Ecco cosa è successo durante l’attracco della navicella spaziale “Boeing”.

La missione è iniziata giovedì notte con il lancio in Florida e lo Starliner, progettato per trasportare astronauti ma che vola senza persone per questo test, è attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale venerdì sera alle 20:28 ET. L’aggancio è avvenuto circa un’ora dopo il previsto, poiché il personale di terra ha lavorato su alcuni problemi, incluso un problema software che causava l’inclinazione della grafica, un po’ come una mappa GPS non allineata. C’erano anche problemi con i sensori e alcuni componenti di aggancio che all’inizio non si muovevano correttamente.

La capsula contiene un anello di aggancio che si apre quando si avvicina alla sua porta e viene utilizzato come fermo alla Stazione Spaziale Internazionale. Durante il primo tentativo di ancoraggio, alcuni componenti non sono entrati nella configurazione corretta. Le squadre di terra hanno dovuto provare di nuovo il processo di pop-up per mettere tutto al posto giusto. C’era anche un piccolo problema con i circuiti di raffreddamento dello Starliner, che fanno parte del sistema che regola la temperatura del veicolo spaziale.

Tutti questi problemi dovevano essere analizzati o risolti in tempo in modo che lo Starliner potesse andare avanti e l’attracco alla fine decollò senza troppi problemi.

“È stato davvero emozionante guardare quell’auto ferma per un po’ fino al momento di entrare”, ha detto ai giornalisti Mark Naby, il responsabile del programma Starliner di Boeing, venerdì sera.

Tuttavia, molti altri problemi incombevano con i propulsori del veicolo spaziale, che manovrano e guidano quel veicolo mentre naviga nello spazio. Due di quelle spinte si sono chiuse prematuramente poco dopo che il veicolo spaziale ha raggiunto l’orbita. Un paio di altri propulsori in seguito hanno avuto problemi.

Nonostante le battute d’arresto, la navicella si è comportata in modo “splendido”, secondo Steve Stitch, direttore del Commercial Crew Program della NASA, che supervisiona Starliner e il programma Crew Dragon di SpaceX.

READ  NASA e SpaceX Delay Crew-4 si lanciano sulla Stazione Spaziale Internazionale

“Ovviamente questo è un volo di prova e, poiché coloro che hanno guardato il volo probabilmente tutto il giorno, ho visto che stavamo imparando lungo il percorso, il che è molto eccitante”, ha detto Stich in una conferenza stampa del venerdì sera.

I funzionari della NASA e della Boeing hanno affermato che i problemi del propulsore non sono una grande preoccupazione perché Starliner ha “molti” backup integrati, ha detto Stitch. Ci sono 48 propulsori di questo tipo sul veicolo e i computer a bordo della capsula possono scegliere di utilizzare un propulsore piuttosto che un altro se rilevano qualcosa un po’ più lontano.

Sebbene Boeing voglia capire perché i propulsori non funzionano come previsto, secondo Nappi potrebbe non funzionare.

“Potremmo non conoscere mai la vera ragione dietro questo”, ha detto.

Gli ingegneri hanno ristretto i problemi di guida a “sei o sette” possibili cause, tre delle quali apparentemente probabili. Concentrarsi sul problema esatto richiederebbe agli ingegneri di vedere i propulsori di persona, cosa che non può accadere perché i propulsori sono attaccati al modulo di servizio, una parte che verrebbe scartata e lasciata bruciare nell’atmosfera prima che Starliner lo facesse. Ritorno controllato sulla Terra.

Ciò dovrebbe accadere nei prossimi giorni. Lo Starliner decollerà dalla Stazione Spaziale Internazionale, manovrerà verso casa e poi utilizzerà i suoi motori per tornare nella parte più densa dell’atmosfera terrestre prima di lanciarsi con il paracadutismo nel deserto del New Mexico.

Se tutto va bene, sarebbe una grande vittoria per Boeing, che è arrivata dopo anni di ritardi e interruzioni dello sviluppo con lo Starliner.

Il primo tentativo del veicolo spaziale di completare una missione di test orbitale nel 2019 dallo spazio ha dovuto essere ripetuto prematuramente, senza completare un attracco alla Stazione Spaziale Internazionale, a causa di problemi software. Un secondo tentativo di lanciare lo Starliner sulla Stazione Spaziale Internazionale nell’agosto dello scorso anno è stato annullato dopo che i controlli pre-volo hanno scoperto problemi con le valvole principali che si erano bloccate.

READ  La zanna di Mastodonte rivela i modelli migratori in Nord America

Se questa missione sarà completata in sicurezza, lo Starliner di Boeing potrebbe liberare gli astronauti entro la fine del 2022.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply