I clienti affermano che Binance ha servito i trader di criptovalute in Iran nonostante le sanzioni statunitensi

  • Sette iraniani affermano di aver utilizzato la piattaforma di criptovaluta Binance dopo che gli Stati Uniti hanno reimposto le sanzioni all’Iran
  • I trader affermano che i deboli controlli sul background e la profonda liquidità hanno attirato gli iraniani su Binance
  • Gli avvocati affermano che le notizie sul commercio iraniano su Binance potrebbero attirare il controllo normativo degli Stati Uniti

LONDRA (Reuters) – Un’indagine Reuters ha scoperto che il più grande scambio di criptovalute del mondo, Binance, ha continuato a elaborare accordi con i clienti in Iran nonostante le sanzioni statunitensi e il divieto alla società di fare affari lì.

Nel 2018, gli Stati Uniti hanno reimpostato le sanzioni che erano state sospese tre anni prima nell’ambito dell’accordo nucleare iraniano con le principali potenze mondiali. Nel novembre di quell’anno, Binance ha notificato ai commercianti in Iran che non li avrebbe più serviti e ha chiesto loro di liquidare i loro conti.

Ma sette trader hanno dichiarato in interviste a Reuters di aver aggirato il divieto. I trader hanno affermato di aver continuato a utilizzare i loro account Binance fino a settembre dello scorso anno, perdendo l’accesso solo dopo che l’exchange ha rafforzato i controlli antiriciclaggio il mese precedente. Fino a quel momento, i clienti potevano fare trading registrandosi solo con un indirizzo e-mail.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“C’erano alcune alternative, ma nessuna era buona come Binance”, ha affermato Asal Alizadeh, una trader di Teheran, che ha affermato di aver utilizzato lo scambio per due anni fino a settembre 2021. L’ho usato.”

Altre undici persone in Iran oltre a quelle intervistate da Reuters sui loro profili LinkedIn hanno affermato di aver scambiato criptovaluta su Binance dopo il divieto del 2018. Nessuno di loro ha risposto alle domande.

La borsa valori in Iran era famosa all’interno dell’azienda. I dipendenti senior erano a conoscenza e scherzavano sui ranghi crescenti di utenti iraniani allo scambio, secondo dieci messaggi che si sono scambiati nel 2019 e nel 2020 che sono stati riportati per la prima volta qui. Uno di loro ha scritto “Iran Boy” in risposta ai dati che mostrano la popolarità di Binance su Instagram in Iran.

Binance non ha risposto alle domande di Reuters sull’Iran. In un post sul blog di marzo pubblicato in risposta alle sanzioni occidentali contro la Russia, Binance ha affermato di “seguire rigorosamente le regole delle sanzioni internazionali” e di aver formato una “task force di conformità globale, che include sanzioni di fama mondiale ed esperti delle forze dell’ordine”. Binance ha affermato di aver utilizzato “strumenti bancari” per impedire a persone o entità sanzionate di utilizzare la sua piattaforma.

La missione dell’Iran presso le Nazioni Unite a New York non ha risposto a una richiesta di commento.

Sette avvocati ed esperti di sanzioni hanno detto a Reuters che il commercio iraniano in borsa potrebbe attirare l’interesse delle autorità di regolamentazione statunitensi.

Binance, la cui holding ha sede alle Isole Cayman, afferma di non avere un unico quartier generale. Non fornisce dettagli sull’entità dietro la principale piattaforma di trading Binance.com che non accetta clienti negli Stati Uniti. Invece, i clienti statunitensi vengono indirizzati a uno scambio separato chiamato Binance.US, che – secondo il deposito normativo del 2020 – è controllato dal fondatore e CEO di Binance Changpeng Zhao.

Gli avvocati affermano che questa struttura significa che Binance è protetto dalle sanzioni statunitensi dirette che impediscono alle società statunitensi di fare affari in Iran. Questo perché i trader in Iran hanno utilizzato l’exchange principale Binance, che non è una società americana. Ma Binance corre il rischio delle cosiddette sanzioni secondarie, che hanno lo scopo di impedire alle società straniere di fare affari con entità sanzionate o aiutare gli iraniani a eludere l’embargo commerciale degli Stati Uniti. Oltre a causare danni alla reputazione, le sanzioni secondarie possono anche soffocare l’accesso di un’azienda al sistema finanziario statunitense.

READ  I senatori sollevano preoccupazioni per l'acquisto di Activision Blizzard da parte di Microsoft

Quattro avvocati hanno affermato che l’esposizione della piattaforma Binance dipenderà dal fatto che le parti sanzionate scambino sulla piattaforma e se i clienti iraniani siano sfuggiti all’embargo commerciale degli Stati Uniti a seguito delle loro transazioni. ha affermato Eric Ferrari, procuratore principale di Ferrari & Associates, uno studio legale di Washington.

Reuters non ha trovato prove di individui sanzionati che utilizzano la piattaforma Binance.

Alla domanda sull’uso di Binance da parte dei trader in Iran, un portavoce del Tesoro degli Stati Uniti ha rifiutato di commentare.

Reuters ha riferito a gennaio che la piattaforma Binance ha mantenuto deboli controlli di conformità per i suoi utenti fino allo scorso anno, nonostante le preoccupazioni sollevate da alcune figure di spicco dell’azienda, basandosi su interviste con ex dipendenti senior, lettere interne e corrispondenza con le autorità di regolamentazione nazionali. Lo scambio ha affermato in risposta che stava innalzando gli standard del settore. Un nuovo rapporto Reuters mostra per la prima volta come le scappatoie nel programma di conformità di Binance abbiano consentito ai trader in Iran di fare affari sull’exchange.

La piattaforma Binance domina il settore delle criptovalute da 950 miliardi di dollari, offre ai suoi 120 milioni di utenti una gamma di valute digitali, derivati ​​e token non fungibili ed elabora centinaia di miliardi di dollari in transazioni ogni mese. Lo scambio si sta dirigendo sempre più verso il mainstream. Il suo fondatore miliardario Zhao, meglio noto come CZ, quest’anno ha ampliato la sua portata nel business tradizionale promettendo $ 500 milioni per l’acquisizione pianificata di Twitter da parte del capo di Tesla Elon Musk. Da allora Musk ha detto che si ritirerà dall’accordo. Il mese scorso, Binance ha assunto la stella del calcio portoghese Cristiano Ronaldo per promuovere la sua attività NFT.

Binance persiana

Dalla rivoluzione islamica del 1979, l’Occidente e le Nazioni Unite hanno imposto sanzioni all’Iran in risposta al suo programma nucleare, insieme a presunte violazioni dei diritti umani e sostegno al terrorismo. L’Iran ha a lungo considerato il suo programma nucleare per scopi pacifici.

In base all’accordo del 2015 tra l’Iran e sei potenze mondiali, Teheran ha ridimensionato il suo programma nucleare in cambio di alcune sanzioni. Nel maggio 2018, il presidente Donald Trump ha abbandonato l’accordo e ha ordinato la reimposizione delle sanzioni statunitensi che erano state allentate in base all’accordo. Le restrizioni sono tornate in vigore nell’agosto e nel novembre dello stesso anno.

A seguito della mossa di Trump, Binance ha aggiunto l’Iran a un elenco di quelli che ha chiamato “paesi sanzionati” per quanto riguarda i termini dell’accordo sui termini di utilizzo, dicendo che potrebbe “limitare o rifiutare” i servizi in tali aree. Nel novembre 2018, ha avvertito i suoi clienti in Iran via e-mail di ritirare la propria criptovaluta dai propri account “il prima possibile”.

Pubblicamente, alcuni dirigenti di Binance hanno elogiato il suo programma di conformità. In un post sul blog nel dicembre 2018, l’allora direttore finanziario ha affermato di aver investito molto nella lotta al denaro sporco, affermando di aver adottato un “approccio proattivo per rilevare e reprimere il riciclaggio di denaro”. Nel marzo dell’anno successivo, ha assunto una piattaforma di conformità statunitense per aiutarla a controllare i rischi delle sanzioni.

READ  Biden offre supporto logistico per alleviare le carenze della formula

Ad agosto 2019, Binance considerava l’Iran – insieme a Cuba, Siria, Corea del Nord e Crimea – una giurisdizione “contratto di 5 intrappolati” in cui lo scambio non avrebbe fatto affari, secondo un documento interno visto da Reuters. Il documento di maggio 2020 includeva l’Iran in un elenco di paesi che hanno segnalato “no”, citando il capo della conformità Samuel Lim.

I commercianti hanno affermato che anche se la posizione di Binance sull’Iran si indurisce, il suo profilo tra le orde di utenti di criptovalute del paese sta crescendo, citando la loro conoscenza dell’industria locale.

Le criptovalute stanno diventando interessanti lì poiché le sanzioni hanno un pesante tributo sull’economia. Dalla nascita del bitcoin nel 2008, gli utenti sono stati attratti dalla promessa di libertà economica della criptovaluta al di là della portata dei governi. Tagliati fuori dai servizi finanziari globali, hanno affermato gli utenti, molti iraniani si sono affidati al bitcoin per fare affari su Internet.

“La criptovaluta è un buon modo per aggirare le sanzioni e fare buoni soldi”, ha detto Ali, un trader che ha parlato a condizione che fosse conosciuto solo per nome. Ali ha detto che usa Binance da circa un anno. Ha condiviso con Reuters i messaggi con i rappresentanti del servizio clienti di Binance che lo scambio ha chiuso il suo account l’anno scorso. Hanno affermato che la piattaforma Binance non è stata in grado di servire gli utenti dall’Iran, citando le raccomandazioni degli elenchi delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Altri trader sulla borsa hanno citato scarsi controlli dei precedenti dei clienti, piattaforma di trading facile da usare, liquidità profonda e un gran numero di criptovalute che possono essere scambiate come ragioni della sua crescita in Iran.

Poriya Fattohi, che vive a Teheran e afferma di gestire un hedge fund di criptovalute, ha affermato di aver utilizzato la piattaforma Binance dal 2017 fino a settembre dello scorso anno. Ha detto che la piattaforma di Binance ha sovraperformato gli iraniani grazie ai suoi controlli “semplici” per conoscere il tuo cliente, notando come i trader possano aprire conti semplicemente fornendo un indirizzo email.

“Sono riusciti a ottenere un enorme volume di scambi, con molte coppie di valute, in un breve periodo di tempo”, ha affermato El-Fotohi.

Anche Binance Angels – volontari che condividono informazioni sullo scambio in tutto il mondo – hanno contribuito a spargere la voce.

Nel dicembre 2017, gli Angels hanno annunciato il lancio di un gruppo chiamato “Binance Persian” sull’app di messaggistica di Telegram. Il gruppo non è più attivo. La Reuters non è stata in grado di determinare per quanto tempo avrebbe operato, ma ha identificato almeno un iraniano che era un padrone di casa attivo dopo che Washington ha reimposto le sanzioni.

Mohsen Parhizkar è stato un angelo da novembre 2017 a settembre 2020, gestendo il gruppo persiano e aiutando i suoi utenti, secondo il suo profilo LinkedIn. Qualcuno che ha lavorato con Parhizkar ha confermato il suo ruolo e ha scambiato messaggi tra di loro. In una telefonata con Reuters, Parizkar ha detto che Binance ha cancellato i programmi in Iran a causa delle sanzioni. Non è entrato nei dettagli.

READ  Un funzionario del Consiglio del lavoro afferma che Amazon sente che potrebbe ribaltare il voto sindacale di New York

Dopo il divieto nel 2018, almeno tre dipendenti senior di Binance erano a conoscenza del fatto che lo scambio è rimasto popolare in Iran e utilizzato dai clienti lì, secondo 10 messaggi di Telegram e messaggi di chat aziendali tra i dipendenti visti da Reuters.

A settembre 2019, Teheran era tra le principali città da seguire per i follower di Binance su Instagram, superando New York e Istanbul, un post appare nello stesso mese. Quindi il personale lo ha deriso. Qualcuno ha scherzosamente suggerito di annunciare la popolarità di Binance in Iran, dicendo: “Pagalo su Binance US Twitter”.

In uno scambio separato dell’aprile 2020, un dipendente senior ha anche notato che i commercianti iraniani stanno usando Binance, senza spiegare come lo sapesse. Il documento di conformità di Binance dello stesso anno, esaminato da Reuters, ha assegnato all’Iran il punteggio di rischio più alto tra tutti i paesi per finanziamenti illegali.

“Guida per principianti alle VPN”

Alla base della crescita di Binance in Iran c’è la facilità con cui gli utenti possono aggirare le restrizioni tramite reti private virtuali (VPN) e anonimizzatori del protocollo Internet (IP) che possono associare l’uso di Internet al sito, hanno affermato i rivenditori. Gli hacker nordcoreani hanno utilizzato le VPN per nascondere le loro posizioni durante la creazione di account su Binance per riciclare la criptovaluta rubata nel 2020, secondo quanto riportato da Reuters a giugno.

Mehdi Qadri, un addetto allo sviluppo aziendale, ha affermato di aver utilizzato la VPN per scambiare 4.000 dollari di criptovaluta su Binance nell’anno fino ad agosto 2021. “Tutti gli iraniani la stavano usando”, ha detto Qadri di Binance.

Nella sua guida del 2021 su come applicare sanzioni alle società di criptovalute, il Tesoro degli Stati Uniti ha affermato che esistono sofisticati strumenti di analisi in grado di rilevare l’offuscamento dell’indirizzo IP. Ha affermato che le società di crittografia potrebbero anche raccogliere informazioni per avvisare gli utenti in un paese sanzionato, come gli indirizzi e-mail.

“Si prevede che gli scambi di criptovaluta implementeranno questo tipo di misure per conformarsi alle sanzioni”, ha affermato Sidor Rehman, direttore legale dello studio legale Rehman Rafeli a Londra.

Binance stesso ha supportato l’uso delle VPN.

Zhao, CEO di Binance, ha twittato nel giugno 2019 che le VPN erano “una necessità, non un’opzione”. Ha cancellato il commento entro la fine del 2020. In risposta a una domanda sul tweet, Binance non ha commentato. Nel luglio dell’anno successivo, Binance ha pubblicato una “Guida per principianti alle VPN” sul suo sito web. Uno dei suoi consigli: “Puoi utilizzare una VPN per accedere a siti bloccati nel tuo paese”.

Zhao era a conoscenza del fatto che gli utenti di criptovalute generalmente aggiravano i controlli di Binance. Ha detto agli intervistatori nel novembre 2020 che “gli utenti a volte trovano modi intelligenti per aggirare il nostro posto di blocco e dobbiamo solo diventare più intelligenti su come blocchiamo”.

(Segnalazione di Tom Wilson e Angus Berwick; Montaggio di Janet McBride)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply