Derek Jeter sul crack di Alex Rodriguez a ESPN doc: “Non un vero amico”

Derek Jeter si rese conto che Alex Rodriguez non era un “vero amico” dopo la famigerata intervista di quest’ultimo con Esquire nel 2001.

Questo secondo lo stesso Jeter, che ha parlato dell’incidente in “The Captain”, una serie di documentari in sette parti che ha debuttato su ESPN il 18 luglio dopo l’Home Run Derby.

C’era una volta Jeter e A. Rudd diventati compagni di squadra, ma la loro saga intrecciata è iniziata anni fa.

Star Shortstops Nato per circa un anno, Jeter e A-Rod hanno stretto un’amicizia che è stata costantemente coperta sia dalla stampa che durante le partite ogni volta che gli Yankees hanno giocato per i Mariners tra la metà e la fine degli anni ’90.

Il bromance era così profondo che dormivano a casa l’uno dell’altro quando le loro squadre giocavano tra loro. C’è stato fino al famigerato momento nel 2000, quando le loro squadre hanno litigato in panchina, e l’onestà di Jeter e A Rod in mezzo allo scarto è stata sufficiente per infangare il focoso compagno di squadra di Jeter, Chad Curtis.

Alla fine, è apparso Tajur, quando Jeter è diventato una grande star poiché gli Yankees hanno vinto il campionato del mondo quattro volte in cinque anni. Poi c’era A-Rod, le cui statistiche appariscenti lo portarono a prendere un contratto di 10 anni da 252 milioni di dollari dai Texas Rangers, un contratto record sorprendente all’epoca.

Alex Rodriguez e Derek Jeter nel 2001.
AP

C’era un chiacchiericcio costante che confrontava e contraddiceva i risultati reciproci, ed è diventato una sorta di discussione sulla fede contro la ragione poiché i palesi credenti nelle risorse immateriali avrebbero scelto Jeter e gli statistici religiosi erano sicuri che A-Rod fosse molto meglio.

Poi venne la storia di Esquire.

“Siamo stati in grado di convincere Esquire Magazine che questa sarebbe stata una bella storia”, ha detto l’autore Scott Raab nel documentario. “Abbiamo avuto l’opportunità non solo di scrivere di un giocatore, ma anche di un agente di Scott Borras che era considerato da molti il ​​diavolo”.

READ  Millie Bobby Brown vuole interpretare Britney Spears in un film

L’intervista si è svolta per due ore, durante una partita degli Heat a Miami. I succhi del rap competitivo scorrevano, quando individuò uno scrittore della rivista GQ in competizione anche in città per scrivere la storia di A-Rod. Il rapper è andato all’intervista cercando di saperne di più su A-Rod; Ha detto che non è entrato nel merito aspettandosi che la star dicesse “qualcosa che avrebbe sconvolto Derek Jeter”.

“Mi sono imbattuto nel ragazzo e ho detto che ti avrei distrutto. Stiamo gareggiando per la stessa storia? Non importa”, ricorda Rapp.

Il nastro dell’intervista è sopravvissuto fino ad oggi, rivelando il contesto della domanda rap di A-Rod sull’amicizia/rivalità tra le due stazioni brevi.

“No, non c’è affatto rivalità. Nemmeno io intendo rivalità? Ad esempio, abbiamo una tale fratellanza che sicuramente non c’è rivalità lì. Ed è strano, perché anche con mio fratello [we] “Un po’ di concorrenza”, ha detto Rodriguez. “Ma con Derek, sono il suo più grande fan e penso che sia il contrario”.

Poi Rap ha chiesto ad A-Rod cosa ne pensasse di Jeter.

Yankees
Derek Jeter e Alex Rodriguez
Bill Gastron

“È discreto e calmo. Jeter è benedetto con molto talento intorno a lui. Quindi non deve mai guidare. Non deve farlo, può semplicemente andare a giocare e divertirsi, e arrivare al secondo posto. Voglio dire , sai, colpire il secondo è completamente diverso. Riguardo al terzo o quarto posto in scaletta perché vai a New York per cercare di fermare Bernie [Williams] E il [Paul] O’Neill e tutto il resto. Non dici mai “Non lasciare che Derek ti colpisca”. Questa non è una tua preoccupazione”.

Rapp capì immediatamente di avere le sue munizioni per abbattere l’importanza del profilo GQ.

READ  Dopo che le presunte prove di Amber Heard sono state soppresse al processo, Johnny Depp e il suo portavoce si sono scambiati parole

“Sapevo soprattutto quando ho trascritto quei nastri, che quelle citazioni erano d’oro”, ricorda.

Più di due decenni dopo, Jeter non sembra ancora aver scosso completamente le dichiarazioni.

“Quei commenti mi hanno infastidito perché, come ho detto, sono molto leale”, ha detto Jeter. “Come amico, sono leale. L’ho solo guardato come se non avessi intenzione di farlo. E poi sono stati i media. Il costante martello sul chiodo. Continuavano a martellarlo. Si è trasformato in rumore, che mi ha frustrato. Solo un rumore costante. “

Jeter
Derek Jeter e Alex Rodriguez si stanno divertendo un po’ allo Yankees Spring Training.
Charles Wenselberg/New York Post

“Quando è uscito, mi sono sentito male”, ha detto A-Rod. “Ho visto come stava andando. Il modo in cui è stato scritto, ho detto esattamente quello che ho detto. Era un commento su cui sono dietro oggi. È stato uno tsunami completo. Erano una delle squadre più grandi di sempre. non devo concentrarmi su un giocatore è il modo in cui è stato scritto. Solo che è totalmente giusto. A proposito, lo stesso si può dire della mia squadra con i velisti. Avevamo Ken Griffey Jr., Edgar Martinez e Jay Boehner. Se qualcuno lo dicesse di me, sarei tipo, ‘No s—t. decisamente. Faresti meglio a non preoccuparti solo per me.”

Tuttavia, Rodriguez si è scusato con Jeter in quel momento.

Jeter era incline ad accettarlo, tranne per il fatto che A-Rod ha rilasciato un’intervista simile con Dan Patrick, in cui il presentatore radiofonico ha detto a Jeter qualcosa di commovente: “Non c’è una sola cosa che fa meglio di me”.

Jeter pensava che A-Rod lo stesse “sminuendo” per giustificare il suo contratto popolare.

“Secondo me ha ottenuto il suo contratto, quindi stai cercando di sminuire quello che sto facendo, forse per giustificare il motivo per cui sei stato pagato. Quando parli di statistiche, non puoi mai paragonarmi alle statistiche di Alex. Non lo sono cieco. Capisco. Ma abbiamo vinto! Puoi dire quello che vuoi. “Riguardo a me come giocatore, ha detto Jeter.

READ  Olivia Wilde si rivolge a Harry Styles, Chris Pine Spit-Gate - The Hollywood Reporter

Ma poi si tratta di fiducia e lealtà. Questo è ciò che prova un uomo. Non è un vero amico, ho sentito. Perché non lo farei con un amico”.

Yankees
Alex Rodriguez e Derek Jeter.
UPI

Jeter ha spiegato di aver ricevuto consigli da suo padre, che è cresciuto avendo molte conoscenze, ma ha mantenuto la sua cerchia di amicizia molto ristretta. Pertanto, Jeter ha concluso che non avrebbe avuto problemi a escludere le persone dalla sua vita se si fosse sentito davvero offeso.

Rapp ha affermato di aver inviato un fax a Jeter allo Spring Training Yankees, cercando di chiarire tutto, e ha spiegato che anche Rodriguez aveva detto grandi cose su di lui mentre erano seduti, ma Jeter non ricorda di averlo ricevuto. Comunque, non aveva la mentalità che il fax avrebbe fatto qualsiasi cosa per riparare il danno.

A-Rod, da parte sua, si rese conto che questa era la fine del loro cameratismo e fece uno psicoanalista sul motivo per cui si sbagliava in quel momento.

“Da quel momento in poi”, ha detto, “non è più stato lo stesso”. “Penso che lo sia davvero [my] Non capire come funzionano le cose. In molti modi, mio ​​padre se ne sarebbe andato quando avevo 10 anni, e il fatto di non frequentare l’istruzione a casa – colpi duri, amore duro – portava all’insicurezza e ad alcuni problemi di autostima. Crescendo, ho capito che tutto ciò che devi fare è essere me stesso”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply