Gibilterra corre per fermare la fuoriuscita di petrolio dalla collisione della nave con la petroliera

Un “grave incidente” è stato annunciato mercoledì a Gibilterra dopo che la nave mercantile OS 35 si è scontrata con una nave cisterna di gas naturale liquefatto il giorno precedente, secondo il governo.

La nave mercantile che trasportava 215 tonnellate di olio combustibile pesante, 250 tonnellate di gasolio e 27 tonnellate di olio lubrificante è stata messa a terra per impedirne l’affondamento nel Golfo di Gibilterra. Tutte le 30 persone a bordo, inclusi 24 membri dell’equipaggio e 6 ispettori, sono state evacuate.

Il governo di Gibilterra ha affermato giovedì che la fuoriuscita di petrolio è stata “significativa”, ma il petrolio è più leggero di altri casi e dovrebbe essere più facile da ripulire se qualcuno del petrolio arriva a terra.

“L’analisi di oggi mostra che, sebbene si tratti di una grossa perdita, la consistenza dell’olio combustibile a basso contenuto di zolfo è più leggera rispetto ad altri incidenti nel Golfo, il che significa che è facile da dissipare e ripulire se c’è del carburante”, il Lo ha detto il governo in una nota.Comunicato stampa: “Il petrolio arriva sulle nostre coste”.

La maggior parte del diesel è prevista entro venerdì mattina, secondo la dichiarazione del governo.

Oggi, l’Autorità portuale di Gibilterra ha confermato che una fuoriuscita di petrolio era emersa dalle vicinanze di un boom eretto in seguito all’incidente.

“La squadra di soccorso a bordo della nave ha identificato la fonte di questa perdita in due portelli dei serbatoi dei bunker della nave. Tutti i portelli erano stati precedentemente chiusi, ma i sigilli dei due portelli si sono allentati quando la nave è stata accatastata”, ha detto l’agenzia in una dichiarazione. dichiarazione.

READ  Difficile credere che stia effettivamente accadendo: Shanghai revoca il blocco del COVID

La dichiarazione affermava che i subacquei sul posto sono stati in grado di reinstallare i sigilli e che il GPA stava per fermare la fuoriuscita di olio dai tombini. Le autorità stavano raccogliendo olio galleggiante che era già stato scaricato, mentre le paratie sono state dispiegate per assorbire l’olio.

Mercoledì sera, il governo ha affermato che c’erano indicazioni secondo cui la nave mercantile “non si è disintegrata in questo modo, ma è crollata” e che la “prima preoccupazione” era scaricare l’olio combustibile pesante a basso contenuto di zolfo che trasportava il più rapidamente possibile. A seguire diesel e olio lubrificante.

Il governo ha aggiunto che “non c’era modo di rimuovere il carburante in questione dalla nave al più presto in modo da non rappresentare un rischio per l’ambiente”.

I subacquei hanno riparato le guarnizioni attorno ai numerosi fori sulla nave colpita.

Greenpeace ha detto alla Galileus Web di essere preoccupata per il fatto che l’area dell’incidente fosse fortemente contaminata a causa delle dimensioni del passaggio delle navi.

“Così com’è, non ci sono grandi fuoriuscite di petrolio”, ha detto alla Galileus Web Francisco del Pozo, un attivista di Greenpeace che sta monitorando la situazione.

Secondo le autorità di Gibilterra, il pompaggio richiederà circa 50 ore e il processo sarà “strettamente supervisionato per cercare di evitare qualsiasi fuoriuscita”.

La dichiarazione afferma che domenica è previsto l’arrivo a Gibilterra dal Regno Unito di ulteriori attrezzature per la fuoriuscita di petrolio.

Il governo di Gibilterra ha affermato che è probabile che il periodo di tempo per il salvataggio dello scafo della nave mercantile OS 35 si estenda di alcune settimane in più rispetto alle previsioni precedenti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply