipitato nell’oscurità durante una tempesta tropicale in viaggio da Rio de Janeiro a Parigi il 1 giugno 2009.

Diversi parenti hanno gridato proteste tra cui “vergogna” e “troppo poco, troppo tardi” mentre il CEO di Air France Anne Regel e il CEO di Airbus SE Guillaume Faury hanno espresso le loro condoglianze durante le dichiarazioni di apertura del processo di nove settimane.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Per 13 anni abbiamo aspettato questo giorno e ci siamo preparati per molto tempo”, ha detto a Reuters Danielle Lamy, che ha perso suo figlio nell’incidente, prima dell’udienza.

Dopo due anni di ricerca delle scatole nere dell’A330 utilizzando sottomarini remoti, gli investigatori hanno scoperto che i piloti hanno risposto in modo errato a un problema con i sensori di velocità ghiacciati e sono precipitati in caduta libera senza rispondere agli avvisi di “arresto”.

Ma l’agenzia francese per gli incidenti BEA ha anche rivelato precedenti discussioni tra Air France e Airbus sui crescenti problemi con le “sonde di pitot” esterne che generano letture di velocità.

Riassumendo i risultati dell’accusa, un giudice di Parigi ha affermato che Airbus era sospettato di reagire troppo lentamente al numero crescente di incidenti per eccesso di velocità con l’introduzione di un’indagine aggiornata.

READ  Putin concede la cittadinanza russa all'informatore statunitense Snowden

Nel frattempo, i risultati preliminari hanno sollevato dubbi sugli sforzi della compagnia aerea per garantire che i piloti siano ben addestrati.

I ruoli relativi del pilota o dell’errore del sensore saranno la chiave del processo, esponendo le amare divisioni che imperversano dietro le quinte tra due delle iconiche società francesi per più di un decennio.

Airbus incolpa l’errore del pilota per l’incidente, mentre il vettore francese afferma che i piloti sono stati sopraffatti da allarmi e dati confusi.

Gli avvocati hanno avvertito che il tanto atteso processo – che va avanti dopo l’annullamento della decisione di archiviare il caso – dovrebbe poter mettere da parte i parenti delle 33 nazionalità rappresentate in AF447, la maggior parte francesi, brasiliani e tedeschi.

“È un processo in cui le vittime devono rimanere al centro del dibattito. Non vogliamo che Airbus o Air France trasformino questo processo in una conferenza di ingegneri”, ha affermato l’avvocato Sebastien Bossi.

È la prima volta che le società francesi vengono perseguite per “omicidio colposo” a seguito di un incidente aereo. Le famiglie delle vittime affermano che i singoli manager dovrebbero essere sul banco degli imputati.

I parenti hanno anche ignorato la multa massima di 225.000 euro ($ 22.0612) che ciascuna compagnia aerea poteva ricevere: solo due minuti delle entrate pre-COVID-19 di Airbus o cinque minuti delle entrate dei passeggeri della compagnia aerea. Sono stati pagati anche importi maggiori e non divulgati di danni o accordi stragiudiziali.

READ  Immigrazione: fonti affermano che il supervisore di Biden sta lavorando a un piano per gestire il flusso di immigrati venezuelani

L’avvocato delle famiglie, Alan Jakubowicz, ha dichiarato: “Non si preoccuperanno dei 225mila euro. La loro reputazione.. ecco la posta in gioco (Air France e Airbus)”.

“Per noi, si tratta di qualcos’altro… la verità… e garantire che si traggano lezioni da tutti questi grandi disastri. Questo processo riguarda il ripristino di una dimensione umana”, ha detto ai giornalisti.

Formazione e sistemi sotto i riflettori

L’AF447 ha innescato un ripensamento dell’addestramento e della tecnologia ed è visto come uno dei pochi incidenti che hanno cambiato l’aviazione, compresi i miglioramenti a livello di settore nel riprendere il controllo perso.

Al centro della scena c’è il mistero del motivo per cui l’equipaggio di tre uomini, con oltre 20.000 ore di esperienza di volo tra di loro, non è riuscito a capire che il loro moderno aereo ha perso la portanza o si è “bloccato”.

Ciò richiedeva una manovra di base per spingere il muso in basso piuttosto che sollevarlo come hanno fatto in molte immersioni assassine di quattro minuti nell’Atlantico in una zona morta del radar.

La BAA francese ha affermato che l’equipaggio ha risposto in modo errato al problema del ghiaccio, ma non ha ricevuto l’addestramento necessario per volare manualmente ad alta quota dopo il ritiro dell’autopilota.

Ha anche evidenziato segnali incoerenti da uno schermo chiamato Flight Manager, che da allora è stato riprogettato per fermarsi a tali eventi per evitare confusione.

“Sarà un’esperienza difficile e siamo qui per offrire simpatia… ma anche il nostro contributo alla verità e alla comprensione”, ha detto ai giornalisti il ​​CEO di Airbus Faury dopo la sessione di apertura.

READ  Taiwan afferma che la guerra con la Cina non è un'opzione "assoluta", ma rafforza le difese

Regel ha espresso la sua “più profonda solidarietà” dopo aver detto alla corte che Air France non avrebbe mai dimenticato il suo peggior incidente.

Addolorato per la perdita di sua figlia nell’AF447, il CEO tedesco in pensione Bernd Jans ha paragonato l’incidente – con la sua attenzione agli esseri umani contro le macchine – alla recente crisi di sicurezza del Boeing 737 Max.

“Hanno cambiato il mondo e il punto di vista del pubblico su queste grandi aziende e organismi (di regolamentazione), che hanno un grande potere ma dovrebbero essere utilizzati”, ha affermato.

“Non possono ripristinare la fiducia in tali affermazioni”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo riferisce Tim Heaver. Montaggio di Kirsten Donovan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply