Amazon Care è chiuso

Sospensione

Amazon Care, il servizio sanitario virtuale e domiciliare inizialmente creato per i suoi dipendenti, chiuderà entro la fine di quest’anno, una mossa sorprendente visti i recenti investimenti dell’azienda nell’assistenza sanitaria.

Le persone che lavorano per Amazon Care hanno appreso la notizia in un incontro mercoledì, secondo due persone a conoscenza della questione, che hanno parlato in condizione di anonimato perché avevano firmato accordi di riservatezza.

Inizialmente lanciata come offerta sanitaria interna per i dipendenti di Amazon, AmazonCare è il secondo datore di lavoro privato più grande del paese. Oggi è disponibile per i dipendenti di una mezza dozzina di clienti aziendali tra cui Silicon Labs, Precor, Whole Foods di proprietà di Amazon e Hilton, il suo partner più grande che ha firmato con Amazon Care solo a dicembre.

Uno di loro ha detto che ai lavoratori è stato detto che il servizio sarebbe stato chiuso perché questi clienti non vedevano il valore del servizio. Decine di dipendenti perderanno il lavoro e alcuni se ne andranno entro ottobre, hanno detto i genitori.

La portavoce di Amazon Christina Smith ha confermato la decisione e ha pubblicato una nota in cui lo annunciava.

“Questa decisione non è stata presa alla leggera ed è diventata chiara solo dopo diversi mesi di attenta considerazione”, ha detto Neil Lindsey, vicepresidente senior della salute di Amazon, in una e-mail ai dipendenti. “Sebbene ai nostri membri registrati siano piaciuti molti aspetti di Amazon Care, non è un’offerta sufficientemente completa per i grandi clienti aziendali a cui ci rivolgevamo e non funzionerà a lungo termine”.

Nella sua e-mail, Lindsey ha affermato che i dipendenti di Amazon Care potrebbero essere assegnati ad altri lavori all’interno di Amazon e che la società “sosteniamo i dipendenti in cerca di lavoro al di fuori dell’azienda”.

Il fondatore di Amazon Jeff Bezos possiede il Washington Post. Amazon ha presentato per la prima volta la lettera che annunciava la chiusura di GeekWire e Fierce Healthcare.

A volte le ambizioni sanitarie di Amazon sono in conflitto con le migliori pratiche sanitarie

READ  La felpa UC Irvine di Costco è diventata un capo ricercato tra gli studenti

La decisione di chiudere Amazon Care è una sorpresa dato l’impegno del CEO di Amazon Andy Jassy nell’espansione degli investimenti sanitari in Amazon. Arriva sulla scia dell’acquisizione da 3,9 miliardi di dollari di Amazon della start-up sanitaria One Medical il mese scorso, un accordo che potrebbe essere sottoposto al controllo antitrust da parte della Federal Trade Commission.

Amazon Care consente ai pazienti di chattare virtualmente con gli operatori sanitari, impostare visite video e, in alcune località, chiedere all’operatore sanitario di visitare la propria casa per servizi tra cui vaccinazioni e controlli per problemi di salute comuni come le infezioni del tratto urinario. Il comfort del servizio è stato apprezzato dal personale.

Nella sua lettera del 2021 agli azionisti, Jassy ha nominato Amazon Care come un esempio del “tipo di innovazione iterativa” che è “pervasivo in ogni team di Amazon”.

Il team delle risorse umane di Amazon Care ha appreso che il servizio verrà chiuso questa settimana, secondo le persone che hanno familiarità con la questione. Nel frattempo, in altre divisioni Amazon, il personale delle risorse umane ha incoraggiato i dipendenti a iscriversi ad Amazon Care fino a martedì, secondo un dipendente Amazon che ha parlato a condizione di rimanere anonimo per proteggere i propri posti di lavoro.

“La decisione di Amazon di gettare la spugna dovrebbe arrivare come un’assoluzione per coloro che pensano che il business sanitario sia troppo complesso, anche per un’azienda come Amazon”, ha affermato in una lettera il consulente sanitario Paddy Padmanaban. “Ciò solleva la questione se chiunque possa avere successo come fornitore indipendente di cure primarie nel settore sanitario o se sia necessario far parte di un sistema sanitario integrato per farlo funzionare”.

Amazon Care è nato da un programma di incubazione interno segreto di Amazon chiamato Grand Challenge. In realtà è disponibile in tutto il paese e avrebbe dovuto espandersi in 20 città per l’assistenza domiciliare fornita da infermieri sanitari mobili entro la fine di quest’anno. Per raggiungere questa scala, l’azienda fa sempre più affidamento su agenzie di reclutamento di terze parti per fornire la propria forza lavoro clinica. Il personale è una sfida per tutte le organizzazioni sanitarie nel mezzo di una continua carenza di manodopera a seguito della pandemia di coronavirus.

READ  I futures Dow salgono, il prezzo del petrolio salta su mossa a sorpresa OPEC +, notizie Russia

Mercoledì, Amazon ha pubblicato 20 offerte di lavoro Amazon Care.

One Medical è un’offerta sanitaria all’avanguardia che unisce l’assistenza virtuale con le cliniche tradizionali in città come Boston, Chicago, DC e San Francisco, dove ha sede l’azienda. Sebbene l’azienda si sia concentrata in gran parte su una base di utenti giovane e urbana, che è il 2021 Ossessione Iora Health ha ampliato la sua portata al mercato in crescita e potenzialmente altamente redditizio per i pazienti Medicare di età pari o superiore a 65 anni.

Con l’acquisizione di One Medical, Amazon guadagnerà dipendenti, un’impronta al dettaglio e una vasta gamma di dati sanitari dei consumatori. Alcuni sostenitori della privacy hanno dubbi su come Amazon gestisce queste informazioni e alcuni clienti di One Medical sono contrari all’idea che le loro cure mediche siano gestite dal gigante dell’e-commerce.

Non è stato immediatamente chiaro se la sovrapposizione tra One Medical, che serve direttamente i consumatori, e Amazon Care, un benefit per i dipendenti inteso in parte ad aiutare le aziende a ridurre i costi dell’assistenza sanitaria, abbia portato alla decisione di Amazon di terminare il programma.

La scorsa settimana, The Post ha riferito delle tensioni tra Amazon Care e il personale medico che l’azienda aveva chiamato per curare i pazienti. Questi professionisti medici lavorano per una società indipendente chiamata Care Medical, anch’essa chiusa. Sei ex dipendenti hanno affermato che le due parti si sono scontrate sull’approccio rapido e frugale di Amazon all’espansione di AmazonCare, che alcuni ex dipendenti hanno ritenuto prioritario lavorare sulle migliori pratiche mediche.

Amazon ci vedrà ora: il gigante della tecnologia acquista una catena sanitaria per 3,9 miliardi di dollari

Un ex dirigente di AmazonCare ha detto all’epoca che Amazon avrebbe cercato di fare quello che fa in ogni altra area di attività: cercherebbe di renderlo migliore di tutti gli altri, renderlo meno costoso e adottarlo follemente per comodità. Ma l’assistenza sanitaria è diversa. Difficile.”

READ  La forza economica costringe la Federal Reserve a diventare più aggressiva

In risposta, Smith di Amazon ha affermato in un’e-mail che Amazon ha dato la priorità alla sicurezza dei pazienti e dei dipendenti e che “AmazonCare si è evoluto e migliorato sia per i pazienti che per i medici dai giorni del nostro programma pilota”.

Lindsay – Veterano di Amazon ha preso il sopravvento La divisione dei servizi sanitari dell’azienda lo scorso dicembre ha confermato nella sua lettera che Amazon rimane impegnata nel settore sanitario.

La nostra visione è rendere più facile per le persone l’accesso ai prodotti e ai servizi sanitari di cui hanno bisogno per rimanere in salute. Sappiamo che raggiungere questo obiettivo non sarà facile o veloce, ma pensiamo che sia importante”.

Questo è il secondo grande investimento sanitario in cui Amazon è crollata. Un’impresa assicurativa sanitaria chiamata Haven, che ho co-creato con le società di fondi Berkshire Hathaway e JPMorgan Chase, ha chiuso l’anno scorso.

Un progetto sanitario di alto profilo supportato da Amazon, JPMorgan e Berkshire Hathaway shutters

La società continua a gestire Amazon Pharmacy, il servizio di ordinazione e consegna di prescrizioni nato dall’acquisizione di Pillpack nel 2018. La divisione di cloud computing, Amazon Web Services, ha una presenza significativa nel settore sanitario, utilizzando il machine learning per analizzare i dati sanitari per le grandi organizzazioni sanitarie, tra le altre.

All’inizio di questo mese, Amazon Care lo ha annunciato Sarà una partnership con Ginger, una startup di terapia virtuale, per fornire servizi di salute mentale virtuale. Amazon offre anche servizi sanitari virtuali tramite Alexa attraverso una partnership con Teladoc.

Nell’anno in cui ha assunto la carica di CEO, Jassy ha cercato di concentrarsi sull’attività di Amazon, chiudendo alcune operazioni di vendita al dettaglio e rallentando la crescita nella divisione logistica. Questa interruzione non è esattamente rara per Amazon, che enfatizza la flessibilità e si muove rapidamente per eliminare i progetti che non funzionano.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply