I leader dell’OPEC+ si scontrano con gli Stati Uniti per profondi tagli all’offerta

VIENNA/LONDRA, 5 ott (Reuters) – L’OPEC+ sembra destinata a tagliare profondamente i suoi obiettivi di produzione di petrolio quando lo raggiungerà mercoledì, nonostante le pressioni degli Stati Uniti e di altri paesi per frenare l’offerta in un mercato già ristretto.

I tagli dell’OPEC+ potrebbero innescare una ripresa dei prezzi del petrolio, che sono scesi da $ 120 a $ 90 tre mesi fa a causa dei timori di un rallentamento economico globale, dell’aumento dei tassi di interesse statunitensi e di un dollaro forte.

L’OPEC+, che comprende Arabia Saudita e Russia, sta lavorando per tagliare 1-2 milioni di barili al giorno, hanno detto le fonti a Reuters.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Gli Stati Uniti stanno esortando l’OPEC a non perseguire i tagli sostenendo che i fondamentali non li supportano, ha affermato una fonte che ha familiarità con la questione. leggi di più

Le fonti hanno affermato che non era chiaro se i tagli potessero includere ulteriori riduzioni volontarie da parte di membri come l’Arabia Saudita o se i tagli includessero l’attuale bassa produzione del gruppo.

L’OPEC+ è sceso di circa 3,6 milioni di bpd al di sotto del suo obiettivo di produzione ad agosto.

La reazione di Washington

“Se l’aumento dei prezzi del petrolio è determinato da significativi tagli alla produzione,

“In vista delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti, irriterà l’amministrazione Biden”, hanno affermato in una nota gli analisti di Citi.

“Potrebbero esserci ulteriori reazioni politiche da parte degli Stati Uniti, inclusi ulteriori rilasci di azioni strategiche e alcuni jolly, incluso l’ulteriore sviluppo del disegno di legge Nopec”, ha affermato Citi, riferendosi al disegno di legge antitrust statunitense contro l’OPEC.

READ  Il rookie dei Carolina Panthers, il QB Matt Corral, è messo da parte a causa di uno strappo ai legamenti della gamba

JPMorgan ha anche affermato che si aspetta che Washington reagisca rilasciando più scorte di petrolio.

L’Arabia Saudita e altri membri dell’OPEC+, l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e altri produttori, inclusa la Russia, hanno affermato che cercano di frenare la volatilità piuttosto che puntare a un prezzo specifico del petrolio. leggi di più

Il greggio di riferimento Brent è salito martedì e mercoledì è stato scambiato al di sotto di $ 92 al barile.

L’Occidente ha accusato la Russia di armare l’energia, creando una crisi in Europa che potrebbe mettere a dura prova le forniture di gas ed elettricità questo inverno.

Mosca accusa l’Occidente di armare il dollaro e sistemi finanziari come SWIFT come rappresaglia per l’invio di truppe in Ucraina da parte della Russia a febbraio. L’Occidente accusa Mosca di invadere l’Ucraina, mentre la Russia la definisce un’operazione militare speciale.

Sebbene l’Arabia Saudita non abbia condannato le azioni di Mosca, la perdita di entrate petrolifere a Mosca è uno dei motivi per cui Washington vuole abbassare i prezzi del petrolio.

I legami sono tesi tra il regno e l’amministrazione di Biden, che quest’anno si è recato a Riyadh, ma non è riuscito a garantire una solida cooperazione in materia di energia.

“Questa decisione è tecnica, non politica”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti Suhail Al-Masrouei.

“Non lo useremo come sistema politico”, ha detto, aggiungendo che le preoccupazioni per una recessione globale sarebbero uno degli argomenti principali.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Montaggio di David Gregorio e Jason Neely

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Avila: I Tigers non sono stati in contatto con Eduardo Rodriguez di recente

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply