Gli scienziati hanno scoperto un antico pezzo della crosta terrestre di 4 miliardi di anni sotto l’Australia occidentale

La Terra è composta da tre strati principali: la crosta, il mantello e il nucleo.

Il laser apre la strada alla ricerca della vecchia crosta.

Università Curtin I ricercatori hanno scoperto prove di un pezzo di crosta terrestre di quasi quattro miliardi di anni sotto l’Australia occidentale sudoccidentale utilizzando laser più piccoli di un capello umano per mirare a microscopici granelli di minerale estratti dalla sabbia della spiaggia.

The Timescales of Mineral Systems Group presso la Curtin School of Earth and Planetary Sciences, guidato da Ph.D. Il laser è stato utilizzato per vaporizzare frammenti di singoli grani dello zircone minerale e ha rivelato dove i grani erano stati originariamente erosi e la storia geologica dell’area, ha detto lo studente Maximilian Droelner. Questa nuova scoperta aiuta a spiegare come il pianeta si sia evoluto dall’essere inabitabile a sostenere la vita.

“Ci sono prove che un pezzo di crosta di quattro miliardi di anni, delle dimensioni dell’Irlanda, abbia influenzato l’evoluzione geologica dell’Australia occidentale negli ultimi miliardi di anni ed è un componente importante delle rocce formate a Washington durante questo periodo”, afferma Signor Drollner.

“Questo pezzo di crosta è sopravvissuto a molteplici eventi di costruzione di montagne tra Australia, India e Antartide e sembra essere ancora presente a una profondità di decine di chilometri sotto l’angolo sud-occidentale dell’Australia occidentale. Confrontando i nostri risultati con i dati esistenti, sembra che in molte aree del mondo, tempi simili sono stati osservati per la formazione e la conservazione precoci della crosta. Ciò indica un cambiamento significativo nell’evoluzione della Terra circa quattro miliardi di anni fa, quando il bombardamento di meteoriti è diminuito, la crosta si è stabilizzata e la vita ha iniziato a stabilirsi”.

Il supervisore della ricerca, il dottor Milo Parham, anche lui del Timescales of Mineral Systems Group all’interno della Curtin School of Earth and Planetary Sciences, ha affermato che nessuno studio su larga scala di questa regione era stato condotto prima e i risultati, se confrontati con i dati esistenti, hanno mostrato intriganti . Nuove intuizioni.

“Il bordo dell’antico pezzo di crosta sembra segnare importanti confini crostali che controllano dove trovare minerali economicamente importanti”, ha affermato il dottor Parham.

“L’identificazione di antichi resti crostali è importante per il futuro dell’esplorazione ottimale di risorse sostenibili. Studiare la Terra primordiale è impegnativo a causa dell’enorme quantità di tempo che è trascorso, ma è di profonda importanza per comprendere l’importanza della vita sulla Terra e la nostra ricerca per trovarlo su altri pianeti.”

Riferimento: “Paleolithic Steadfast Plantation in West Yelgarn Craton, Western Australia” di Maximilian Drollner, Christopher L. Kirkland, Milo Parham, Noreen J. Evans e Bradley J. MacDonald, 17 giugno 2022, disponibile qui. Terra Nova.
DOI: 10.1111 / III.12610

Il signor Droelner, il dottor Parham e il coautore della ricerca, il professor Chris Kirkland, sono affiliati all’Institute for Geosciences Research (TIGeR). Il fiore all’occhiello dell’Earth Science Research Institute di Curtin è stato finanziato dal Western Australian Institute of Mineral Research.

READ  La misteriosa pietra di Ipazia potrebbe contenere le prime prove di una supernova di tipo Ia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply