I legislatori dell’UE hanno votato per vietare la vendita di auto a benzina entro il 2035

Mentre il provvedimento deve ancora essere discusso dalla Camera e convertito in legge, il voto parlamentare è visto come la fase più importante del processo. La piena approvazione probabilmente significa un calo delle vendite di auto ibride e una rapida transizione ai modelli completamente elettrici.

Il sostegno all’azione segue una serie di rifiuti di altre importanti politiche climatiche mercoledì.

Una fazione parlamentare di centrodestra ha espresso opposizione a un divieto del 100% entro il 2035. Alcuni legislatori avevano invece chiesto un divieto del 90%, il che significa che un decimo delle vendite di auto nuove potrebbe rimanere come motori a combustione.

“Sono soddisfatto e molto contento del risultato”, ha affermato il legislatore olandese Jan Hetema, che ha guidato la formulazione della politica.

Il Parlamento aveva precedentemente respinto altre tre proposte chiave, inclusa la sua politica fondamentale di riforma del mercato del carbonio.

Il legislatore tedesco Peter Leese ha detto ai giornalisti mercoledì che il suo gruppo di centro-destra PPE non era favorevole a un divieto al 100%, aggiungendo che i veicoli a combustione potrebbero ancora essere utili, se la tecnologia per i combustibili sintetici a basse emissioni di carbonio fosse migliorata nel tempo.

“Non pensiamo che i politici dovrebbero decidere se le auto elettriche o i carburanti sintetici siano l’opzione migliore. Personalmente, penso che la maggior parte dei consumatori acquisterebbe un’auto elettrica se dessimo loro le infrastrutture necessarie ed è quello che dobbiamo fare”, ha detto.

Ha aggiunto che è possibile che le auto a combustione che utilizzano combustibili sintetici in futuro diventino più competitive delle auto elettriche. Potrebbe anche essere più realistico per molti paesi in via di sviluppo in Africa e in Asia – che acquistano auto europee – soprattutto se quei paesi non saranno in grado di passare a economie basate sull’energia rinnovabile nei prossimi decenni, ha affermato Lizzie.

READ  Il Partito conservatore di Boris Johnson subisce un'altra sconfitta elettorale. finitura sedia da festa

La commissione ha annunciato per la prima volta un piano per eliminare gradualmente le auto con motore a combustione nell’agosto dello scorso anno. Per facilitare il passaggio ai veicoli elettrici, la Commissione ha affermato che chiederà ai 27 Stati membri dell’UE di aumentare la capacità di ricarica del veicolo. Saranno installati punti di ricarica ogni 60 chilometri (37,3 miglia) sulle principali autostrade e verrà aumentata l’aliquota fiscale minima su benzina e gasolio.

L’industria automobilistica svolge un ruolo fondamentale nell’economia europea, rappresentando il 7% del PIL e sostenendo 14,6 milioni di posti di lavoro nella regione. Ma i trasporti sono l’unico settore con elevate emissioni di gas serra e nel 2017 i veicoli stradali hanno rappresentato il 21% delle emissioni di anidride carbonica.

Il Regno Unito, che non fa più parte dell’Unione Europea, ha annunciato lo scorso anno che vieterà la vendita di nuove auto a benzina e diesel dal 2030, mentre le vendite di alcune nuove auto ibride continueranno fino al 2035.

Il voto a favore della misura ha fatto seguito al brusco rifiuto da parte del parlamento delle proposte dell’UE di creare un sistema di scambio di quote di emissione più ambizioso, una carbon cap tax e un fondo per il clima sociale.

Liese, capo negoziatore del Parlamento sulla riforma del mercato del carbonio, ha esortato i suoi colleghi a riprovare in commissione per trovare una proposta che abbia sostegno.

“Tutti coloro che hanno votato contro oggi possono pensarci due volte… Per favore, non uccidere l’ETS”, ha detto.

La definizione di obiettivi più ambiziosi per il piano, che costringe alcuni dei maggiori inquinatori ad acquistare crediti di carbonio, era la legislazione primaria del blocco sotto il suo ombrello per Plan Fit 55, una tabella di marcia per ridurre le emissioni del 55% entro il 2030 dai livelli del 1990. L’obiettivo è uno degli obiettivi climatici più ambiziosi ambiziosi per qualsiasi grande economia.

READ  Decisione sul tasso di interesse australiano nel maggio 2022

L’Unione Europea è il terzo più grande inquinatore al mondo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply