Consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca: la politica di Taiwan “non è cambiata” e gli Stati Uniti sono preoccupati per una “nuova guerra fredda” con la Cina

il nuovoOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha detto all’Aspen Security Forum che il La politica degli Stati Uniti nei confronti di Taiwan Rimane “immutato” e Washington sta osservando da vicino gli sviluppi nella contesa nazione insulare.

“Quindi il presidente ha detto in Giappone che la nostra politica non è cambiata, che manteniamo una politica di ambiguità strategica e lo facciamo… come ha detto lo stesso presidente, la nostra politica non è cambiata”, ha detto Sullivan.

Sullivan ha osservato che gli Stati Uniti restano cauti nel salire Nessun conflitto con la Cina Al punto da poter essere “trascinato” in una nuova Guerra Fredda.

“È così che abbiamo cercato di gestire le cose”, ha detto. “Penso che abbiamo raggiunto i nostri obiettivi in ​​termini di ciò che abbiamo impostato, e un paio di giorni fa era un periodo di 18 mesi per questa amministrazione. Penso che nel Pacifico, in Europa, in Medio Oriente, mentre guardiamo alla competizione globale con la Cina, penso che siamo in una buona posizione per affrontarla in modo efficace”.

Cina “in tumulto”: l’economia subisce un “rapido” rallentamento come un problema “sistemico” in superficie

L’ambasciatore cinese presso la Chen Gang degli Stati Uniti ha parlato all’inizio di questa settimana nello stesso forum e ha insistito sul fatto che il sostegno degli Stati Uniti alla politica dell’unica Cina include il riconoscimento della proprietà cinese di Taiwan.

In una precedente sessione all’Aspen Security Forum, l’ex segretario alla Difesa Mark Esper ha riconosciuto che la lingua della Cina che ha definito la politica dell’unica Cina parlava di “i cinesi su entrambi i lati dello Stretto”, ma ha aggiunto che credeva “Una politica cinese Ha terminato il suo corso”.

Esperti di politica estera democratica divisi sul viaggio di Pelosi a Taiwan: “Buon per lei”, “Non è una buona idea”

“Guarda, questi due principi non sono più veri”, ha affermato Esper. “Prima di tutto, la maggior parte delle persone a Taiwan sa di essere taiwanese e non cinese; e in secondo luogo, ha rinunciato da tempo a qualsiasi ambizione di tornare e rivendicare la terraferma”.

L'ambasciatore cinese negli Stati Uniti Chen Gang ha rilasciato una dichiarazione in un webinar tenuto congiuntamente dall'Ambasciata cinese e dai Consolati generali negli Stati Uniti per celebrare il 110° anniversario della Rivoluzione del 1911, il 13 ottobre 2021 a Washington, DC.

L’ambasciatore cinese negli Stati Uniti Chen Gang ha rilasciato una dichiarazione in un webinar tenuto congiuntamente dall’Ambasciata cinese e dai Consolati generali negli Stati Uniti per celebrare il 110° anniversario della Rivoluzione del 1911, il 13 ottobre 2021 a Washington, DC.
(Chen Mengtong/Servizio di notizie in Cina tramite Getty Images)

“Penso inoltre che l’altra parte sia chiaramente che la Cina stava violando le regole non scritte, qualcuno direbbe la regola non scritta – che è, ovviamente, incarnata nel Taiwan Relations Act – ma non userebbero la coercizione per determinare lo stato finale di Taiwan, se vuoi”, osservando che la Cina “ha rafforzato il suo gioco” contro di essa Taiwan per “forzare” i negoziati a suo favore.

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

Il presidente Biden ha ripetutamente sottolineato che gli Stati Uniti possono sostenere una Cina, insistendo sul fatto che Taiwan non fa parte della Cina. Sullivan ha ribadito che quando Biden ha detto che gli Stati Uniti avrebbero sostenuto Taiwan, il presidente non stava “riprendendo la parola” ma in realtà dichiarava la politica.

READ  Notizie in diretta e ultimi aggiornamenti sulla guerra Ucraina-Russia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply