Chi parteciperà al ballottaggio per la Baseball Hall of Fame nel 2024? Adrián Beltré e Chase Utley sono gli headliner dei nuovi arrivati

La polvere si è posata sul voto della Baseball Hall of Fame del 2023. Guardando avanti alla prossima stagione, possiamo già iniziare a votare.

Ce l’ha Scott Rollin Ha ricevuto l’inserimento nella Hall of Fame con un punteggio del 76,3%.. Jeff Kent è caduto dal ballottaggio dopo 10 anni. I seguenti giocatori hanno segnato tra il 5 e il 75 percento e non sono stati nel ballottaggio per 10 anni interi, il che significa che torneranno di nuovo l’anno prossimo:

Carlos Beltran, Todd Hilton, Billy Wagner, Andrew Jones, Gary Sheffield, Alex Rodriguez, Manny Ramirez, Omar Vizquel, Andy Pettitt, Jimmy Rollins, Bobby Abreu, Mark Bohrley, Torey Hunter e Francisco Rodriguez.

Questo è il punto di partenza. Successivamente, le matricole.

Le regole della Hall of Fame impongono che un giocatore debba essere ritirato per cinque stagioni prima di essere aggiunto al ballottaggio BBWAA. Negli ultimi anni il ballottaggio è stato compreso tra 25 e 35 giocatori. Ciò significa che per il prossimo ciclo aggiungeremo almeno i prossimi 10 nomi, più almeno altri.

Adrian Beltrè

Oh, sì, abbiamo iniziato qui. Mentre mi piacciono le discussioni e imparare di più sugli ex giocatori durante i miei anni di ricerca, è anche divertente avere un gioco da ragazzi. Non abbiamo visto nessuno ottenere l’80 percento dei voti da quando Derek Jeter si è avvicinato al 100 percento per la classe del 2020. Non credo che Beltré non sarà unanime, ma supererà facilmente l’80 percento.

Stiamo parlando di un giocatore estremamente popolare, quasi universalmente amato, con un impressionante curriculum di tutti i tempi. Ha totalizzato 3.166 successi in carriera, inclusi 636 doppi e 477 fuoricampo. Ha portato a casa 1.707 punti mentre ne ha raggiunti 1.524. Non ha segnato 100 strikeout in nessuna delle ultime 11 stagioni. 286 battitore, battendo 0,300 sette volte. Tutto ciò, insieme alla sua eccezionale difesa lunga in terza base, lo colloca al terzo posto in WAR in carriera tra i terzi base dopo Mike Schmidt e Eddie Matthews. Questo è tutto.

E come bonus, la sua pagina Wikipedia non contiene “controversie” o “problemi legali” o cose del genere, ma contiene “opera di beneficenza e umanitaria”.

L’unica cosa che non vedo l’ora qui è dover vedere le inevitabili e disperate richieste di attenzione/impegno sui social media da parte di presunti oppositori, siano essi elettori o fan.

Mauer è un buon esempio del motivo per cui aspettiamo cinque anni dopo il ritiro di un giocatore prima di discutere le sue credenziali. Verso la fine della sua carriera, ho visto molta negatività nella sua direzione. Non abbiamo bisogno di rivisitare le ragioni per il momento. Quello che possiamo fare è guardare il suo curriculum nel suo insieme.

READ  "Mi aspetto" che alleni il Michigan nel 2023, dice Jim Harbaugh; Fonte: programma prevede reclami NCAA

Mauer ha vinto gli onori di Most Valuable Player e tre titoli di successo. Ha anche collezionato tre guanti d’oro e cinque argenti come ricevitore. Questo tipo di abilità in questa posizione è davvero un’aria rara. 306 con una percentuale di 0,38 in base nella sua carriera, e sebbene il potere non fosse il suo biglietto da visita, ha comunque armeggiato abbastanza da ritirarsi con 124 OPS +. Tra i giocatori che hanno trascorso almeno la metà del loro tempo dietro al piatto e sono apparsi in almeno 1.000 partite, questo è il numero 13 di tutti i tempi.

I 2.123 successi di Mauer sono al nono posto tra i ricevitori, mentre i suoi 1.018 punti sono all’undicesimo posto e i suoi 428 doppi al terzo posto. Aggiunge 143 homer e 923 RBI. In WAR, Mauer si trova al nono posto tra i catcher, dietro otto Hall of Famers e seduto davanti agli altri otto. È settimo in JAWS dietro Johnny Bench, Gary Carter, Evan Rodriguez, Carlton Fisk, Mike Piazza e Yogi Berra.

Vincitore sei volte All-Star, quattro volte Silver Slugger e campione delle World Series 2008 lo è Veles leggenda. In 16 stagioni di big league, Utley ha segnato .275/.358/.465 (117 OPS+) con 1.885 hit, 411 doppi, 259 home run, 1.025 RBI, 1.103 run e 154 basi rubate. Ha ottenuto tre piazzamenti tra i primi 10 nella votazione MVP, ma non è mai stato superiore al settimo.

Ai tempi di Utley con i Phillies, aveva un .402 OBP e .500 corse con sette doppie, una tripla, 10 homer e 25 RBI in 46 partite di playoff.

Potrebbe essere ancora impegnato in una rissa. In assenza di una barriera di 2.000 colpi o totali accattivanti per qualsiasi altra cosa, dovrà contare su elettori che adorano JAWS. È dodicesimo tra i secondi base, dietro a 10 Hall of Famers, Robinson Canó e Bobby Grich. È davanti a molti Hall of Famer come Roberto Alomar e Craig Biggio. È anche con la media JAWS dell’attuale Hall of Fame per la seconda base, anche se leggermente inferiore a quella che è in WAR.

READ  Sessione sul Calvario: i Buckeyes che volano sotto il radar, nello stato dell'Ohio, si tratta di un'università ad ampia accoglienza e a Columbus si sta solo raffreddando

Finirà per fare meglio dei giocatori a cui è più associato come Jimmy Rollins e Ryan Howard, ma credo che sarà presto.

Gli infortuni probabilmente gli sono costati l’ultima parte della sua carriera, a differenza di Don Mattingly o Dale Murphy degli anni ’80. All’età di 30 anni, Wright era sulla buona strada per essere inserito nella Hall of Fame. Ha concluso la sua carriera colpendo .296/.376/.491 in quasi 1.600 partite, 133 OPS+. Ha anche avuto solo 1.777 colpi, 390 doppi, 242 fuoricampo, 970 RBI e 949 corse con 196 basi rubate. Senza un quarto posto nella votazione MVP o un enorme file di playoff, è difficile vedere Wright avere una vera possibilità. Sicuramente si colloca al 26° posto nel JAWS, ben al di sotto del livello di Hall e in un gruppo di buoni giocatori come Ron C. e Josh Donaldson.

Sette volte All-Star, ha vinto quattro volte i Silver Sluggers, un titolo di battuta e un NLCS MVP ed è stato un produttore di medio livello per un campione delle World Series. In parti di 15 stagioni, Holiday ha schiaffeggiato .299/.379/.510 (132 OPS+). Ha segnato 2.096 colpi, 468 doppi, 316 fuoricampo, 1.220 RBI e 1.157 corse. Non ha mai vinto il premio Most Valuable Player, ma una volta è arrivato secondo.

A causa in parte di alcune raccolte sul campo di Coors e di scarsi risultati difensivi, i componenti WAR e JAWS non aiutano. È l’esterno sinistro numero 36 sia a JAWS che a WAR, seduto a destra con Brett Gardner e George Foster. Buoni giocatori, ma non una compagnia da Hall of Fame.

Holliday dovrà fare una grossa ammaccatura con il corpo elettorale nelle sue statistiche di conteggio e non sono neanche lontanamente numeri tondi come 3.000 colpi e 500 fuoricampo.

Adrian González

Una prima scelta assoluta nel 2000, Gonzalez ha avuto una carriera di 15 anni molto produttiva. Ha guidato il campionato in successi, RBI e una camminata ciascuno. Ha superato 2.000 colpi (2.050) e ha segnato 317 fuoricampo con 1.202 RBI, concludendo la sua carriera con .287/.358/.485 (129 OPS+). Il cinque volte All-Star ha portato a casa almeno 100 corse sette volte con altre tre stagioni da oltre 90 RBI. È arrivato quarto nella votazione MVP vincendo quattro Gold Gloves e due Silver Sluggers.

Tra i primi base, Gonzalez è 40esimo a JAWS e 43esimo in guerra.

READ  Risultati Canelo vs GGG 3: live bottom card e aggiornamenti sull'evento principale

José Bautista

Ti ricordi quando è diventato il giocatore più anziano di baseball? Questo è stato divertente. Dopo 59 homer durante la sua stagione di 28 anni, Bautista ne ha abbandonati 54 nel 2010 e 43 nel 2011, guidando le major in entrambe le stagioni. Ha finito per andare a sei presenze All-Star consecutive e finire tra i primi otto nella votazione MVP quattro volte, incluso un terzo posto e un quarto posto.

Il picco c’era.

Bautista ha concluso la sua carriera con .247/.361/.475 (124 OPS+) con 1.496 hit, 312 double, 344 homer, 975 RBI e 1.022 run.

Quel climax è stato decisamente divertente.

José Reyes

Il quattro volte All-Star ha vinto il titolo di battuta nel 2011 e ha guidato il suo campionato in triple quattro volte, rubando tre volte e colpendo una volta. 283 battitori con 103 OPS+, 2.138 valide, 387 doppie, 131 triple, 145 fuoricampo, 719 RBI, 1.180 corse e 517 basi rubate. Le triple e le basi rubate sembrano spuntare fuori, ma è al 78° posto nelle triple in carriera e al 33° nelle basi rubate.

Reyes è al 57° posto in JAWS tra gli interbase.

Un battitore professionista, Martinez aveva rapidamente bisogno di allontanarsi dall’essere un ricevitore a tempo pieno per mantenere i suoi pipistrelli alla pari. È finito nella posizione DH più di ogni altro, anche se non era molto indietro.

In quasi 2.000 partite in carriera, Martinez ha segnato 2.153 successi, inclusi 423 doppi e 246 fuoricampo. Ha guidato 1.178 fuoricampo colpendo 914 volte e colpendo 0,295 nella sua carriera con 118 OPS +. È stato cinque volte All-Star e due volte Silver Slugger, ed è arrivato secondo nella votazione AL MVP nel 2014.

Anche elencato come un catcher con queste statistiche offensive, è ancora solo 30esimo in JAWS e 33esimo in WAR.

C’è Cy Young insieme a quattro apparizioni All-Star nel record di Colon. Ha vinto 247 partite in carriera, segnandone anche 2.535. Anche circa 3.500 turni moderni rappresentano un enorme carico di lavoro.

Ma.

La carriera di Colón 4.12 ERA (106 ERA+) e 1.31 WHIP lasciano molto a desiderare e mostrano quanta raccolta ha fatto alla fine della sua carriera a scapito delle corse di blocco. Oh, e c’era un commento PED.

Un’altra possibile prima volta: James Shields, Brandon Phillips, Yovanni Gallardo, Doug Pfister, Ryan Madson

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply