Djokovic è stato escluso dagli Australian Open dopo che il suo visto è stato rifiutato da un tribunale

Djokovic è salito a bordo di un volo Emirates da Melbourne a Dubai domenica.

In un’udienza virtuale di domenica, tre giudici della corte federale hanno respinto all’unanimità la richiesta di annullamento di Djokovic della decisione del ministro dell’immigrazione di revocare il suo visto, ma non hanno rilasciato le ragioni della sentenza.

Il numero 1 del mondo giocherà lunedì sera agli Australian Open di Melbourne, dove spera di vincere il suo 21esimo titolo del Grande Slam maschile.

La saga top di gamma, una delle più grandi star del tennis contro il governo australiano e i funzionari della sanità pubblica, ha nascosto il precedente per il primo Grande Slam di tennis di quest’anno.

In una dichiarazione, Djokovic si è detto “molto deluso” dalla decisione e ha collaborato con le autorità per lasciare il Paese.

“Sono imbarazzato di concentrare l’attenzione delle ultime settimane su me stesso e spero che ora possiamo concentrarci tutti sullo sport e sulla competizione che amo”, ha aggiunto la dichiarazione.

“Le mie congratulazioni a tutti i giocatori, funzionari del torneo, staff, volontari e fan del torneo”.

Il ministro dell’Immigrazione Alex Hawk ha accolto favorevolmente la sentenza della corte e ha sottolineato l’impegno del governo a mantenere politiche di confine forti.

In precedenza l’Australia aveva le politiche di confine più dure al mondo per prevenire il Govt-19. Hawk ha affermato che quelle regole mantenevano gli australiani “al sicuro” durante le epidemie ed erano “fondamentali” per proteggere la coesione sociale dell’Australia.

“Gli australiani hanno fatto grandi sacrifici per arrivare a questo punto”, si legge nella nota.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha fatto eco al suo messaggio in una dichiarazione ai media.

READ  Lincoln Riley definisce l'atterraggio del lavoro USC "surreale", afferma che lasciare l'Oklahoma è difficile ma "la cosa giusta da fare"

“Questa decisione di annullare è stata presa sulla base di igiene, sicurezza e buon ordine. È nell’interesse pubblico. Accolgo con favore questa decisione di mantenere forti i nostri confini e di proteggere gli australiani”, ha affermato.

“Vi ringrazio per la vostra immediata attenzione a questi problemi e per la pazienza di tutte le persone coinvolte. Abbiamo lavorato duramente per risolvere questo problema. Ora è il momento di partecipare agli Australian Open e iniziare a divertirci a tennis in estate”.

Nonostante l’aumento dei casi di Govt-19 in Australia, il paese ha un alto tasso di vaccinazione e il numero di decessi di Govt-19 è basso rispetto ad altri paesi.

La scorsa settimana il paese ha avuto più di 1 milione di epidemie, ma più della metà si sono verificate nelle ultime due settimane.

Cosa è successo in tribunale

La decisione di Hawkins di revocare il visto a Djokovic è stata considerata “irragionevole” da un’udienza del tribunale federale convocata domenica.

Il 34enne tennista serbo ha contestato la decisione del ministro dell’immigrazione per tre motivi, non considerando adeguatamente le conseguenze dell’annullamento del visto da parte del ministro.

L’avvocato di Djokovic, Nick Wood, ha affermato che la decisione di Hawke è stata “irrazionale” perché il ministro non ha considerato se la mossa avrebbe incoraggiato gli anti-Waxsexers, cosa che il governo voleva prevenire.

Ma l’avvocato di Hawke, Stephen Lloyd, ha affermato che il ministro non aveva bisogno di dimostrare che Djokovic era un pericolo per la salute pubblica ai sensi della legge sull’immigrazione australiana, aggiungendo che “potrebbe”.

Ha detto di non essere a conoscenza dell’atteggiamento anti-Vox di Djokovic, nonostante la possibilità di essere vaccinato prima di venire in Australia.

READ  Ritiro alla guerra del governo di Shanghai; Pechino si concentra sui test di massa

Ha detto che l’idea che Djokovic si fosse opposto al vaccino era sufficiente per creare un rischio contro i praticanti della ceretta nel paese, aggiungendo che il palese disprezzo della star del tennis per le regole di Kovit-19 potrebbe portare altri a seguire le sue azioni e ignorare gli ordini di salute pubblica.

Tennis Australia, l’organo di governo nazionale del tennis e l’organizzatore degli Australian Open, ha dichiarato di “rispettare la decisione del tribunale federale” in merito al visto di Djokovic.

Djokovic è stato sostituito dal giocatore italiano Salvador Caruso nel sorteggio, che affronterà il giocatore serbo Myomir Kekmanovic.

L’ATP ha descritto la cancellazione del visto di Djokovic come “la fine di una serie di eventi profondi e deplorevoli” e ha detto che la sua assenza dagli Australian Open è stata “una sconfitta per la partita”.

Sequel di lunga data

La storia è iniziata circa due settimane fa, poco dopo il suo arrivo il 5 gennaio, quando il visto di Djokovic è stato revocato per la prima volta.

Secondo l’attuale legge australiana, tutti i visitatori internazionali devono essere vaccinati contro Kovit-19 – non Djokovic – a meno che non abbiano un’esenzione medica.

Djokovic ha detto che sperava di poter entrare a dicembre dopo che due gruppi indipendenti affiliati al governo statale del tennis Australia e Victoria lo hanno esentato sulla base del fatto che aveva contratto Govt-19.

Il governo federale, nelle sue regole, ha sostenuto che la pre-infezione da Govt-19 non era un motivo valido per concedere l’esenzione.

All’arrivo in Australia, Djokovic è stato portato al Park Hotel di Melbourne, che funge anche da centro di detenzione per rifugiati, mentre i pubblici ministeri hanno preparato un caso per ribaltare la decisione.

READ  I tassi dei mutui salgono a un massimo di un decennio - anche i ricchi acquirenti di case provano dolore

Lunedì, il giudice Anthony Kelly ha stabilito che i funzionari di frontiera erano “ingiusti” quando ha revocato il suo visto iniziale per entrare in Australia e ha ordinato il rilascio di Djokovic dalla custodia dell’immigrazione.

Il visto di Djokovic è stato revocato da Hawkel per la seconda volta venerdì, ma il governo ha accettato di non espellere la star del tennis durante il fine settimana prima della fine del processo.

Wayne Sterling della CNN, Helen Reagan, David Dunnickliff e Ray Sanchez hanno contribuito al rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply