Giove e Saturno saranno visibili nel cielo notturno per tutto ottobre

La NASA sta esortando gli osservatori delle stelle a godersi Evenings with the Giants questo mese: i massicci pianeti Giove e Saturno appariranno nel cielo notturno nelle prossime settimane.

La sera presto, li troverai a sud-est, spostandosi lentamente verso ovest con le stelle per tutta la notte.

“Formano un triangolo con la stella luminosa Fomalhaut”, ha spiegato l’agenzia spaziale statunitense sul suo sito web.

Osservando questo trio, nota come i pianeti brillano di una luce costante, mentre la stella brilla. Questo può essere un modo semplice per capire se quello che stai cercando è un pianeta o una stella.

Alla fine del mese scorso, gli astronomi hanno rivelato che Giove apparirà nel punto più grande e luminoso degli ultimi decenni, poiché si è avvicinato al punto più vicino alla Terra in 59 anni.

È ancora a circa 367 milioni di miglia da noi, ma dall’ottobre 1963 gli osservatori stellari non hanno avuto una grande possibilità di individuarli nel cielo notturno.

Cercare! La NASA sta esortando gli osservatori delle stelle a godersi Evenings with the Giants questo mese: i massicci pianeti Giove e Saturno appariranno nel cielo notturno nelle prossime settimane. “Formano un triangolo con la stella luminosa Fomalhaut”, ha spiegato l’agenzia spaziale statunitense sul suo sito web.

Gli astronomi potrebbero anche essere in grado di osservare il moto retrogrado di Marte questo mese.  La carta del cielo sopra mostra il percorso del Pianeta Rosso per diversi mesi nel 2022 e nel 2023 mentre entra e poi esce, con movimento retrogrado

Gli astronomi potrebbero anche essere in grado di osservare il moto retrogrado di Marte questo mese. La carta del cielo sopra mostra il percorso del Pianeta Rosso per diversi mesi nel 2022 e nel 2023 mentre entra e poi esce, con movimento retrogrado

Acquirente: le basi

Giove è il quinto pianeta dal Sole e il più grande del nostro sistema solare.

È un’enorme palla di gas composta principalmente da idrogeno ed elio con alcuni elementi pesanti.

“Le striature e i vortici familiari a Giove sono in realtà nuvole fredde e tempestose di ammoniaca e acqua, che galleggiano in un’atmosfera di idrogeno ed elio”, ha affermato la NASA.

“La Grande Macchia Rossa di Giove è una tempesta gigante più grande della Terra ed erutta da centinaia di anni”.

READ  Il telescopio spaziale James Webb rileva l'anidride carbonica nell'atmosfera di un pianeta lontano

Il pianeta è grande il doppio dell’altro pianeta messo insieme e la Grande Macchia Rossa da sola è abbastanza grande da contenere l’intera Terra all’interno.

Un veicolo spaziale, l’orbiter Juno della NASA, sta attualmente esplorando questo mondo gigantesco.

fatti e cifre

distanza dal sole: 750 milioni di km

orbitale: 12 anni

superficie: 61,42 miliardi di chilometri quadrati

raggio: 69.911 km

Messa: 1.898 x 10^27 kg (317,8 m3)

Durata della giornata: 0 giorni 9 h 56 g

lune: 53 con designazioni ufficiali; Satelliti aggiuntivi illimitati

Il gigante gassoso si è avvicinato alla Terra quasi 60 anni fa, il 25 settembre, e dopo 24 ore ha raggiunto l’opposizione, il che significa che il pianeta è apparso di fronte al Sole rispetto a quelli sulla Terra.

L’approccio più vicino al pianeta dalla Terra raramente corrisponde all’opposizione, il che secondo la NASA significa che gli avvistamenti di quest’anno saranno “eccezionali”.

La sovrapposizione tra i due eventi, che non si ripeterà fino al 2139, significa che Giove apparirà più luminoso e più grande nel cielo nelle prossime settimane.

Quando si tratta di altri avvistamenti celesti questo mese, Marte si è costantemente spostato verso est durante tutto l’anno come fa normalmente, rispetto alle stelle sullo sfondo.

Ma alla fine di ottobre, il pianeta rosso ha interrotto questo movimento apparente e poi sembrò invertire la rotta.

Per i successivi tre mesi, da novembre a fine gennaio, il pianeta si sposta ogni notte verso ovest, poi verso la fine di gennaio inverte nuovamente direzione e continua il suo viaggio verso est.

La NASA ha affermato che questo è il cosiddetto movimento retrogrado di Marte.

“Succede circa ogni due anni e ha gettato i primi osservatori in un circolo vizioso”, ha scritto l’agenzia spaziale statunitense.

Sembra che Marte stia cambiando direzione è un’illusione causata dai movimenti del nostro pianeta nella sua orbita, passando per il pianeta rosso nella sua orbita.

READ  Come guardare la pioggia di meteoriti di Eta Aquarids questo fine settimana

La Terra e Marte si trovano su binari quasi circolari attorno al sole, come le auto su una pista, ma il nostro pianeta Terra si trova sulla pista interna più veloce.

Circa ogni 26 mesi, oltrepassiamo Marte, che si muove più lentamente nella sua orbita. Durante quel periodo in cui stiamo attraversando Marte, e prima di aggirare la curva della nostra orbita per allontanarci da esso, vediamo Marte retrogrado e sembra cambiare direzione, anche se si sta ancora muovendo in avanti nella sua orbita.

Agli astronomi dilettanti è stato chiesto di prendere appunti su come la posizione di Marte rispetto a Betelgeuse, Aldebaran e Pleiades sia cambiata nel corso delle settimane.

“Sarete testimoni di quella che una volta era una fonte di intensa curiosità per gli astronomi, ma ora sappiamo che è solo un segno di due pianeti che passano di notte”, ha aggiunto la NASA.

Alla fine del mese scorso, gli astronomi hanno rivelato che Giove apparirà nel punto più grande e luminoso degli ultimi decenni, poiché si è avvicinato al punto più vicino alla Terra in 59 anni.

Alla fine del mese scorso, gli astronomi hanno rivelato che Giove apparirà nel punto più grande e luminoso degli ultimi decenni, poiché si è avvicinato al punto più vicino alla Terra in 59 anni.

Stelle: all'inizio della sera, troverai Giove e Saturno (mostrati) a sud-est del cielo, che si muovono lentamente verso ovest con le stelle per tutta la notte

Stelle: all’inizio della sera, troverai Giove e Saturno (mostrati) a sud-est del cielo, che si muovono lentamente verso ovest con le stelle per tutta la notte

La meteora Orionid è attiva anche per tutto ottobre e novembre, con un picco nella notte del 20 ottobre.

È una pioggia moderata, che di solito produce 10-20 meteore all’ora al suo apice, sotto cieli limpidi e scuri.

La cattiva notizia è che quest’anno la luna sarà piena del 20% nelle notti di punta, quindi interferirà un po’ quando sorgerà due ore prima dell’alba.

Tuttavia, non dovrebbe rovinare completamente la vista.

Il nome della doccia deriva dal fatto che è possibile tracciare le tracce delle sue meteore in un’area del cielo vicino a Orione.

READ  La navicella Cygnus arriva alla Stazione Spaziale Internazionale con un unico pannello solare funzionante

Questi meteoriti sono frammenti di polvere lasciati dalla cometa Halley in un percorso che si estende lungo la sua orbita. Tendono ad essere luminosi e in rapido movimento, lasciando spesso tracce statiche che possono brillare nel cielo per alcuni secondi dopo averli superati.

Non è necessaria alcuna attrezzatura speciale per monitorare gli sciami meteorici.

Assicurati solo di essere abbastanza caldo e guarda da un luogo sicuro e buio, lontano da luci intense. Quindi tutto ciò che devi fare è cercare e goderti lo spettacolo”, ha detto l’agenzia spaziale statunitense.

Saturno: le basi

Saturno è il sesto pianeta dal Sole e il secondo pianeta più grande del nostro sistema solare dopo Giove.

È considerato il “gioiello del sistema solare” con i suoi anelli di insolazione.

Non è l’unico pianeta con anelli, ma nessuno è così sorprendente o complesso come Saturno.

Come Giove, Saturno è un’enorme palla composta principalmente da idrogeno ed elio, con alcuni elementi pesanti.

Il suo nucleo si estende per coprire il 60 percento del raggio del mondo.

È simile al resto del pianeta, ma è costituito da una sostanza simile a gas, liquidi minerali, rocce e ghiaccio.

Saturno ha scoperto ad occhio nudo il pianeta più lontano dalla Terra ed è noto fin dall’antichità.

Il pianeta prende il nome dal dio romano dell’agricoltura e della ricchezza, che fu anche il padre di Giove.

Mentre Saturno è un luogo improbabile in cui gli esseri viventi mettano radici, lo stesso non vale per alcune delle sue numerose lune.

Satelliti come Encelado e Titano, che ospitano gli oceani interni, potrebbero sostenere la vita.

fatti e cifre

distanza dal sole: 1.434 miliardi di km

orbitale: 29 anni

superficie: 42,7 miliardi di chilometri quadrati

raggio: 58232 km

Messa: 5,683 x 10^26 kg (95,16 m3)

Durata della giornata: 0 giorno 10 h 42 g

lune: 82 con designazioni ufficiali; Satelliti aggiuntivi illimitati

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply