I primi dati del telescopio spaziale Webb della NASA hanno gli astronomi su Twitter Buzzing

Anche se è passata più di una settimana dalla NASA È stato rivelato il primo straordinario set di immagini del telescopio spaziale James WebbL’euforia che seguì la trasmissione del 12 luglio non svanì. E alla velocità con cui il JWST raccoglie dati cosmologici, non mi aspetto che presto.

Già, molti astronomi hanno svolto ricerche ansiose su set di dati JWST pubblici, facendo del loro meglio per comprendere le preziose informazioni raccolte da questa macchina da 10 miliardi di dollari mentre era installata nello spazio a un milione di miglia dalla Terra. Lunedì, ad esempio, Gabriel Brammer, assistente professore all’Università di Copenaghen, ha pubblicato su Twitter uno splendido vortice viola. È un abisso vivente radicato nei dati JWST scaricati online dalla lontana galassia NGC 628, nota come Messier 74, o “Galassia Fantasma”.

“Oh, mio ​​Dio”, ha scritto Brammer su Twitter. 30 milioni di anni lucebagliore ipnotico corpo a spirale.

In sostanza, per arrivare a questo risultato sorprendente, Brammer ha elaborato i dati JWST grezzi raccolti dallo strumento del medio infrarosso, o MIRI, che era sepolto all’interno di un portale chiamato Archivio del telescopio spaziale Barbara A. Mikulsky. Successivamente, Brammer ha impostato diversi filtri colorati per le lunghezze d’onda rilevate da MIRI come emanate da Messier 74, una galassia piena di molecole chiamate idrocarburi policiclici aromatici, per farle scoppiare davvero.

Brammer ha scritto in risposta ai commentatori curiosi: “Per un po’ più di contesto, la dominante viola qui è in realtà ‘reale’, nel senso che le emissioni del fumo di sigaretta interstellare (particelle IPA) rendono i filtri utilizzati per i canali blu e rosso più luminosi rispetto a il verde In altre parole, i gradi di ametista pesante che vediamo sono esteticamente accurati.

READ  Il 6 giugno verrà lanciato sulla rampa di lancio il razzo lunare Mega Artemis

Ma quando si tratta dell’osservazione occasionale e dell’immaginazione artistica delle scoperte di JWST, Brammer non è affatto solo. In effetti, l’astronoma della NASA Janice Lee – che secondo Brammer è responsabile della “pianificazione ed esecuzione” dei dati dietro la maestosità delle viole – è andata su Twitter con una formula agghiacciante JWST.

Lee ha scritto in un tweet che si tratta di un’immagine GIF di NGC 7496 che passa dalla lente visibile Hubble alla lente a infrarossi di JWST per illuminare “corsie di polvere scure, rivelando in dettaglio le prime fasi della formazione stellare”. Sorprendentemente, questo bellissimo spettacolo fa parte di un mio progetto più ampio di cui fa parte: un programma chiamato Phangs, o Fisica con elevata precisione angolare nelle galassie vicine.

Secondo la NASA, Phangs ha la missione di rivelare i segreti della formazione stellare con JWST condividendo contemporaneamente qualsiasi scoperta con l’intera comunità astronomica. In breve, l’idea è quella di aiutare gli scienziati di tutto il mondo a collaborare mentre osservano il JWST, accelerando così il processo di decodifica dell’universo non filtrato.

Va bene, ma aspetta. c’è dell’altro.

Alcuni scienziati hanno annunciato su Twitter di aver iniziato a presentare documenti basati sulle informazioni JWST per la revisione tra pari. Tutto questo accade molto, molto rapidamente. Ad esempio, Mike Engiser, uno scienziato dello Space Telescope Science Institute, ha pubblicato su Twitter la presentazione di uno studio relativo a JWST relativo a una supernova transitoria e potenziale. Secondo Engesser, questa potenziale esplosione stellare è stata catturata dalla fotocamera nel vicino infrarosso del JWST. In particolare, Brammer ha anche assistito questo team nella sua analisi.

READ  La Russia lancia una nave mercantile verso la Stazione Spaziale Internazionale

In alto a sinistra, spiega Engesser, puoi vedere l’immagine composita a colori dai dati NIRCam di JWST e, a destra, la versione ottica del telescopio spaziale Hubble per la stessa regione, scattata nel 2011.

Ma scavando più a fondo, letteralmente e figurativamente, molti ricercatori si sono anche concentrati su quella che potrebbe essere la “galassia più antica che abbiamo mai visto”, individuata attraverso i dati JWST NIRCam rilasciati in anticipo. Ad un occhio inesperto, sembra essere un punto rosso in agguato su uno sfondo nero.

L’astronomo di Harvard Rohan Naidoo e colleghi Dice che questa galassia può contenere massa di un miliardo di soli nel preprint di arXiv, che tocca anche un altro notevole oggetto galattico. Tuttavia, come sottolinea Naidoo, c’è anche un’altra squadra dopo questo enigma binario galattico. Lo hanno fatto anche loro Invia un documento di revisione ad arXiv.

Queste scoperte stanno già grattando la superficie dei set di dati JWST esistenti. In soli nove giorni, la comunità di astronomia è stata in grado di estrarre un’incredibile quantità di informazioni dagli strumenti JWST. Sembra che grazie al nuovo meraviglioso obiettivo della NASA sull’universo, gli osservatori delle stelle sono destinati a vedere molti anni meravigliosi a venire.

READ  Gli scienziati scoprono i mattoni dell'RNA in una nuvola nella Via Lattea

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply