Il capo del Senato esorta gli Stati Uniti a congelare la cooperazione con i sauditi

Washington (AFP) – Il presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, Robert Menendez, lunedì ha chiesto il congelamento di tutta la cooperazione degli Stati Uniti con l’Arabia Saudita, in una delle espressioni più forti finora della rabbia degli Stati Uniti per i tagli alla produzione petrolifera saudita che stanno sostenendo la Russia nella sua guerra in Ucraina .

In una dichiarazione, Menendez ha chiesto espressamente un taglio a tutte le vendite di armi e alla cooperazione in materia di sicurezza – una pietra angolare della partnership strategica degli Stati Uniti con il regno del petrolio da oltre 70 anni – oltre il minimo necessario per difendere gli interessi degli Stati Uniti e degli Stati Uniti.

In qualità di presidente del comitato, Menendez, un democratico del New Jersey, ha promesso che “non avrebbe dato il via libera a qualsiasi cooperazione con Riyadh fino a quando il regno non avesse rivalutato la sua posizione riguardo alla guerra in Ucraina. Questo è sufficiente”.

La sua dichiarazione arriva quattro giorni dopo che Arabia Saudita e Russia hanno portato i paesi dell’OPEC ad annunciare un taglio di due milioni di barili al giorno alla produzione di petrolio. I tagli guidati da Arabia Saudita e Russia stanno aiutando a sostenere i prezzi elevati del petrolio che consentono al presidente Vladimir Putin di continuare a pagare per la sua invasione di otto mesi dell’Ucraina. Il taglio alla produzione danneggia anche gli sforzi guidati dagli Stati Uniti per rendere la guerra finanziariamente insostenibile per la Russia, minaccia un’economia globale già turbata dal conflitto in Ucraina e rischia di gravare sul presidente Joe Biden e sui Democratici con prezzi della benzina più alti in vista delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti.

READ  Aggiornamenti live: la guerra della Russia in Ucraina

L’annuncio di Menendez lunedì lo colloca tra un numero crescente di democratici che hanno chiesto, dall’annuncio delle nazioni OPEC e della Russia, di fermare la vendita annuale di armi statunitensi all’Arabia Saudita per miliardi di dollari.

I democratici accusano il principe ereditario Mohammed bin Salman, il sovrano de facto del regno, di aver effettivamente sminuito la parte saudita di un accordo decennale che coinvolgeva l’industria della difesa e della difesa statunitense che forniva sicurezza all’Arabia Saudita e, a sua volta, l’Arabia Saudita a fornire il mondo. Mercati con un flusso affidabile di petrolio.

Il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer la scorsa settimana è stato tra i democratici a criticare il principe Mohammed per aver sembrato lavorare a sostegno dell’invasione di Putin.

Schumer ha annunciato all’epoca che i legislatori stavano esaminando opzioni legislative per affrontare quella che ha definito “la misura spaventosa ed estremamente cinica” dell’Arabia Saudita.

I legislatori democratici erano a un giorno dalla mossa dell’OPEC che introduceva una nuova legislazione per fermare la vendita di armi degli Stati Uniti al regno. L’azione di lunedì di Menendez, dato il suo ruolo chiave nella sponsorizzazione della legislazione sulla politica estera, solleva la possibilità che il Congresso agisca per punire i sauditi durante il periodo di zoppia dopo le elezioni di novembre.

Non è chiaro fino a che punto Menendez e altri democratici si spingeranno in pratica interrompendo gli accordi sulle armi e la maggior parte delle altre cooperazioni con i sauditi, o se l’amministrazione Biden andrà avanti. Biden ha detto la scorsa settimana di essere deluso dal ruolo dell’Arabia Saudita nell’ultimo taglio della produzione di petrolio e ha affermato che l’amministrazione sta valutando le opzioni.

READ  Non ha incontrato il presidente sudcoreano Nancy Pelosi a causa della sua permanenza

Lunedì non c’è stata alcuna reazione immediata dalla Casa Bianca alla mossa di Menendez.

I tagli alla produzione petrolifera della scorsa settimana hanno inferto uno dei colpi più aspri mai alle relazioni tra Stati Uniti e Arabia Saudita. Tra questi c’è l’omicidio nel 2018 del giornalista Jamal Khashoggi in Arabia Saudita, in cui l’intelligence statunitense ha concluso che il principe ereditario ha svolto un ruolo chiave. Gli americani incolpano anche il principe ereditario per essersi rifiutato di unirsi agli sforzi guidati dagli Stati Uniti per isolare e punire Putin per la sua invasione dell’Ucraina a febbraio e per aver mantenuto relazioni apparentemente cordiali con Putin.

“Semplicemente non c’è spazio per giocare su nessuna delle due parti di questo conflitto, né sostenere il resto del mondo libero nel tentativo di impedire a un criminale di guerra di cancellare violentemente un intero paese dalla mappa, o sostenerlo”, ha detto Menendez. nella sua dichiarazione. “L’Arabia Saudita ha scelto quest’ultimo con una decisione scioccante guidata dall’interesse economico”.

Biden ha cercato di ricucire i legami con il principe Mohammed, recandosi in Arabia Saudita a luglio per dare un pugno imbarazzante in un gesto conciliante.

—-

Amer Madani ha contribuito da Washington.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply