Hajj 2024: più di 1,5 milioni di musulmani stranieri arrivano alla Mecca

LA MECCA, Arabia Saudita (AP) – I pellegrini musulmani si stanno riversando nella città santa della Mecca, in Arabia Saudita, prima dell’inizio della stagione dell’Hajj alla fine di questa settimana, con l’Hajj annuale che ritorna alle sue dimensioni enormi.

Funzionari sauditi affermano che martedì sono arrivati ​​nel paese più di 1,5 milioni di pellegrini stranieri, la stragrande maggioranza per via aerea, da tutto il mondo. Si prevede che altri si uniranno a loro, e centinaia di migliaia di sauditi e di altri che vivono in Arabia Saudita si uniranno a loro quando venerdì inizierà ufficialmente l’Hajj.

Pellegrini musulmani pregano nella Grande Moschea, durante l’annuale Hajj alla Mecca, Arabia Saudita, martedì 11 giugno 2024. (AP Photo/Rafiq Maqbool)

Funzionari sauditi hanno affermato di aspettarsi che il numero di pellegrini quest’anno supererà il 2023, con oltre 1,8 milioni di persone che celebreranno l’Hajj, un valore vicino ai livelli pre-pandemia. Nel 2019, più di 2,4 milioni di musulmani hanno eseguito l’Hajj. Le autorità saudite controllano il flusso dei pellegrini attraverso quote, consentendo a ogni Paese un pellegrino ogni mille cittadini musulmani.

Tra i pellegrini c’erano 4.200 palestinesi provenienti dalla Cisgiordania occupata arrivati ​​alla Mecca all’inizio di questo mese, secondo il Ministero palestinese per le dotazioni e gli affari religiosi. Quest’anno i palestinesi della Striscia di Gaza non hanno potuto recarsi in Arabia Saudita per celebrare l’Hajj, a causa della guerra in corso tra Israele e Hamas.

Ibrahim Al-Hadary, pellegrino algerino, ha detto: “Preghiamo affinché la Palestina venga liberata e affinché (i palestinesi) liberino la loro terra e siano come le altre nazioni, e vivano in pace e non sempre in uno stato di guerra. ” In piedi nel cortile della Grande Moschea in attesa della preghiera della sera.

READ  Putin ha ricevuto la Corea del Nord in pompa magna nella prima visita del leader russo in 24 anni

Martedì, i pellegrini si sono riuniti presso la Grande Moschea della Mecca, eseguendo un rituale che ha camminato sette volte attorno alla Kaaba, la struttura cubica all’interno della moschea considerata il luogo più sacro dell’Islam. Indossavano l’ihram, che consisteva in due pezzi di stoffa bianca scuciti che somigliavano a un sudario.

Molti di loro sono stati visti sudare copiosamente a causa del sole cocente, e altri portavano ombrelli per proteggersi dal sole mentre le temperature raggiungevano i 42 gradi Celsius (107 Fahrenheit) e i 45 gradi Celsius (113 Fahrenheit) durante la giornata di martedì e mercoledì, rispettivamente.

“Mi sono sentita sollevata quando ho raggiunto la Grande Moschea e ho visto la Kaaba”, ha detto Rabiaa Al-Rajhi, una donna marocchina venuta alla Mecca per l’Hajj con il marito e la figlia. “Sono molto contento.”

Muhammad Abdel Basit, un pellegrino iracheno, ha detto di sentirsi estremamente felice di eseguire i rituali dell’Hajj.

L’avvocato Abdul Basit di Baghdad ha dichiarato: “Ci congratuliamo con la grande folla e ringraziamo Dio per averci riuniti da tutte le regioni del mondo e non solo dal mondo arabo, da tutte le regioni musulmane del mondo (che) sono venute alla Grande Moschea”. .

Di notte, la vasta piazza di marmo intorno alla Kaaba era affollata di credenti che camminavano fianco a fianco, spesso scontrandosi con le barricate erette dalle forze di sicurezza per dirigere il massiccio flusso di persone dentro e intorno alla Grande Moschea.

I pellegrini eseguono la circumambulazione, conosciuta come “tawaf” in arabo, al loro arrivo alla Mecca. Le grandi folle che circumambulano la Kaaba continueranno fino al primo giorno dell’Hajj.

Venerdì i pellegrini si sposteranno al Monte Arafat per una sosta di un’intera giornata, poi a Muzdalifah, una pianura rocciosa a pochi chilometri di distanza. A Muzdalifah, i pellegrini raccolgono ciottoli da utilizzare per lapidare i pilastri che simbolicamente rappresentano Satana a Mina.

L’Hajj è uno dei più grandi raduni religiosi del mondo ed è uno dei cinque pilastri dell’Islam. Tutti i musulmani devono farlo almeno una volta nella vita se sono fisicamente e finanziariamente in grado di farlo.

I pellegrini vedono l’Hajj come un’opportunità per rafforzare la loro fede, cancellare vecchi peccati e ricominciare da capo.

___

La copertura religiosa dell’Associated Press riceve supporto tramite l’AP cooperazione Con The Conversation US, finanziato da Lilly Endowment Inc., l’AP è l’unico responsabile di questo contenuto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply