Blocco di Shanghai: i residenti chiedono il rilascio, alcuni lo ottengono

PECHINO (AFP) – In una tiepida domenica notte, i residenti di un complesso di lusso di Shanghai sono scesi in strada per denunciare le restrizioni di blocco della loro comunità. La mattina dopo erano liberi di partire.

La storia della vittoria si è rapidamente diffusa nei gruppi di chat in tutta la città cinese questa settimana, sollevando una domanda nella mente di coloro che sono rimasti in isolamento: non dovremmo fare lo stesso?

Entro la fine della settimana, altri gruppi di residenti hanno dovuto affrontare la somministrazione nei loro complessi e alcuni hanno vinto almeno lo sgombero parziale.

Anche se non è chiaro quanto sia comune, gli incidenti Riflettendo la frustrazione che si è accumulata dopo più di sette settimane di chiusuraanche se il numero di nuovi casi giornalieri è sceso a poche centinaia in una città di 25 milioni di persone.

È anche un promemoria del potere dei comitati di vicinato cinesi su cui il Partito Comunista al potere fa affidamento per diffondere messaggi di propaganda, far rispettare le sue decisioni e persino risolvere controversie personali. Tali commissioni e le loro commissioni per gli alloggi sono diventate oggetto di denunce, soprattutto dopo che alcune a Shanghai e in altre città si sono rifiutate di far uscire i residenti anche dopo che le restrizioni ufficiali sono state allentate..

Più di 21 milioni di persone a Shanghai si trovano ora nelle “zone di precauzione”, la categoria meno restrittiva. In teoria, sono liberi di uscire. In pratica, la decisione spetta ai loro comitati abitativi, il che ha portato a uno spettacolo di regole arbitrarie.

READ  Biden annuncia un nuovo programma per i rifugiati ucraini di entrare negli Stati Uniti per motivi umanitari

Alcuni sono ammessi all’esterno, ma solo per poche ore con abbonamento speciale per uno o determinati giorni della settimana. Alcuni posti consentono a una sola persona per nucleo familiare di uscire. Altri impediscono affatto alle persone di andarsene.

“In realtà abbiamo avuto almeno tre date diverse quando riapriremo, e nessuna di queste era reale”, ha detto Weronika Truszczynska, una studentessa laureata polacca che ha scritto sul blog la sua esperienza.

“La commissione per gli alloggi ci ha detto che puoi aspettare una settimana e probabilmente riapriremo i battenti il ​​​​1 giugno”, ha detto. “Nessuno le ha creduto.”

Più di una dozzina di residenti del suo complesso, molti sotto l’ombrellone in una giornata piovosa, si sono confrontati con i loro manager martedì, due giorni dopo una fuga di domenica notte nell’elegante complesso di Huixianju.

I residenti, per lo più cinesi, hanno chiesto di poter partire senza limiti di tempo o restrizioni di numero per famiglia. Dopo che le richieste non sono state soddisfatte, alcuni sono tornati a protestare il secondo giorno. Questa volta, quattro agenti di polizia rimasero a guardare.

Giovedì pomeriggio, i rappresentanti della comunità hanno bussato alle porte di ogni residente con una nuova politica: scrivere il loro nome e numero di appartamento sulla lista, controllare la temperatura, scansionare il codice a barre – ed erano liberi di andarsene.

“Abbiamo avuto la possibilità di uscire solo perché siamo stati abbastanza coraggiosi da protestare”, ha detto Truszczynska dei suoi concittadini.

Il blocco di Shanghai ha anche suscitato resistenza da parte delle persone che sono state portate in quarantena e dei lavoratori obbligati a dormire nei loro luoghi di lavoro. I video sui social media mostravano quelli che si diceva fossero dipendenti di una fabbrica gestita da Quanta Computer Inc. I taiwanesi cercano di lasciare la struttura all’inizio di maggio.

READ  Guarda tutte le foto di Meghan Markle e del principe Harry a Trooping the Colour 2022

La dura campagna antivirus del partito è stata rafforzata da un ambiente urbano in cui centinaia di milioni di persone in Cina vivono in condomini recintati o quartieri murati che possono essere facilmente chiusi a chiave.

La prima linea delle forze dell’ordine sono i comitati di quartiere responsabili del monitoraggio di ogni residente di ogni casa urbana a livello nazionale e dell’applicazione delle norme sanitarie e igienico-sanitarie pubbliche.

Molti tendono a peccare dalla parte di un’applicazione eccessiva, consapevoli dell’esempio dato dai funzionari pubblici che sono stati licenziati o criticati per aver mancato ai loro doveri di prevenzione delle epidemie.

L’importanza dei comitati di quartiere è diminuita negli anni ’90 quando il Partito Comunista ha allentato le restrizioni ai movimenti dei cittadini, ma sono stati soggetti a una rinascita nel continuo inasprimento del controllo sociale sotto il presidente Xi Jinping.

L’incidente a Huixianju ha spinto gli altri a parlare. In una serie di video che circolano questa settimana, circa due dozzine di persone si sono avvicinate alla stazione di polizia di Nanjing West Road, cantando “Rispetta la legge, restituiscimi la mia vita”.

I residenti di un complesso nel distretto di Jing’an hanno visto aprire le porte dei complessi vicini nell’ultimo mese, ma i loro cancelli rimangono chiusi. Mercoledì una ventina di persone si sono radunate al cancello e hanno chiamato per parlare con un rappresentante.

“Voglio capire cosa stanno pianificando i capi di quartiere?” Una donna chiede in un video clip dell’incidente. Un’altra donna ha detto: “Stai facendo progressi?” Una terza consonante indica che ora dovrebbero essere libere, perché il complesso è stato privo di maiuscole per un po’. Non hanno detto in TV che le cose si stanno aprendo? “L’abbiamo visto in TV”, dice un uomo più anziano.

READ  Ucraina e Russia live news: Sloviansk si prepara alla 'grande battaglia' | notizie di guerra tra Russia e Ucraina

Il giorno successivo, la comunità ha emesso abbonamenti giornalieri: i residenti sono stati autorizzati a uscire per due ore venerdì, senza sapere cosa sarebbe successo dopo.

Le autorità di Shanghai hanno annunciato che l’obiettivo di giugno è che la vita torni alla normalità. Ma alcune persone non aspettano e a poco a poco spingono i confini.

Più di una dozzina di giovani si sono radunati giovedì sera per un concerto di strada nello stesso quartiere in cui si è svolta la protesta di domenica. Un video dell’ultima canzone “Tomorrow Will Be Better” è stato ampiamente condiviso sui social media.

Un’auto della polizia era parcheggiata lì vicino, con le luci rosse e blu e i fari accesi. Mentre l’ultima canzone volgeva al termine, un ufficiale in armatura si avvicinò al gruppo e disse: “Okay, mi sono divertito abbastanza. È ora di tornare”. La folla si disperse.

___

Il ricercatore dell’Associated Press Si Chen a Shanghai e lo scrittore Joe MacDonald a Pechino hanno contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply