Gruppi tecnici stanno esortando la Corte Suprema a ribaltare la legge sui social media del Texas

Segnaposto quando vengono caricate le azioni dell’articolo

Due gruppi con sede a Washington che rappresentano Google, Facebook e altre società tecnologiche hanno presentato venerdì una petizione urgente alla Corte Suprema cercando di bloccare la legislazione del Texas che vieta alle società di social media di eliminare i post basati sull’ideologia politica di un utente.

La legge del Texas è entrata in vigore mercoledì dopo che la Corte d’Appello degli Stati Uniti per il 5° Circuito di New Orleans ha revocato il divieto del tribunale distrettuale che lo vietava. L’azione della corte d’appello ha scioccato l’industria, che è ampiamente riuscita a contrastare gli sforzi dei leader statali repubblicani per regolare le politiche di valutazione dei contenuti delle società di social media.

In una causa intentata presso la Corte Suprema, NetChoice e la Computer & Communications Industry Association (CCIA) hanno sostenuto che la legge era incostituzionale e ha causato “danni irreparabili” a Internet e alle imprese.

La legge “prive le aziende private online dei loro diritti di parola, impedisce loro di prendere decisioni editoriali che sono costituzionalmente protette e le costringe a pubblicare e promuovere contenuti discutibili”, ha affermato il consulente di NetChoice Chris Marquez in una nota. “In piedi a sinistra, [the Texas law] Invertire il Primo Emendamento equivarrebbe a violare la libertà di parola, anche se il governo dice di ‘proteggerla’”.

Il governatore del Texas firma un disegno di legge che vieta agli utenti di visualizzare i social media

La petizione porta davanti alla Corte Suprema della nazione la lotta per il futuro del discorso online, che ha scosso i politici a Washington e in tutto lo stato. Quando i legislatori di tutto il paese chiedono sempre più la regolamentazione delle politiche di valutazione dei contenuti della Silicon Valley, si scontrano con il Primo Emendamento, che impedisce al governo di limitare la parola.

READ  Randall Quarles si è dimesso alla fine dell'anno, aprendo la strada a un ulteriore rifacimento della Federal Reserve di Biden.

Il giudice Samuel A. Snyder, nominato alla corte dal leader repubblicano George W. Bush. La domanda è stata depositata presso Alito Jr.

Tecnologia 202: Il futuro dei social media può essere deciso dalla Corte Suprema

La legge del Texas, firmata dal governatore del GOP Greg Abbott a settembre, riflette la crescente tendenza dei repubblicani a presentare le loro accuse contro la loro ideologia mentre i repubblicani sono in minoranza a Washington. La legge consente ai residenti del Texas e al procuratore generale dello stato di citare in giudizio se ritengono che le società di social media con oltre 50 milioni di utenti negli Stati Uniti siano ingiustamente bandite o censurate. Per legge, le società tecnologiche, tra cui Facebook e YouTube di Google, devono creare un sistema di reclamo in modo che le persone possano contestare le decisioni di eliminare o segnalare attività illegali.

La legge è stata inizialmente vietata dall’entrata in vigore da un giudice distrettuale federale. Ma mercoledì sera, con una decisione sorprendente, la corte d’appello ha revocato la sospensione del giudice, consentendo alla legge di entrare in vigore mentre il tribunale di grado inferiore continua a perseguire i suoi meriti. Nel presentare un ricorso urgente alla Corte Suprema, i gruppi tecnici commerciali stanno cercando di far cadere tale decisione.

La legge riflette le affermazioni di lunga data dei conservatori secondo cui le società di social media della Silicon Valley si “censurano” se stesse. Le società negano le accuse, ma le accuse sono diventate al centro delle notizie politiche repubblicane. Elon Muskin Accuse recenti L’impulso per queste affermazioni è stato che c’era una “forte ala sinistra” nel mezzo della sua acquisizione di Twitter.

READ  L'uragano Gaylord, nel Michigan, ne uccide uno, causando ferite e danni diffusi

Perché Elon Musk è così polarizzante

L’anno scorso la Florida ha approvato una legge simile sui social media che ne ha impedito l’entrata in vigore. La Corte d’Appello degli Stati Uniti per l’11° Round ha ascoltato l’appello dello stato il mese scorso, ma non si è pronunciata.

Esperti legali e gruppi tecnici hanno spesso sostenuto che tali leggi sono contrarie al Primo Emendamento. Avvertono inoltre che sarà molto difficile per le aziende rimuovere i contenuti dannosi e che incitano all’odio.

“Nessun sito online, sito web o giornale dovrebbe essere guidato da funzionari governativi a pubblicare un testo specifico”, ha detto al Washington Post il presidente della CCIA Matt Schruers. “Le opinioni possono differire sul fatto che i siti online debbano fornire opinioni come incitamento all’odio o propaganda nazista. Il primo emendamento lascia questa scelta ai privati ​​​​e alle imprese, non alle autorità”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply