Francia: oltre un milione di manifestanti contro l’innalzamento dell’età pensionabile

Almeno 1,1 milioni di persone hanno protestato giovedì per le strade di Parigi e di altre città francesi tra scioperi a livello nazionale contro i piani per aumentare l’età pensionabile, ma il presidente Emmanuel Macron ha insistito sul fatto che avrebbe portato avanti le proposte di riforma delle pensioni.

Incoraggiati da una massiccia dimostrazione di resistenza, i sindacati francesi hanno annunciato nuovi scioperi e proteste il 31 gennaio, promettendo di cercare di convincere il governo a rinunciare ai piani per aumentare l’età pensionabile standard da 62 a 64 anni. Macron afferma che la misura – un pilastro del suo secondo mandato – è necessaria per mantenere finanziariamente sostenibile il sistema pensionistico, ma i sindacati affermano che minaccia i diritti dei lavoratori duramente combattuti.

Fuori dal paese per partecipare al vertice franco-spagnolo di BarcellonaMacron ha riconosciuto il malcontento pubblico ma ha affermato che “dobbiamo fare questa riforma” per “salvare” le pensioni francesi.

“Lo faremo con rispetto e con spirito di dialogo, ma anche con fermezza e responsabilità”, ha aggiunto.

Mentre Macron parlava, la polizia antisommossa si è allontanata da alcuni manifestanti che avevano lanciato proiettili a margine della manifestazione in gran parte pacifica di Parigi. Altri incidenti minori sono scoppiati brevemente, spingendo gli agenti a usare gas lacrimogeni.

La polizia di Parigi ha detto che 38 persone sono state arrestate mentre una folla di persone sciamava per le strade della capitale nonostante una pioggia gelida, e la folla era così numerosa che ci sono volute ore per raggiungere la loro destinazione. Pensionati e studenti universitari si unirono alla folla eterogenea, uniti nella paura e nella rabbia per le riforme.

In un paese la popolazione sta invecchiando e l’aspettativa di vita sta aumentando Dove tutti ricevono una pensione statale, il governo di Macron afferma che la riforma è l’unico modo per mantenere il sistema solvibile.

I sindacati propongono invece una tassa sui ricchi o più contributi salariali da parte dei datori di lavoro per finanziare il sistema pensionistico.

READ  L'Ucraina continua l'offensiva su Kharkiv nonostante l'apparente rappresaglia russa | Ucraina

I sondaggi di opinione mostrano che la maggior parte dei francesi si oppone alla riforma e giovedì è stata la prima reazione pubblica al piano di Macron. Gli scioperi hanno gravemente interrotto i trasporti, le scuole e altri servizi pubblici e si sono svolte più di 200 marce in tutta la Francia.

Il ministero dell’Interno ha affermato che oltre 1,1 milioni di persone hanno protestato, di cui 80.000 a Parigi. I sindacati hanno affermato che più di due milioni di persone hanno preso parte a livello nazionale e 400.000 hanno preso parte a Parigi.

Grandi folle si sono anche presentate per protestare contro i precedenti tentativi di riformare il sistema pensionistico, in particolare durante il primo mandato di Macron e sotto l’ex presidente Nicolas Sarkozy nel 2010. Ma nessuno di questi ha attirato più di un milione di persone, secondo le stime del governo.

Jean-Paul Cacchina, 56 anni, addetto alle risorse umane, si è unito alla marcia nella capitale francese – per la prima volta in assoluto.

Disse: “Non sono qui per me stesso”. “Sono qui per difendere i giovani e i lavoratori che svolgono lavori difficili. Lavoro nel settore edile e sono testimone diretto della sofferenza dei dipendenti”.

Molti giovani erano tra la folla parigina, compresi gli studenti delle scuole superiori.

“Ho paura di ciò che accadrà dopo”, ha detto Nathan Arsak, 19 anni, studente e membro del sindacato UNEF. “Perdere i nostri risultati sociali può accadere così rapidamente. Ho paura del futuro quando sarò più grande e dovrò andare in pensione.”

Sylvie Pichard, un’infermiera di 59 anni, ha dichiarato di essersi unita alla manifestazione perché “come operatori sanitari siamo fisicamente esausti”.

“L’unica cosa che abbiamo è dimostrare e distruggere l’economia del paese”, ha aggiunto.

Il costo economico degli scioperi di giovedì non è stato immediatamente chiaro, ma scioperi prolungati potrebbero far deragliare l’economia mentre la Francia è alle prese con l’inflazione e cerca di stimolare la crescita.

READ  La Norvegia arresta attivisti che bloccano la petroliera russa

Alle proteste hanno preso parte anche i sindacati di polizia contrari alla riforma delle pensioni, mentre quelli in servizio hanno cercato di contenere sporadici disordini.

La maggior parte dei servizi ferroviari in tutta la Francia è stata interrotta, compresi alcuni collegamenti internazionali, e circa il 20% dei voli dall’aeroporto di Parigi Orly è stato cancellato.

Più di un terzo degli insegnanti è in sciopero, ha affermato il ministero dell’Istruzione, e la compagnia elettrica nazionale, EDF, ha annunciato che la fornitura di elettricità è diminuita drasticamente giovedì durante gli scioperi.

La Reggia di Versailles è stata chiusa giovedì mentre la Torre Eiffel ha avvertito di potenziali disordini e il Louvre ha chiuso alcune sale espositive.

Philippe Martinez, segretario generale del sindacato di estrema sinistra CGT, ha esortato Macron ad “ascoltare la strada”.

Laurent Berger, presidente della federazione più moderata CFDT, ha definito la riforma “ingiusta” e ha affermato che la dimostrazione di resistenza di giovedì è stata un segnale di avvertimento.

Molti lavoratori francesi hanno espresso sentimenti contrastanti sul piano del governo e hanno sottolineato la complessità del sistema pensionistico.

Quentin Coelho, 27 anni, impiegato della Croce Rossa, ha ritenuto di dover lavorare giovedì nonostante comprendesse “la maggior parte delle richieste degli scioperanti”. Coelho ha detto di temere che il governo continuerà ad alzare l’età pensionabile, quindi sta già risparmiando denaro per la sua pensione.

Altri temono che la riforma sarà colpita più duramente dai lavoratori a basso reddito, che vivono più a lungo dei ricchi.

È una questione sociale. Vuoi andare in pensione malato, distrutto e persino morto? O vuoi goderti la vita? ha chiesto Fabian Felidoux, ferroviere di 45 anni,

Il ministro del lavoro francese Olivier Dussopt ha riconosciuto le “preoccupazioni” sollevate dai piani pensionistici, ma ha affermato che il governo ha rifiutato altre opzioni, tra cui l’aumento delle tasse – che, secondo lui, danneggerebbe l’economia e costerebbe posti di lavoro – o ridurre le pensioni.

READ  Il ministro della Difesa saudita "sorpreso" dalle "accuse" secondo cui i sauditi sono alleati della Russia

Lunedì il governo francese presenta formalmente il disegno di legge sulle pensioni che andrà in parlamento il mese prossimo. Il loro successo dipenderà in parte dall’entità e dalla durata degli scioperi e delle proteste.

La maggior parte dei partiti di opposizione, compresa la sinistra e l’estrema destra, sono fortemente contrari al piano. La coalizione centrista di Macron ha perso la maggioranza parlamentare lo scorso anno, eppure ha ancora il gruppo più numeroso nell’Assemblea nazionale, dove spera di allearsi con il Partito repubblicano conservatore per approvare le riforme delle pensioni.

In base alle modifiche previste, i lavoratori devono aver lavorato per almeno 43 anni per avere diritto a una pensione completa. Per chi non soddisfa questo requisito, come tante donne che hanno interrotto la carriera per crescere i figli o chi ha studiato a lungo e ha iniziato a lavorare fino a tardi, l’età pensionabile rimarrà invariata a 67 anni.

Coloro che hanno iniziato a lavorare prima dei 20 anni e i lavoratori con gravi problemi di salute potranno andare in pensione anticipata.

Gli scioperi di lunga data hanno incontrato gli ultimi sforzi di Macron per aumentare l’età pensionabile nel 2019. e alla fine l’ha ritirato dopo la pandemia di COVID-19.

Le norme in materia di pensionamento variano notevolmente da paese a paese, rendendo difficili i confronti diretti. L’età pensionabile ufficiale negli Stati Uniti è ora di 67 anni e i paesi di tutta Europa stanno alzando l’età pensionabile mentre la popolazione invecchia e i tassi di fertilità diminuiscono.

Ma gli oppositori della riforma di Macron sottolineano che sotto il sistema francese, le persone sono già tenute a lavorare complessivamente più anni che in alcuni paesi vicini per ottenere una pensione completa. Molti vedono anche il piano come una minaccia per lo stato sociale che è centrale per la società francese.

___

Alexander Turnbull, Oleg Cetinik e Angela Charlton hanno contribuito a questo rapporto a Parigi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply