Due ministri israeliani di estrema destra minacciano di rovesciare il governo se Biden accetterà il piano di pace

Reuters/Getty Images

Il ministro delle Finanze israeliano Bezalel Smodrich, a sinistra, e il ministro della Difesa nazionale Itamar Ben Gvir, a destra.



CNN

Due ministri israeliani di estrema destra hanno minacciato di dimettersi e di rovesciare il primo ministro Benjamin Netanyahu se si unisse alla sua coalizione di governo. Proposta di pace Progettato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Biden venerdì ha presentato quella che ha definito una proposta israeliana in tre fasi per porre fine al conflitto a Gaza, che legherebbe gli ostaggi a un “pieno e completo cessate il fuoco”.

Durante un discorso alla Casa Bianca, Biden ha detto che Hamas si è deteriorata al punto da non poter più portare a termine l’attacco del 7 ottobre che ha dato inizio all’attuale guerra a Gaza.

“È ora che questa guerra finisca”, ha detto, un chiaro segno che, per quanto lo riguardava, gli obiettivi bellici di Israele erano stati raggiunti.

Ma due importanti membri di estrema destra del governo israeliano, il ministro delle Finanze Bezalel Smodrich e il ministro della Difesa nazionale Itamar Ben Gvir, hanno chiarito che avrebbero rifiutato un cessate il fuoco immediato. Anche il primo ministro Benjamin Netanyahu ha messo in dubbio la proposta di Biden, segnalando che anche lui non è pronto.

In una dichiarazione sui social media, Smodrich ha affermato di aver “chiarito” a Netanyahu che “non farà parte di un governo che accetta la linea proposta e pone fine alla guerra senza distruggere Hamas e restituire tutti gli ostaggi”.

Smodrich ha chiesto che i combattimenti continuino “fino alla distruzione di Hamas e al ritorno di tutti gli ostaggi”, oltre alla “creazione di una realtà di sicurezza completamente diversa a Gaza e in Libano”.

READ  Caitlin Clark gioca al debutto pre-campionato della WNBA dopo essere stata classificata n. 1 da Indiana Fever

Nel frattempo il ministro della Difesa nazionale Ben Gvir ha descritto l’accordo come “irresponsabile” e una “vittoria per il terrorismo” e un rischio per la sicurezza di Israele.

“Se il primo ministro mettesse in atto l’accordo irresponsabile secondo le condizioni annunciate oggi, il che significa la fine della guerra e l’eliminazione di Hamas, Otzma scioglierà il governo yehudita”, ha detto riferendosi al partito di estrema destra. Lui presiede e questo aiuta a sostenere la maggioranza di Netanyahu in parlamento.

Nel suo discorso, Biden ha affrontato le tensioni all’interno del governo israeliano e ha fatto appello direttamente agli israeliani comuni perché esprimessero il loro sostegno.

“So che ci sono persone in Israele che non sono d’accordo con questo piano e chiederanno che la guerra continui indefinitamente. Alcuni fanno parte anche della coalizione di governo”, ha detto.

La proposta richiederebbe innanzitutto il rilascio degli ostaggi e il ritiro di Israele da “tutte le aree popolate di Gaza”, per culminare infine in un piano per ricostruire Gaza.

ONU E con altre potenze internazionali che sollecitavano Israele e Hamas ad accettarlo, il piano è stato ampiamente accolto con favore.

Hamas ha affermato di considerare il piano “positivamente” ed è pronto ad “affrontare positivamente e costruttivamente qualsiasi piano basato su un cessate il fuoco permanente”.

Un’ora dopo che Biden aveva descritto la proposta, Netanyahu aveva insistito sul fatto che Israele non avrebbe posto fine alla guerra a Gaza finché non avesse raggiunto tutti i suoi obiettivi, inclusa la distruzione di Hamas.

Non è chiaro fino a che punto Netanyahu sia d’accordo con il piano, poiché la dichiarazione afferma anche che la “linea precisa” della proposta israeliana consente a Israele di “mantenere questi principi”.

READ  Guida definitiva per acquistare una porcellino salvadanaio per adulti nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Domenica, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha avvertito che Israele “non accetterà” alcun accordo che consenta ad Hamas di governare Gaza. Domenica, durante una visita al quartier generale del Comando Sud dell’esercito israeliano, Galant ha affermato che si stanno prendendo in considerazione opzioni per “un governo alternativo a Hamas”.

“Non accetteremo il governo di Hamas a Gaza in nessun momento, non lo accetteremo in nessun processo volto a porre fine alla guerra”, ha detto Gallant, secondo una lettura dal suo ufficio.

Tuttavia, Hamas ha chiarito che non accetterà nessun altro gruppo al governo di Gaza. Il 16 maggio, Ismail Haniyeh, leader politico del gruppo, ha osservato che c’erano state “richieste per l’eliminazione di Hamas” in occasione del “giorno dopo la guerra”.

“Diciamo che Hamas resterà qui”, ha risposto Haniyeh.

Domenica, il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha detto che l’amministrazione sta attualmente “aspettando una risposta ufficiale da Hamas” sulla proposta israeliana di cessate il fuoco.

Alla domanda se ci sarebbe stata una situazione in cui Hamas avrebbe accettato la proposta ma Israele no, Kirby di “This Week” della ABC ha detto che l’amministrazione Biden aveva “tutte le aspettative” che Israele sarebbe d’accordo.

“Se Hamas accetta una proposta israeliana inviatagli da Hamas, abbiamo tutte le aspettative che Israele dirà di sì”, ha aggiunto Kirby.

Netanyahu deve affrontare pressioni anche all’interno della sua stessa coalizione. Sabato i manifestanti sono scesi di nuovo in piazza, chiedendo le sue dimissioni e elezioni anticipate.

Il leader dell’opposizione israeliana Yair Lapid si è offerto di sostenere Netanyahu nell’accettare la proposta e ha condannato i commenti di Smotrich e Ben Gvir.

READ  Il principe Carlo esorta i leader del Regno Unito a smettere di interferire nella politica durante la recessione dell'immigrazione: dichiarazione

“Le minacce di Ben Zvir e Smodrich riguardano la sicurezza nazionale, gli ostaggi e il boicottaggio degli abitanti del nord e del sud”, ha detto.

“Questo è il governo peggiore e più irresponsabile nella storia del Paese. Per loro, qui c’è sempre una guerra, zero responsabilità, zero gestione, fallimento totale.

Il governo di Netanyahu deve far fronte alle richieste internazionali di porre fine alla guerra a Gaza, mentre il conflitto si avvicina al suo nono mese.

La guerra è stata scatenata dagli attacchi di Hamas contro i civili israeliani il 7 ottobre, che hanno ucciso circa 1.200 persone e preso più di 200 ostaggi. Da allora la campagna israeliana a Gaza ha ucciso più di 36.000 persone.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply