Caos negli aeroporti: i viaggi in Europa sono esposti a tagli epidemici

LONDRA (AFP) – Le code aeroportuali sono lunghe e i bagagli smarriti si accumulano. Sarà un’estate caotica per i viaggiatori in Europa.

Liz Morgan arriva all’aeroporto di Amsterdam Schiphol 4 ore e mezza prima del suo volo per Atene, trova una linea di sicurezza che esce di soppiatto dall’edificio fino a una grande tenda lungo una strada prima di rientrare nell’edificio principale.

“Ci sono anziani in fila, ci sono bambini, neonati. Niente acqua, niente. Niente segnaletica, nessuno che aiuta, niente bagni”, ha detto Morgan, che viene dall’Australia e lunedì ha cercato di risparmiare tempo facendo il check-in online e semplicemente prendendo una borsetta. .

“Le persone non potevano andare in bagno perché se esci dalla coda, perdevi il tuo posto”, ha detto.

Dopo due anni di restrizioni pandemiche, la domanda di viaggi è di nuovo in aumento, ma le compagnie aeree e gli aeroporti stanno tagliando posti di lavoro durante la crisi del COVID-19. Lottano per stare al passo. Con l’inizio dell’intensa stagione turistica estiva in Europa, i passeggeri devono affrontare scene caotiche negli aeroporti, inclusi ritardi prolungati, voli cancellati e mal di testa dovuti alla perdita del bagaglio.

Schiphol, l’aeroporto più trafficato dei Paesi Bassi, taglia i voli, affermando che ci sono migliaia di posti aerei al giorno al di sopra della capacità che il personale di sicurezza può gestire. Il vettore olandese KLM si è scusato per aver bloccato i passeggeri lì questo mese. Potrebbero volerci mesi prima che Schiphol abbia abbastanza personale per alleviare la pressione, Ben SmithLo ha detto giovedì il CEO dell’alleanza aerea Air France-KLM.

Londra Gatwick e Heathrow chiedono alle compagnie aeree di limitare i loro numeri di volo. EasyJet scontata sta cancellando migliaia di voli estivi per evitare cancellazioni dell’ultimo minuto e in risposta al tanto di cappello a Gatwick e Schiphol. Le compagnie aeree nordamericane hanno scritto al capo dei trasporti irlandese chiedendogli di intraprendere un’azione urgente per affrontare i “ritardi significativi” all’aeroporto di Dublino.

Quasi 2.000 voli dai principali aeroporti dell’Europa continentale sono stati cancellati durante una settimana di questo mese, con Schiphol che rappresentava quasi il 9%, secondo i dati della società di consulenza aeronautica Cirium. Cerium ha affermato che altri 376 voli sono stati cancellati dagli aeroporti del Regno Unito, di cui Heathrow rappresenta il 28%.

READ  Il Dow Jones si tuffa mentre le mele si sbriciolano; Le azioni di Tesla stanno scendendo come fa Elon Musk

È una storia simile negli Stati UnitiLe compagnie aeree hanno cancellato migliaia di voli in due giorni la scorsa settimana a causa del maltempo con il numero crescente di turisti in estate.

“Nella stragrande maggioranza dei casi, le persone viaggiano”, ha affermato Julia Le Bui Said, CEO di Advantage Travel Group, che rappresenta circa 350 agenti di viaggio nel Regno Unito. Ma gli aeroporti sono a corto di personale e le autorizzazioni di sicurezza per i nuovi assunti richiedono più tempo per essere elaborate.

“Creano tutti colli di bottiglia nel sistema”, ha detto, il che significa anche “quando le cose vanno male, vanno terribilmente male”.

L’amministrazione Biden annulla i test COVID-19 Per le persone che entrano negli Stati Uniti, dà una spinta in più alla domanda repressa di viaggi transatlantici. Boy Said ha detto che i clienti del suo gruppo hanno segnalato un aumento delle prenotazioni negli Stati Uniti dopo che la regola è stata cancellata questo mese.

Per i viaggiatori americani in Europa, anche l’aumento del dollaro nei confronti dell’euro e della sterlina è un fattore che rende gli hotel e i ristoranti più convenienti.

A Heathrow, la scorsa settimana un mare di bagagli non ritirati ha coperto il pavimento del terminal. L’aeroporto ha accusato problemi tecnici nel sistema dei bagagli e ha chiesto alle compagnie aeree di tagliare il 10% dei voli in due terminal lunedì, colpendo circa 5.000 passeggeri.

L’aeroporto ha affermato che “un certo numero di passeggeri” potrebbe aver viaggiato senza bagagli.

Quando la scrittrice di libri di cucina Marlena Spiller è tornata in aereo da Stoccolma questo mese, ha impiegato tre ore per superare il controllo passaporti.

Speller, 73 anni, ha passato almeno un’altra ora e mezza a cercare i suoi effetti personali nell’area bagagli, che era una “casa pazza, con mucchi di borse ovunque”.

Ha quasi rinunciato, prima di scoprire la sua borsa su una giostra. Ha programmato un altro viaggio in Grecia tra poche settimane ma ha paura di tornare in aeroporto.

“Onestamente, ho paura per la mia sicurezza. Sono abbastanza forte per resistere a questo?”, ha detto Spiller via e-mail.

READ  Gradi in crash, gli investitori in criptovalute sono terrorizzati

In Svezia, quest’estate le code di sicurezza all’aeroporto Arlanda di Stoccolma erano così lunghe che molti passeggeri sono arrivati ​​più di cinque ore prima dell’imbarco. Stanno emergendo così tante cose così presto che i funzionari stanno allontanando i viaggiatori che arrivano più di tre ore prima del loro volo per alleviare la congestione.

Nonostante alcuni miglioramenti, lunedì la linea verso uno dei posti di blocco si è estesa per oltre 100 metri (328 piedi).

Quattro giovani donne tedesche, temendo di perdere il volo per Amburgo in attesa di controllare i bagagli, hanno chiesto agli altri passeggeri se potevano saltare in prima fila. Una volta lì, hanno acquistato abbonamenti preferenziali per evitare la lunga coda di sicurezza.

Lena Weil, 19 anni, ha detto di non aver visto lo stesso livello di caos in altri aeroporti, “non così, credo”, prima di precipitarsi sulla corsia preferenziale.

Migliaia di piloti, personale di cabina, addetti ai bagagli e altri lavoratori del settore aereo sono stati licenziati durante la pandemia e ora non c’è abbastanza per gestire il recupero del viaggio.

“Alcune compagnie aeree stanno lottando perché penso che sperassero di ripristinare i livelli di personale più velocemente di quanto possano fare”, ha affermato Willie Walsh, presidente della International Air Transport Association.

Walsh ha dichiarato alla riunione annuale del gruppo di compagnie aeree commerciali questa settimana in Qatar che la carenza di personale dopo la pandemia non è esclusiva del settore aereo.

“Ciò che ci rende difficile è che molti lavori non possono essere gestiti da remoto, quindi le compagnie aeree non sono state in grado di offrire alla loro forza lavoro la stessa flessibilità delle altre società”, ha affermato. “I piloti devono essere presenti per guidare l’aereo, l’equipaggio di cabina deve essere presente e dobbiamo avere persone che caricano i bagagli e aiutano i passeggeri”.

Joost van Doesburg del sindacato FNV, che rappresenta la maggior parte dei dipendenti all’aeroporto Schiphol di Amsterdam, ha affermato che i lavoratori delle compagnie aeree licenziati “hanno trovato nuovi lavori con salari più alti e contratti più stabili”. “Ora tutti vogliono viaggiare di nuovo”, ma i lavoratori non vogliono lavoro negli aeroporti.

READ  Le azioni di Robinhood crollano mentre la società annuncia i licenziamenti

L’amministratore delegato della compagnia aerea low cost Ryanair, la più grande compagnia aerea europea, ha avvertito che i ritardi e le cancellazioni dei voli continueranno “per tutta l’estate”. I passeggeri dovrebbero aspettarsi “un’esperienza tutt’altro che soddisfacente”, ha detto Michael O’Leary a Sky News.

Alcuni aeroporti europei finora non hanno avuto grossi problemi ma si stanno preparando. L’aeroporto internazionale Vaclav Havel di Praga prevede che il numero di passeggeri aumenterà la prossima settimana e fino a luglio, “quando vedremo carenza di personale, soprattutto ai posti di blocco”, ha detto la portavoce Clara Devskova.

Ha detto che l’aeroporto era ancora a corto di “dozzine di personale” nonostante la campagna di reclutamento.

Anche le controversie di lavoro creano problemi.

In Belgio, Brussels Airlines ha affermato che uno sciopero di tre giorni a partire da giovedì comporterà la cancellazione di circa 315 voli e interesserà circa 40.000 passeggeri.

L’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi è stato colpito per due giorni questo mese, uno dal personale di sicurezza e uno dal personale dell’aeroporto che affermano che gli stipendi non stanno al passo con l’inflazione. Un quarto dei voli è stato cancellato il secondo giorno.

Alcuni piloti di Air France hanno minacciato uno sciopero sabato, avvertendo che l’affaticamento dell’equipaggio stava minacciando la sicurezza del volo, anche se Smith, amministratore delegato della compagnia aerea, ha affermato che non avrebbe dovuto interrompere le operazioni. I dipendenti dell’aeroporto hanno promesso un altro sciopero relativo alla retribuzione il 1 luglio.

Tuttavia, Jan Pezdek, portavoce dell’agenzia di viaggi ceca CK Fischer, che quest’anno ha venduto più pacchetti vacanza rispetto a prima della pandemia, ha affermato che, tuttavia, è improbabile che i problemi aeroportuali dissuadano le persone dal volare.

“Quello che possiamo vedere è che le persone non sopportano l’attesa di viaggiare dopo la pandemia”, ha detto Pezdek. “Qualsiasi problema negli aeroporti difficilmente può cambiarlo”.

___

Corder riportato dall’Aia. Hanno contribuito i giornalisti di AP Alexander Fortola ad Amsterdam, Karel Janicek a Praga, Karl Ritter a Stoccolma, Angela Charlton a Parigi, Samuel Petriken a Bruxelles e David Koenig a Dallas.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply