Gli Stati Uniti stanno indagando sul caso di una donna saudita condannata a 34 anni di carcere per aver twittato

Un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha dichiarato, mercoledì, che gli Stati Uniti stanno esaminando il caso di una studentessa saudita che è stata condannata a 34 anni di carcere a causa della sua attività su Twitter.

L’esercizio della libertà di espressione in difesa dei diritti delle donne non dovrebbe essere criminalizzato. Non dovrebbe mai essere criminalizzato”, Ned Price di The Division Ha detto in una conferenza stamparilevando che gli Stati Uniti stanno “studiando” il caso e il verdetto.

Dottorando presso l’Università di Leeds nel Regno Unito Salma Al-Shehab Arrestato l’anno scorso durante una visita In Arabia Saudita, a causa dell’attività di Twitter critica nei confronti del governo saudita.

La famiglia Al-Shehab potrebbe essere stata denunciata al governo saudita tramite un’app di denuncia dei crimini, Il Guardian ha scritto mercoledìPer seguire e ritwittare attivisti e oppositori.

La corte ha anche stabilito che il suo telefono e il suo account Twitter dovrebbero essere confiscati e cancellati. Secondo il Washington Post,.

“La libertà di espressione è un principio che difendiamo in tutto il mondo. Ogni volta che un governo, ovunque, calpesta un tale principio, parliamo e cerchiamo di difendere questo diritto fondamentale che è fondamentale per gli individui in Arabia Saudita come lo è per qualsiasi paese”, Prezzo ha detto in tutto il mondo.

Presidente Biden Ha fatto un viaggio controverso in Arabia Saudita all’inizio di quest’anno, Dove ha incontrato il principe ereditario saudita Maometto bin Salman.

READ  Presidente cinese: Hong Kong sta passando dal caos al potere

Era Biden prima Promessa di fare dell’Arabia Saudita un “paria” Sull’uccisione nel 2018 del giornalista saudita Jamal Khashoggi negli Stati Uniti.

Alla domanda se le relazioni morbide tra i due paesi darebbero all’Arabia Saudita una licenza per agire impunemente su questioni come il caso Al-Shehab, Price ha detto mercoledì che il recente impegno degli Stati Uniti, inclusa la recente visita di Biden, “ha chiarito al nostro Golfo partner” e ai sauditi. . Che “i diritti umani sono al centro della nostra agenda”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply