Bill Barr ha testimoniato davanti al comitato della Camera il 6 gennaio sulle affermazioni elettorali di Trump

L’ex procuratore generale degli Stati Uniti Bill Barr è stato visto in un video che ha presentato per un’audizione pubblica al comitato ristretto della Camera degli Stati Uniti per indagare sull’attacco del 6 gennaio 2022 a Capitol Hill a Washington, DC, il 6 gennaio 207. REUTERS / Jonathan Ernst

Jonathan Ernst | Reuters

L’ex procuratore generale William Barr ha evitato le accuse di frode diffusa durante la sua conversazione con il presidente Donald Trump dopo le elezioni del 2020, ma Trump si è rifiutato di credere che i risultati fossero legittimi, ha detto Barr in una testimonianza registrata presentata lunedì.

Nei commenti della commissione della Camera che indaga sull’attacco del 6 gennaio al Campidoglio, Barr ha ridicolizzato le accuse di frode elettorale di Trump. La testimonianza di Barr è stata mostrata alla seconda udienza pubblica della giuria che descrive i risultati della sua indagine, che ha ritratto Trump come riluttante a fidarsi dell’allora procuratore generale quando Barr ha respinto false affermazioni sui risultati delle elezioni.

“Dopo le elezioni, sembrava non ascoltare”, ha detto Barr, descrivendo la sua relazione con Trump dopo la sua perdita contro l’ex presidente Joe Biden.

Bar ha detto pubblicamente Non si sono verificate irregolarità elettorali In un’intervista pubblicata a dicembre 2020 dall’Associated Press. Nello stesso mese ha rassegnato le dimissioni.

Barr ha testimoniato durante la sua testimonianza del panel che le false affermazioni di Trump sulle elezioni hanno contribuito alla sua decisione di lasciare l’amministrazione.

Gli investigatori domestici hanno mostrato loro la testimonianza di Barr Ha descritto gli sforzi di Trump e dei suoi alleati per diffondere accuse di frode infondate Dopo le elezioni del 2020. Una folla di sostenitori di Trump che credevano che le elezioni fossero state truccate è entrata in Campidoglio il 6 gennaio 2021, costringendo i legislatori ad andarsene quando è stata confermata la vittoria del college elettorale di Biden.

READ  Gli Stati Uniti e i loro alleati si stanno preparando per nuove sanzioni russe sulla scia dell'assassinio di Pucha

Da quando si è dimesso, Trump ha continuato ad affermare falsamente che le elezioni gli erano state truccate e rubate. Non ha escluso di correre alle elezioni presidenziali del 2024.

Dopo le elezioni, Bar ha incontrato il presidente alla Casa Bianca alla fine di novembre 2020, ha affermato l’ex procuratore generale. Trump ha detto che c’era stata “una massiccia frode” alla riunione e che “una volta che i fatti verranno fuori, i risultati elettorali saranno annullati”. Più tardi, ha detto Barr, Trump ha detto che la magistratura non pensava che avesse nulla. Partecipa alle indagini sui reclami per frode.

Barr ha detto a Trump di aver sostenuto la neutralità del DOJ durante la riunione, osservando che il DOJ “non era una parte alle elezioni” e che “il dipartimento non è un’estensione del tuo comitato legale”.

Il genero di Trump e consigliere senior Jared Kushner e l’allora amministratore delegato presidenziale Mark Meadows hanno parlato con Baru dopo l’incontro. Entrambi hanno suggerito a Barry di ritenere che Trump fosse giunto alla conclusione che le elezioni erano fallite, secondo l’ex procuratore generale.

Tuttavia, pochi giorni dopo, Trump è andato a Fox News e ha fatto a pezzi la magistratura, raccomandando casi di frode elettorale non provati.

“Sono un po’ depresso, ragazzo, se crede davvero a queste cose, ha perso i contatti – se crede davvero a queste cose, ne ha davvero preso le distanze”, ha spiegato Barr descrivendo la posizione continua di Trump sulle elezioni.

Dopo i commenti di Bar all’AP, Trump ha incontrato di nuovo il suo procuratore generale alla Casa Bianca e ha ribadito le sue false accuse di frode elettorale.

READ  Incidente del traghetto di Miami: 2 corpi salvati, 10 salvati dalla Guardia Costiera della Marina degli Stati Uniti

È stato lì, secondo Barr, che il procuratore generale ha detto al presidente che “le accuse di frode sono cazzate —-“. Barr ha ribadito di aver “sprecato un mese intero con le macchine per il voto del Dominion e che erano sciocchezze”.

– Kevin Bruninger della CNBC ha contribuito a questa storia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply