Ernst & Young pagherà 100 milioni di dollari per saldare le accuse di frode all’esame di etica negli Stati Uniti | EY

Ernst & Young, una delle più grandi società di contabilità del mondo, ha accettato di pagare la cifra record di 100 milioni di dollari alle autorità di regolamentazione statunitensi martedì tra le accuse secondo cui dozzine del suo personale di revisione hanno tradito un esame di etica e ingannato gli investigatori.

La Securities and Exchange Commission (SEC) ha accusato che “per diversi anni” i professionisti dell’audit di EY hanno imbrogliato i test richiesti per ottenere e mantenere le licenze CPA e hanno nascosto le prove di tale cattiva condotta al dipartimento delle forze dell’ordine della SEC mentre indagava sul suo caso. .

“Questa azione include una violazione della fiducia da parte dei guardiani all’interno del bidello autorizzato a controllare molte società pubbliche nel nostro paese”, ha affermato Gurbert Grewal, direttore delle forze dell’ordine presso la SEC.

“È semplicemente scandaloso che i professionisti responsabili del controllo delle frodi da parte dei clienti imbroglino gli esami di etica su tutto. È anche scioccante che Ernst & Young abbia ostacolato le nostre indagini su questo comportamento scorretto.

L’indagine è in corso e i funzionari della SEC hanno affermato che possono sporgere denuncia contro individui.

Secondo un’indagine della SEC tra il 2017 e il 2019, 49 professionisti dell’audit EY hanno imbrogliato i test utilizzando chiavi di risposta e li hanno condivisi con i colleghi. Inoltre, “centinaia di altri professionisti dell’audit” sono stati ingannati sui corsi, compresi quelli relativi agli obblighi etici.

Secondo la Securities and Exchange Commission, “un numero significativo di professionisti di EY che non si sono ingannati, ma sapevano che i loro colleghi stavano imbrogliando e facilitando le frodi, hanno violato il codice di condotta dell’azienda non segnalando questa cattiva condotta”.

Secondo la SEC, EY era a conoscenza di un’ondata simile di imbrogli sugli esami etici tra i dipendenti tra il 2012 e il 2015. Questi problemi sono stati trattati internamente, ma la Securities and Exchange Commission ha affermato che EY non ha messo in atto controlli adeguati per prevenire il ripetersi del problema.

In una dichiarazione, EY ha affermato che “niente è più importante della nostra integrità e della nostra etica”. La società ha affermato di aver rispettato l’ordine della SEC e di aver adottato misure per affrontare i problemi di conformità.

“Siamo fiduciosi che i risultati degli impegni rafforzeranno i passi che abbiamo già intrapreso negli anni da quando si sono verificate queste situazioni”, ha affermato EY.

“Condividere le risposte a qualsiasi valutazione o test è una violazione del nostro Codice di condotta e non è perdonato da EY. La nostra risposta a questo comportamento passato inaccettabile è stata completa, ampia ed efficace”.

La multa è l’ammenda più alta che la SEC impone a un revisore dei conti e il doppio $ 50 milioni concorrente KPMG Ha pagato per saldare le accuse secondo cui i dipendenti avevano alterato gli audit, utilizzato dati rubati alle autorità di regolamentazione e imbrogliato negli esami interni.

Oltre alla sanzione standard, la Securities and Exchange Commission ha ordinato a EY di nominare due consulenti separati per esaminare le sue politiche etiche e un altro per esaminare i casi di mancata divulgazione.

Grewal ha affermato che l’accordo “dovrebbe servire come un chiaro messaggio che la SEC non tollererà fallimenti di integrità da parte di revisori indipendenti”.

READ  Elon Musk ha un'ottima idea per fare soldi su Twitter

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply