I problemi di sicurezza gettano un’ombra sul primo nuovo collegamento del gas in Europa da decenni

Benjamin ha affermato che il gasdotto, insieme a nuovi terminal in Polonia e Lettonia per ricevere le spedizioni di GNL e nuove normative per aumentare l’interdipendenza e ridurre le barriere, fa parte della più ampia strategia europea per allentare il monopolio energetico detenuto da società statali russe come Gazprom. Schmidt, ricercatore associato all’Università di Harvard ed ex consulente europeo per la sicurezza energetica presso il Dipartimento di Stato americano.

Ha aggiunto che anche le reti elettriche più potenti possono funzionare solo se sono protette. “Questi sono tutti componenti essenziali della sicurezza dell’approvvigionamento e di un mercato che funziona bene, ma se non hai sicurezza fisica e sicurezza informatica per supportare quel mercato, ti ritroverai con quelli che sono considerati fallimenti efficaci”, ha affermato .

Il Baltic Pipeline è la terza grande linea di gas operante sotto il Mar Baltico, insieme agli ormai lacerati gasdotti Nord Stream. Il gasdotto polacco inizia nel Mare del Nord a ovest della Danimarca, dove si dirama dall’Europipe II, uno di una rete di migliaia di chilometri di gasdotti che trasportano il gas naturale norvegese nell’Europa settentrionale attraverso il Mare del Nord.

Con i due gasdotti di Nord Stream ora danneggiati, il mezzo più efficiente della Russia per trasportare il gas verso l’Europa è stato interrotto. Sebbene entrambi fossero pieni di quantità limitate di gas, le due arterie del Nord Stream non trasportavano carburante al momento dell’attacco, perché la Russia ne ha chiuso 1 e la Germania non ha mai permesso che 2 iniziasse.

I sospetti attacchi agli oleodotti hanno allarmato la Nato ei Paesi europei, che hanno intensificato i pattugliamenti nel Mar Baltico. La società polacca che gestisce i gasdotti baltici, Gaz-System, ha affermato che, insieme alle autorità polacche, l’estensione del nuovo gasdotto sottomarino è monitorata “su base continuativa da servizi operativi specializzati”. Gas System ha rifiutato di entrare nei dettagli.

READ  BP aumenta il dividendo dopo che gli utili hanno raggiunto il massimo da 14 anni

Gli esperti sottolineano la vulnerabilità di tutte le infrastrutture sottomarine, che oltre alle condutture elettriche includono le migliaia di chilometri di cavi di comunicazione che sono rimasti bloccati negli ultimi decenni sul fondo dell’oceano per collegare un mondo globalizzato. Mantenerlo al sicuro è praticamente impossibile, ha detto al collettivo tedesco RND Johannes Peters, esperto del Center for Naval Strategy and Security dell’Università di Kiel.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply