I leader della zona occupata filo-Mosca cercano di unirsi alla Russia, Zelensky sbatte i “collaboratori”

Il filmato della trasmissione in diretta mostra persone che tengono uno striscione con i colori della bandiera ucraina mentre protestano contro l’invasione russa dell’Ucraina, a Kherson, in Ucraina, il 13 marzo 2022, in questa immagine fissa da un video sui social media ottenuto da Reuters.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Kherson sarà la prima regione ad essere annessa dall’incursione russa
  • Il Cremlino dice che i residenti dovrebbero decidere il proprio destino
  • Il governatore ucraino afferma che i residenti vogliono un rapido ritorno in Ucraina

(Reuters) – L’agenzia di stampa russa TASS ha riferito mercoledì, citando l’amministrazione militare e civile locale, che la regione di Kherson in Ucraina occupata dai russi intende chiedere al presidente Vladimir Putin di integrarla in Russia entro la fine del 2022.

Kherson è la prima regione ad essere annessa da quando Mosca ha lanciato la sua campagna militare a febbraio, dicendo che doveva disarmare l’Ucraina e proteggere i russofoni dai “fascisti”. L’Ucraina e l’Occidente hanno rifiutato questa logica come scusa infondata per lanciare una guerra di aggressione imperialista.

Il Cremlino ha detto che spetta ai residenti che vivono nella regione decidere se vogliono unirsi alla Russia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ma Henady Lahota, il deposto governatore ucraino della regione di Kherson, ha detto ai giornalisti nella città ucraina di Dnipro che i residenti volevano solo “una rapida liberazione e un ritorno nel seno della loro patria, la loro madre, l’Ucraina”.

La Russia ha dichiarato ad aprile di aver preso il pieno controllo dell’area, che ha visto sporadiche proteste anti-russe.

READ  Vladimir Putin deve essere fermato una volta per tutte

Kherson, sede dell’omonima città portuale, fornisce parte del collegamento terrestre tra la Crimea, che la Russia ha catturato dall’Ucraina nel 2014, e le regioni separatiste sostenute dalla Russia nell’Ucraina orientale. Leggi di più

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky all’epoca disse che i negoziati con Mosca sarebbero stati in pericolo se la Russia avesse usato “falsi referendum” per giustificare l’annessione delle regioni occupate di Kherson e Zaporizhia.

In un video discorso a tarda notte di mercoledì, Zelensky ha denunciato “quelle persone emarginate, che lo stato russo ha ritenuto di agire come collaboratori”. Ha detto che stavano facendo dichiarazioni di “stupidità cosmica”.

Ha aggiunto: “Ma qualunque cosa facciano gli occupanti, non significa nulla: non hanno alcuna possibilità. Sono fiducioso che libereremo la nostra terra e la nostra gente”.

“Nessun referral”

Nel 2014, un mese dopo aver erroneamente occupato la Crimea, Mosca vi organizzò un referendum – che l’Ucraina e l’Occidente respinsero come illegittimo – sostenendo in modo schiacciante l’annessione della Russia.

Interrogato mercoledì sull’adesione di Kherson alla Russia, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che i residenti dovrebbero decidere il proprio destino, ma tali decisioni necessitano di una chiara base giuridica “come nel caso della Crimea”.

Tuttavia, Kirill Strimosov, vice capo dell’amministrazione militare civile controllata dalla Russia, è stato citato dalla RIA per aver detto ai giornalisti:

“Non ci saranno referendum perché è assolutamente irrilevante, dato che il referendum tenutosi legalmente nella Repubblica di Crimea non è stato accettato dalla comunità internazionale”.

L’amministrazione non ha risposto immediatamente alle chiamate di Reuters in cerca di commenti.

Lahota ha detto a Dnipro che 300.000 dei circa 1 milione di residenti della regione se ne sono andati a seguito dell’acquisizione russa.

READ  Il capo di stato maggiore Kamala Harris si dirige verso l'uscita

L’Ucraina ha detto che ci sono state proteste a Kherson contro l’occupazione russa e che una manifestazione di due settimane fa è stata interrotta con i gas lacrimogeni.

“Dopo le ripetute vittime di persone a Kherson, a Nova Kakhovka … meno persone hanno iniziato a protestare perché il nemico ha iniziato ad agire in modo sempre più crudele e ha iniziato ad arrestare le persone”, ha detto Lahota.

La Russia ha già introdotto la valuta del rublo nella regione di Kherson, sostituendo la grivna ucraina.

TASS ha citato l’amministrazione controllata dalla Russia dicendo che gli organismi pensionistici e un sistema bancario sarebbero stati istituiti per la regione e che le filiali di una banca russa potrebbero aprire lì prima della fine di maggio.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione di Reuters. Montaggio di Angus McSwan e Grant McCall

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply