Francia: Macron perde maggioranza – Pronostici | Notizie elettorali

Storia in via di sviluppo,

Si prevede che la coalizione centrista del presidente francese Emmanuel Macron otterrà tra i 200 ei 250 seggi, molto meno dei 289 necessari per ottenere la maggioranza diretta nell’Assemblea nazionale.

Le previsioni mostrano che la coalizione del presidente francese Emmanuel Macron ha vinto più seggi nell’ultimo turno delle elezioni parlamentari di domenica, ma ha perso la maggioranza parlamentare.

Le previsioni basate su risultati parziali mostrano che i candidati di Macron vinceranno tra i 200 ei 250 seggi, molto meno dei 289 necessari per ottenere la maggioranza diretta nel parlamento più potente della Francia, l’Assemblea nazionale.

Di conseguenza, la coalizione di Macron sarà il partito più numeroso nella prossima assemblea da 577 seggi. In assenza della maggioranza, il presidente può essere spinto ad allearsi con altri partiti.

“Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione. I francesi non ci hanno dato la maggioranza assoluta. Questa è una situazione senza precedenti e dobbiamo fare i conti con le nostre divisioni “, ha affermato il ministro del Bilancio Gabriel Attal.

Se confermati, i risultati offuscheranno gravemente la vittoria di Macron alle elezioni presidenziali di aprile, sconfiggendo l’estrema destra, che sarà il primo presidente francese a vincere un secondo mandato in più di due decenni.

La nuova coalizione, nota come NUPES – guidata da intransigenti, socialisti e Verdi e Jean-Luc Melenchon – dovrebbe diventare la principale opposizione con circa 150-200 seggi.

“[It is] Situazione assolutamente inaspettata. La sconfitta del partito presidenziale è finita e non c’è una maggioranza chiara “, ha affermato M மெlenchon.

“La Francia ha parlato, non abbastanza forte, perché il livello di non voto è ancora alto, il che significa che la maggior parte della Francia non sa a chi rivolgersi”.

READ  Raspberry Pi Zero 2W: $ 5 più di 5 volte più veloce dell'originale

Si prevede che il rally nazionale di estrema destra registrerà la più grande rivolta in più di 80 seggi.

Il leader del partito Marine Le Pen ha detto che avrebbe cercato di unire tutti “tutti i patrioti di destra e di sinistra” dopo che il suo partito avesse vinto più forte del previsto.

“L’avventura di Macron è giunta al termine. Ci incarneremo come una forte opposizione”, ha detto.

‘Una svolta importante’

I risultati elettorali di domenica dovrebbero essere decisivi per il secondo mandato di Macron dopo la sua rielezione ad aprile.

Queste elezioni parlamentari sono spesso definite dall’indifferenza degli elettori: più della metà degli elettori rimane a casa al primo turno e il divario tra i candidati distrae ulteriormente le persone.

Audrey Paillet, 19 anni, che ha votato a Boussy-Saint-Antoine, nel sud-est di Parigi, è rimasta sconvolta dal fatto che siano venuti così pochi.

“Alcune persone hanno faticato a votare. È molto brutto che la maggior parte dei giovani non lo faccia “, ha detto.

Alle 15:00 GMT, l’affluenza alle urne è stata del 38,11 percento, ha detto domenica il ministero dell’Interno. Questo è in calo dal 35,33% registrato nel 2017 al 39,42% registrato al primo turno il 12 giugno nello stesso periodo.

“La stessa arroganza di Emmanuel Macron, il suo stesso disprezzo per il popolo francese e la sua stessa incapacità di proteggere e comprare il potere lo hanno reso un presidente di minoranza. Questo è un punto di svolta importante”, ha detto Jordan Bardella, il capogruppo del National Rally.

La portavoce del governo Olivia Grégoire ha detto alla televisione di France 2 “Conosciamo le serate migliori”.

READ  Giornata nazionale della firma 2021: annunci dal vivo, classifica di reclutamento del college football, periodo di firma iniziale, classi

“È un massimo deludente, ma pur sempre un massimo”, ha detto. “Diamo una mano a tutti coloro che sono bravi a fare progressi”.

“Meno presidente”

Alcuni elettori si sono opposti alla scelta di candidati che sarebbero diventati popolari ai vertici politici. Altri hanno affermato che l’organismo francese, che conferisce al presidente ampi poteri, dovrebbe dare più voce al parlamento pluralistico e agire con un maggiore controllo sull’Eliseo del presidente e sui suoi occupanti.

“Non ho paura di avere una legislatura nazionale divisa tra diversi partiti. Mi aspetto più parlamentari e meno regimi presidenziali di quelli che hai in altri paesi”, ha affermato Simon Nouis, un ingegnere del voto nel sud di Parigi.

Il mancato raggiungimento della maggioranza da parte di Macron potrebbe avere ripercussioni in tutta Europa. Gli analisti prevedono che il leader francese trascorrerà il resto del suo tempo concentrandosi più sulla sua agenda interna che sulla sua politica estera. Questo potrebbe significare il destino del politico continentale del presidente Macron.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply