Esclusiva AP: Jimmy Johnson si ritira dalle corse a tempo pieno

CHARLOTTE, NC (AP) – Il sette volte campione NASCAR Jimmy Johnson si è ritirato dalle corse a tempo pieno e sposterà la sua attenzione sul trascorrere del tempo con la famiglia.

Disegna il suo programma futuro non includerà più di 10 eventi per l’elenco dei pacchetti, Ma lunedì il 47enne non aveva idea di come sarebbe stato nel 2023.

Johnson ha detto all’Associated Press di essere entusiasta dell’annuncio: “Ho un white paper e ora possiamo vedere quali opportunità esistono e iniziare a creare un calendario”. Carvana ha già detto a Johnson che sosterrà qualsiasi gara che seguirà.

Johnson si è preso due settimane della finale di IndyCar – con un fine settimana in Inghilterra con i suoi compagni di squadra Ganassi Scott Dixon e Dario Franchitti al Goodwood Revival – prima di finalizzare la sua decisione di fare marcia indietro. Ha detto all’Associated Press che non ha davvero bisogno del tempo per pensare al suo futuro.

“È stato un processo interessante per sentirsi bene riguardo all’esperienza e quindi provare a prendere una decisione”, ha detto Johnson. “Nel grande schema delle cose c’è molta pianificazione per la vita dei bambini. Abbiamo sempre avuto l’idea di provare a vivere all’estero per un anno o due. Adoriamo il Colorado e vogliamo trascorrere più tempo lì, e ci sono così tanti vortici a livello personale e professionale che volevo solo spendere Prenditi il ​​​​tempo e prendi la decisione non sulla base di un’esperienza positiva o negativa in pista”.

Allora, cos’è Johnson, che si è ritirato dalla NASCAR nel 2020pensiero?

Le Man

La 24 Ore di Le Mans farà parte dello speciale “Garage 56” di NASCAR e Hendrick Motorsports. Johnson ha detto fin dall’inizio che vuole far parte della formazione a tre piloti di Le Mans, anche se è uno spettacolo di nuova generazione e l’auto sarà l’unica nella sua classe.

READ  LIV Golf: PGA Tour sospende ufficialmente i golfisti che partecipano all'evento inaugurale

Stava aspettando il programma 2023 di IndyCar per vedere se sarà disponibile, ma si assicurerà che il suo programma sia chiaro se NASCAR vuole che un futuro Hall of Famer faccia parte del progetto.

IndyCar

Johnson sicuramente non tornerà per una seconda stagione IndyCar completa con Chip Ganassi Racing. Ha corso solo su strada e su strada nel 2021, ha aggiunto gli ovali per correre l’intera stagione 2022 e ora non è sicuro se correrà mai IndyCar.

“Sosteniamo pienamente Jimmy. Il proprietario del team Ganassi, che ha detto ad AP che gli piacerebbe guidare quattro vetture a tempo pieno, è stato un membro importante del nostro team e, se riusciamo a trovare un modo per continuare a lavorare insieme, ci piacerebbe farlo quello “, ha detto il proprietario del team Ganassi, che ha detto ad AP che gli piacerebbe guidare quattro vetture a tempo pieno. Johnson ha deciso di non guidare per un’intera stagione al numero 48, Ganassi sta cercando di capire come mantenere questa voce sulla destra traccia.

Johnson ha lottato su strada e su strada per due stagioni, con i suoi migliori risultati sugli ovali, una disciplina che ha dominato per quasi due decenni nella NASCAR. È arrivato quinto alla IndyCar in Iowa e, sebbene alla fine sia caduto al suo debutto alla 500 Miglia di Indianapolis, Johnson ha girato oltre 240 mph in un’impressionante prestazione di qualificazione.

“Ho il desiderio di tornare indietro, è solo a questo punto, so cosa è necessario per fare un programma completo e non ce l’ho in me”, ha detto Johnson all’Associated Press. “Non ho quella passione per me stesso che devo impegnarmi per un’intera stagione”.

idea importante

Da quando si è ritirato alla NASCAR nel 2020, Johnson ha detto che correrà di nuovo nella serie all’occasione giusta, e ora sta prendendo in considerazione l’idea di fare “The Double” – Indianapolis 500 e Coca-Cola 600 lo stesso giorno.

READ  Boston Marathon 2022: risultati in tempo reale e aggiornamenti

Kurt Busch è stato l’ultimo pilota a tentare un’epica corsa di 1.100 miglia in due stati nel 2014. Busch è caduto a 200 miglia dal completamento quando il suo motore si è guastato in una vicina gara NASCAR. Tony Stewart, che ha provato due volte in entrambe le gare, è l’unico pilota ad aver percorso 1.100 miglia. John Andretti e Robbie Gordon hanno entrambi tentato prima di Bush.

Johnson vorrebbe fare un tentativo: ha vinto la Coca-Cola 600 al Charlotte Motor Speedway quattro volte, di cui tre vittorie consecutive dal 2003 al 2005.

“Mi conosci e gli sport di resistenza, e il doppio è fantastico”, ha detto Johnson all’Associated Press. “Ho sempre avuto rispetto per i ragazzi che hanno fatto il doppio. Direi che è più una cosa di rispetto che un elemento della lista dei desideri, e mi piacerebbe mettere un po’ di energia in quell’idea e vedere se riesco a farcela .”

Altri eventi NASCAR che hanno catturato la sua attenzione? La gara inaugurale del prossimo anno per le strade del centro di Chicago e la gara All-Star a North Wilkesboro. Notato come un ex vincitore, Johnson ha ottenuto un’esenzione sia nell’All-Star Race che nella stagione dello spettacolo inaugurale Clash al Los Angeles Memorial Coliseum. Tuttavia, le regole NASCAR 2022 stabiliscono che un pilota deve competere a tempo pieno per correre nella All-Star Race.

Qual è il prossimo?

Il futuro delle corse di auto sportive è sconosciuto per Johnson dopo la fine della stagione IMSA alla fine della Petit Le Mans di questa stagione. Ha trascorso le ultime due stagioni a correre gare di resistenza in una joint venture con Hendrick e Action Express, ma non si aspetta abbastanza scorte il prossimo anno quando IMSA adotterà nuove auto per il progetto di Johnson per continuare.

READ  Zach Ferensky di Blue Jackets sarà probabilmente fuori per il resto della stagione regolare

Ha detto all’AP che avrebbe preso in considerazione la possibilità di correre in una classe IMSA inferiore, come l’LMP2, ed era persino curioso del campionato mondiale di resistenza a sei gare. Ma la serie WEC suscita il suo interesse per le sue località esotiche – Monza, Italia, Fuji Speedway in Giappone, Bahrain – e l’amore per i viaggi internazionali che condivide con sua moglie e due giovani figlie.

Lui e Shani Johnson hanno esplorato l’idea di iscrivere le loro figlie a scuola in Inghilterra o in Francia per un anno per sperimentare e, come padre lavoratore, Johnson svolge un ruolo attivo nel trasportare le sue figlie da e verso il loro programma completo di sport e attività. Chaney Johnson è anche una gallerista d’arte di successo e sta cercando di espandere la sua attività.

“Chanye mi ha sempre supportato fino al nono anno e allo stesso tempo aveva i suoi obiettivi e desideri e ha continuato il suo percorso e la sua carriera. Penso che sia una cauta ottimista e sto perseguendo questo piano”, ha detto Johnson all’Associated Press. “Ma queste decisioni si basano sui bisogni e sui requisiti della famiglia, e penso che lo sia. Diventa difficile e un po’ più complicato nel mio programma se riusciamo a ottenere un po’ di slancio viaggiando e vivendo all’estero. ”

Ma queste decisioni saranno emesse nei prossimi mesi. Quindi lo dirò senza rimpianti. Mi guardo indietro e ho sicuramente imparato le lezioni da quello che è successo, nel bene e nel male. Ma non ho un buco nello stomaco per qualcosa di incompiuto, o per qualsiasi rimpianto che potrei avere.”___

Altri AP Motorsports: https://apnews.com/hub/auto-racing e https://twitter.com/AP_Sports

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply