Capo del FMI: un ulteriore calo del 20% delle azioni statunitensi è “decisamente possibile”

Il cambiamento nel sentiment degli investitori potrebbe vedere un ulteriore calo del 20% per i mercati azionari statunitensi, secondo il direttore dei mercati monetari e dei capitali del Fondo monetario internazionale.

La ricerca del FMI ha rilevato che i tassi di interesse più elevati e le aspettative di guadagni futuri hanno spinto al ribasso le valutazioni delle società data l’attuale flessione del mercato, ha detto Tobias Adrian della CNBC a Jeff Cutmore in occasione degli incontri annuali del FMI e del Gruppo della Banca Mondiale del 2022 a Washington Capital.

Martedì, ha affermato che il sentimento e i rendimenti del rischio hanno tenuto “bene” finora, portando a un “inasprimento ordinato”.

chiesto di un L’ultima intervista della CNBC con Jamie DimonIn cui il CEO di JPMorgan ha affermato, Standard & Poveri 500 Potrebbe facilmente scendere di un altro 20%, ha detto Adrian, il che è “certamente possibile”.

Il benchmark è sceso di circa il 25% da inizio anno.

Riserva Federale degli Stati Uniti Ha raccolto i suoi soldi al 3%-3,25%, il livello più alto dall’inizio del 2008, a settembre mentre tenta di raffreddare il tasso di inflazione su base annua dell’8,3%. Gli ultimi dati sull’inflazione negli Stati Uniti sono previsti giovedì.

“Penso che ciò che Jamie Dimon stia segnalando sia che potrebbe esserci anche un cambiamento nel sentimento. E questo ovviamente tornerà all’attività economica”, ha detto Adrian.

“Ora, per la cifra del 20%, è sicuramente possibile. Non è la nostra linea di base, ma è qualcosa che è possibile”.

Adrian ha aggiunto che l’FMI non ha una cifra specifica per la sua linea di base, ma è stata una situazione in cui le condizioni finanziarie continuano a restringersi, l’attività economica rallenta e i mercati continuano a essere sotto pressione.

READ  Gli hub esclusivi di Airbus rimanenti con l'A350 trattano con Qatar Airways - fonti
Damon: Standard & Poor's potrebbe passare

Martedì, Fondazione pubblicato Le sue prospettive economiche globali, poiché prevede che la crescita globale rallenterà al 2,7% l’anno prossimo, 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di luglio.

Ha anche affermato che il 2023 sembrerà una recessione per milioni di persone in tutto il mondo, con circa un terzo dell’economia globale in fase di flessione.

L’alto rischio della crisi

Adrian ha detto alla CNBC che, nonostante la recente volatilità in aree come titoli di stato britanniciLa linea di base del FMI ha continuato che i mercati del credito globali sarebbero rimasti in “modo ordinato” e non si sarebbero trasformati in una vera e propria crisi su scala Lehman.

Ma ha aggiunto che c’è molto rischio al ribasso.

“[Financial stability risks] Troppo alto. È più alto solo in tempi di crisi acuta, come la crisi del 2008, la crisi del Covid 2020 o la crisi dell’euro”.

“Quindi sì, siamo in un momento molto stressante e speriamo di evitare un evento sistemico. Ma la probabilità è decisamente alta a questo punto”.

Ha notato che le banche hanno molto più capitale e liquidità rispetto alla crisi del 2008, quando il sistema bancario ha causato un forte stress acuto – tuttavia, lo scenario opposto nei mercati emergenti vedrebbe il 30% delle attività bancarie sottocapitalizzato, punti di debolezza in Ha avvertito che il sistema finanziario non bancario potrebbe permeare il sistema bancario.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply