I centristi del presidente Macron mantengono la maggioranza: attese | Notizie elettorali

Macron dovrà assicurarsi almeno 289 dei 577 seggi per ottenere la maggioranza per approvare la legislazione durante il suo secondo mandato di cinque anni.

La coalizione centrista guidata dal presidente francese Emmanuel Macron dovrebbe mantenere la maggioranza parlamentare dopo il primo turno di votazioni, secondo le aspettative di domenica.

Le proiezioni basate sui risultati parziali delle elezioni a livello nazionale, hanno mostrato che il partito di Macron ei suoi alleati hanno ottenuto circa il 25-26 per cento dei voti. Erano allineati con una nuova coalizione di sinistra composta da sostenitori dell’estrema sinistra, socialisti e il Partito dei Verdi.

Tuttavia, i candidati di Macron dovrebbero vincere in più distretti rispetto ai loro rivali di sinistra, dando al presidente la maggioranza.

Macron dovrà assicurarsi almeno 289 dei 577 seggi per ottenere la maggioranza per approvare la legislazione durante il suo secondo mandato di cinque anni.

Gli addetti ai lavori del governo si aspettavano una performance relativamente scarsa nel primo round della coalizione “Ensemble” di Macron, in cui un numero record di elettori è stato visto astenersi.

“Ho votato per la speranza… quindi non per il nostro attuale presidente”, ha detto Michel Gibbous, 71 anni.

Evan Warren, che ha votato per Macron alle elezioni presidenziali, vuole vederlo ottenere la maggioranza.

“Per me è importante avere un governo forte, che ci consente di rappresentare la Francia nel modo più efficace”, ha affermato l’informatico 56enne.

Le elezioni per i 577 seggi alla Camera dei Rappresentanti si svolgono nell’Assemblea nazionale a due turni. Più di 6.000 candidati, di età compresa tra i 18 ei 92 anni, sono in lizza per un seggio all’Assemblea nazionale al primo turno delle elezioni. Quelli con il maggior numero di voti avanzeranno al secondo turno cruciale il 19 giugno.

READ  La Russia invia in pochi mesi missili nucleari in Bielorussia, mentre i leader del G7 si incontrano in Germania | Ucraina

Dopo la rielezione di Macron a maggio, la sua coalizione centrista sta cercando una maggioranza assoluta che gli consenta di mantenere le sue promesse elettorali, che includono tagli alle tasse e innalzamento dell’età pensionabile da 62 a 65 anni.

“coesistenza”

L’opposizione principale è una coalizione di nuova creazione di sinistra, verdi e comunisti guidata dalla figura di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon.

Melenchon ha esortato gli elettori a dare la maggioranza alla sua coalizione e quindi costringere Macron a nominarlo primo ministro, il che porterebbe a una situazione chiamata “convivenza”.

La piattaforma di sinistra prevede un aumento significativo del salario minimo, un abbassamento dell’età pensionabile a 60 anni e una chiusura dei prezzi dell’energia.

Sebbene la coalizione di Melenchon possa vincere più di 200 seggi, le attuali aspettative danno alla sinistra poche possibilità di ottenere la maggioranza. Macron e i suoi alleati dovrebbero vincere tra 260 e 320 seggi, secondo gli ultimi sondaggi d’opinione.

L’estrema destra francese, guidata da Marine Le Pen, dovrebbe vincere almeno 15 seggi, permettendole di formare un gruppo parlamentare e ottenere maggiori poteri in Parlamento.

Le elezioni parlamentari sono tradizionalmente una gara difficile per i candidati di estrema destra, con i concorrenti che tendono a eludere al secondo turno per aumentare le possibilità di un altro sfidante.

Il National Le Pen Rally spera di fare meglio di cinque anni fa quando vinse otto posti.

I risultati potrebbero anche essere influenzati dal previsto calo record dell’affluenza alle urne. I sondaggi dicono che meno della metà dei 48,7 milioni di elettori francesi dovrebbe votare.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply