Gli ex leader della NASA hanno elogiato la volontà di Boeing di rischiare l’equipaggio commerciale

Ingrandisci / Politicamente parlando, la navicella spaziale Boeing ha svolto gran parte del lavoro pesante per il Commercial Crew Program della NASA.

Alleanza di lancio unita

Gli ultimi anni sono stati molto difficili per Boeing. La sua ultima generazione del 737, la Max, è stata messa a terra nel 2019 dopo due incidenti mortali. Dopo una serie di decisioni di gestione sbagliate, la compagnia ha continuato a perdere quote di mercato negli aerei commerciali a favore della multinazionale europea Airbus.

Il settore della difesa di Boeing non è andato un po’ meglio. Dopo aver vinto un importante contratto di rifornimento militare, Boeing iniziò la produzione della petroliera KC-46 per l’Air Force. Ma a causa di problemi di produzione e progettazione con la petroliera, l’azienda ha accettato Circa 5 miliardi di dollari di perdite durante l’ultimo decennio.

Infine, c’è l’unità aerospaziale di Boeing, che ha lottato per adattarsi alla nuova era degli spazi commerciali e dei contratti a prezzo fisso. Più ovviamente, Boeing ha gareggiato direttamente con SpaceX negli ultimi dieci anni nel programma dell’equipaggio commerciale per consegnare gli astronauti della NASA alla Stazione Spaziale Internazionale. Finora le cose non sono andate bene. Boeing è indietro di circa tre anni con SpaceX, che ora ha lanciato cinque missioni con equipaggio per la NASA.

arretramenti spaziali

Al contrario, Boeing Affronta battute d’arresto tecniche Con il programma di volo e le valvole nel sistema di propulsione della navicella Starliner. Giovedì, la compagnia tenterà di lanciare una missione di prova: un secondo volo di prova senza pilota di uno Starliner volto ad attraccare la navicella spaziale alla Stazione Spaziale Internazionale. A causa della necessità di rivolare questa missione di prova dopo che la prima missione è fallita nel 2019, Boeing ha preso più di Mezzo miliardo di dollari di perdite.

READ  La navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA individua l'asteroide Boulder "Body Armor" di Bennu

Ora sembra che sia possibile, se non probabile, che Boeing possa aver perso denaro nel suo programma di equipaggio commerciale, per il quale la NASA ha pagato 5,1 miliardi di dollari dal 2010. Un segno che Boeing potrebbe cercare di tagliare i costi è emerso la scorsa settimana durante una riunione aerospaziale L’organismo consultivo per la sicurezza, quando il membro David West ha sollevato preoccupazioni sul fatto che Boeing non stesse investendo abbastanza risorse nella campagna di sviluppo e test di Starliner.

“Il comitato ha notato che i livelli di personale in Boeing sembrano essere particolarmente bassi”, ha affermato West. “Il Comitato monitorerà la situazione nel prossimo futuro per l’eventuale impatto che potrebbe avere sulla presenza o mitigazione di eventuali rischi per la sicurezza. Boeing deve garantire che tutte le risorse disponibili siano utilizzate per rispettare il programma ragionevole ed evitare inutili ritardi .”

Sarebbe facile liquidare Boeing come una vecchia compagnia aerea spaziale che non riesce a tenere il passo con concorrenti più nuovi e intelligenti come SpaceX. Ma in effetti, gli sforzi di Boeing per competere hanno giocato un ruolo importante nell’ascesa di SpaceX.

Più di un decennio fa, all’inizio del Commercial Crew Program, la NASA ha chiesto al Congresso 500 milioni di dollari come parte del budget dell’anno fiscale 2021. Recentemente, due alti funzionari della NASA hanno affermato che il programma non sarebbe decollato se Boeing non fosse entrato la concorrenza Insieme a SpaceX e altre aziende più piccole.

Boeing, l’eroe?

“Non credo che saremmo da nessuna parte con un equipaggio commerciale senza che la Boeing si metta nella mischia”, ha affermato Charlie Bolden, che ha servito come amministratore della NASA dal 2009 al 2017. Durante il webinar Aviation Week. “A nessuno piace SpaceX, francamente, su Hill. Era un importo sconosciuto. Penso che se Boeing avesse scelto di stare lontano dall’equipaggio commerciale, avremmo potuto non ottenere finanziamenti per questo”.

READ  L'esopianeta più distante trovato da Keplero è... sorprendentemente familiare

Tuttavia, una volta che la Boeing è entrata nella competizione, ha detto Bolden, gli atteggiamenti del Congresso hanno iniziato a cambiare. Ringrazia la Boeing per aver colto l’opportunità di assicurarsi un contratto a prezzo fisso, che all’epoca era relativamente nuovo per la NASA. Il metodo del contratto significava che invece di essere rimborsata per tutte le sue spese più le commissioni, Boeing avrebbe potuto perdere denaro in caso di ritardi tecnici o battute d’arresto.

“Il Boeing era un sogno”, ha detto Bolden. “Li chiamo campioni nella loro disponibilità ad accettare il rischio di un programma che all’epoca non era chiuso. E sarò onesto. Non so se il business case verrà chiuso oggi”.

L’allora vicedirettore dell’agenzia spaziale, Laurie Garver, fece eco alle idee di Bolden. parlando la scorsa settimana Alla frontiera dell’Ars. Conferenza A Washington, DC, Garver ha detto che il Congresso era “furioso” quando l’amministrazione Obama ha cercato finanziamenti per la troupe commerciale nel 2010.

“Entrare Boeing nel programma dell’equipaggio commerciale significa ottenere molto sostegno dal Congresso perché tendono ad avere un programma di lobbying molto forte”, ha detto Garver. “Sono stato molto felice quando Boeing ha offerto l’industria aerospaziale tradizionale. Perché penso che sia stata una scelta difficile. E penso che se si guardano indietro, non lo faranno più”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply