I consumatori sono più ottimisti sull’economia statunitense



CNN

La fiducia dei consumatori è aumentata per il secondo mese consecutivo a settembre, come tale Prezzi moderati del gas e speranza di un allentamento delle pressioni inflazionistiche Aiutaci ad aumentare l’umore collettivo della nazione.

Il Conference Board ha riferito martedì che il suo indice di base è salito a 108 da un 103,6 rivisto ad agosto, il livello più alto da aprile.

Il sondaggio mensile ha rilevato che gli americani si sentono meno pessimisti sia nella valutazione delle condizioni attuali che nelle aspettative per il futuro. La quota dell’indice della situazione attuale dell’indagine è aumentata da 145,3 a 149,6. L’indice delle aspettative, che si basa sulle prospettive economiche di breve termine, è salito da 75,8 a 80,3.

La lettura arriva come una buona notizia, poiché le aspettative dei consumatori sono state recentemente influenzate dal crescente timore di una recessione economica. Lo ha detto il Conference Board giovedì scorso Indicatore economico principale Raggiungere Il suo sesto calo consecutivo, che secondo il direttore economico capo dell’organizzazione “indica una possibile recessione”. L’indice fornisce informazioni su una serie di attività economiche, che vanno dall’occupazione alla produzione fino ai mercati.

L’indice di fiducia dei consumatori è solo un insieme di dati che economisti e investitori dovranno digerire questa settimana. Il terzo e ultimo sguardo al Bureau of Economic Analysis sul PIL per il secondo trimestre Verrà rilasciato giovedì. Fatta eccezione per la revisione al rialzo che ha rilevato che l’economia si è espansa anziché contrarsi, l’attività economica statunitense Cadrà per due trimestri consecutivi, che è una misura comunemente usata, anche se informale, per indicare che si trova un paese Recessione.

Venerdì, la BEA rilascerà anche il suo indice di spesa per consumi personali, l’indicatore di inflazione preferito dalla Federal Reserve, L’Università del Michigan riferirà sulla fiducia dei consumatori.

“Guardando al futuro, una maggiore fiducia potrebbe essere di buon auspicio per la spesa dei consumatori negli ultimi mesi del 2022, ma l’inflazione e i tassi di interesse più elevati restano ostacoli alla crescita a breve termine”, ha affermato Lynn Franco, direttore senior degli indicatori economici presso The Conference Board in un dichiarazione.

Gli analisti hanno affermato che gran parte del miglioramento di settembre potrebbe essere attribuito al calo dei prezzi del gas e alla continua elevata domanda di lavoratori. “Abbiamo avuto un calo dei prezzi della benzina per un po’ di tempo… e abbiamo un mercato del lavoro molto forte”, ha affermato Charlie Ripley, analista di investimento senior di Allianz Investment Management.

“Siamo rimasti sorpresi da quanto la fiducia dei consumatori sia correlata ai costi dell’energia e del carburante”, ha affermato Keith Buchanan, portfolio manager di Globalt Investments. “Fa sentire meglio le persone quando un arresto settimanale della pompa di benzina costa il 30% in meno rispetto a tre mesi fa”.

Sebbene il prezzo medio nazionale per gallone di gas abbia recentemente invertito la rotta, 99 giorni di serie interrotta Da prezzi più bassi, ancora molto più bassi Il massimo di giugno è di $ 5,02.

Il Conference Board ha rilevato che la percentuale di persone intervistate a settembre è maggiore rispetto ad agosto Ha detto che i lavori erano “abbondanti”, mentre una percentuale leggermente inferiore ha descritto i lavori come “difficili da ottenere”. Il sondaggio ha rilevato che le intenzioni di acquisto di case sono diminuite, mentre sono aumentate le intenzioni di acquistare automobili ed elettrodomestici.

“I consumatori non sembrano essere troppo preoccupati”, ha affermato Melissa Brown, responsabile globale della ricerca applicata presso Contigo. “Punta a un’economia che può continuare a crescere, ma penso che lo spettro dell’inflazione ci sia e c’è una specie di esagerazione sull’altra buona notizia”.

Il Conference Board ha rilevato che le aspettative di inflazione media a 12 mesi sono scese al 6,8% a settembre dal 7% di agosto. “Le preoccupazioni per l’inflazione si sono ulteriormente dissipate a settembre… ora è al livello più basso dall’inizio dell’anno”, ha detto Franco.

Tuttavia, anche con questo miglioramento, indica ancora che gli americani si aspettano che l’inflazione rimanga più alta più a lungo. Nel riepilogo delle prospettive economiche della Federal Reserve pubblicato la scorsa settimana, le previsioni dei funzionari per l’inflazione chiave del PCE nel 2023 sono scivolate di nuovo tra il 2,4% e il 4,1%. Questo è caduto da La lettura attuale è del 6,3%.

“Ci stiamo accorgendo che i tassi di interesse devono rimanere elevati per molto più tempo”, ha affermato Brian Mulberry, gestore del portafoglio clienti di Zacks Investment Management. “Lo vedi riflesso Nei prezzi fluttuanti nel mercato ora…le persone stanno davvero cercando di capire cos’è la realtà”.

“Ci sono molte domande, cosa fa questo ambiente inflazionistico al comportamento dei consumatori?” ha detto Buchanan.

Ha aggiunto che la speranza della Fed in un atterraggio morbido dipende da come le famiglie statunitensi rispondono agli effetti di una politica monetaria più restrittiva e da quanto bene sono in grado di gestire prezzi più elevati e costi di finanziamento più elevati.

“Quanto sarà difficile questo declino dipenderà molto, molto da quanto saranno difficili e flessibili la spesa e il comportamento dei consumatori nei prossimi 12 mesi”, ha affermato.

READ  I migliori saldi per la festa del lavoro 2022 - Le migliori offerte per acquistare ora

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply