Il Dipartimento di Giustizia esorta la Corte Suprema a rimanere fuori dalla lotta contro i documenti di Mar-a-Lago



CNN

Dipartimento di Giustizia Lo ha affermato martedì in Cassazione La richiesta dell’ex presidente Donald Trump di intervenire in una controversia sui documenti riservati sequestrati alla tenuta di Trump a Mar-a-Lago ad agosto è da respingere.

Definendo i documenti “straordinariamente sensibili”, il Dipartimento di Giustizia ha affermato che la Corte Suprema dovrebbe lasciare che un’ordinanza della corte d’appello federale che impedisca ai pubblici ministeri speciali di accedere ai documenti rimanga in piedi mentre si svolgono le sfide legali.

“Come ha sottolineato questa corte, i tribunali dovrebbero prestare attenzione prima di” insistere su un’ispezione “la cui divulgazione metterebbe in pericolo la sicurezza nazionale” da parte di un giudice da solo, in camera di consiglio “, ha scritto il Dipartimento di Giustizia, citando un caso passato.

di Trump Gli avvocati hanno un maestro speciale Più di 100 documenti contrassegnati come classificati sono riservati per la revisione del caso – il che, se consentito, aprirebbe la porta al team di Trump per esaminare i documenti e sostenere che dovrebbero essere vietati ai pubblici ministeri nel procedimento penale.

L’intera corte potrebbe prendere provvedimenti in merito in pochi giorni. Ci vorrebbero cinque giudici per accettare la richiesta di Trump.

Hanno affermato che la tesi principale del Dipartimento di Giustizia era che la corte d’appello era corretta e che il team legale di Trump aveva torto nel sostenere che la Corte Suprema dovesse considerare la questione.

“In effetti, ciò che il richiedente può stabilire sulla giurisdizione d’appello in questo caso è che presenta una questione difficile”, ha affermato martedì il procuratore generale degli Stati Uniti Elizabeth Priloger in un deposito.

In discussione sono due ordini emessi dal giudice distrettuale degli Stati Uniti Eileen Cannon il mese scorso. Ha autorizzato un comandante speciale a esaminare il materiale sequestrato, compresa l’identificazione classificata. In precedenza, Cannon ha temporaneamente impedito al Dipartimento di Giustizia di utilizzare un sottoinsieme dei documenti come parte della sua indagine penale in corso.

Ecco perché le decisioni del giudice nominato da Trump Eileen Cannon sono sotto esame

Tuttavia, una giuria dell’11a Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti ha deciso di congelare parti di tali ordini in attesa della conclusione della controversia legale, su richiesta del Dipartimento di Giustizia.

Trump ha affermato che come ex presidente, potrebbe aver avuto il diritto di conservare alcuni documenti del governo, compresi i documenti contenenti i segreti più sensibili del Paese.

“L’undicesimo circuito non ha giurisdizione per rivedere, tanto meno rimanere, l’ordinanza provvisoria del tribunale distrettuale che garantisce a un maestro speciale l’opportunità di rivedere gli oggetti sequestrati dalla casa del presidente Trump”. Trump ha detto alla Corte Suprema La settimana scorsa.

Il team di Trump ha aggiunto che Raymond Deary, l’anziano giudice statunitense nominato come maestro speciale, sarebbe “significativamente influenzato” dall’ordinanza della corte d’appello e che rallenterebbe un “compito in corso sensibile al tempo”.

“Qualsiasi limitazione alla revisione completa e trasparente degli oggetti sequestrati nella perquisizione straordinaria della residenza del presidente mina la fiducia del pubblico nella nostra istituzione”, si legge nel deposito.

Il procuratore generale degli Stati Uniti Elizabeth Preloger ha affermato che Cannon, nominato da Trump, “ha commesso un errore fondamentale” nella nomina di un maestro speciale in primo luogo e ha notato che il Dipartimento di Giustizia farà appello a tale decisione nei tribunali di grado inferiore.

Il DOJ, nel suo deposito, ha osservato che la Corte d’Appello degli Stati Uniti dell’11° Circuito ha ritenuto che Cannon “abusasse della sua discrezione” e “costituisse un’intrusione seria e ingiustificata nell’autorità del ramo esecutivo di controllare l’uso e la distribuzione di documenti governativi insolitamente sensibili”. ”

La decisione di Cannon di bloccare l’accesso del Dipartimento di Giustizia a documenti riservati e sequestrati di Mar-a-Lago ha ridotto la capacità del Dipartimento di Giustizia di lavorare sul caso e ha dato a Trump una pista per rafforzare le sue difese.

La domanda di Trump alla Corte Suprema “riguarda l’ordine senza precedenti di un tribunale distrettuale che limita l’uso dei registri altamente riservati del ramo esecutivo in un’indagine penale in corso. Critica”.

L’appello di Trump rimette la corte di fronte a una polemica che coinvolge l’ex presidente che ha nominato tre degli attuali giudici: Neil Gorsuch, Brett Kavanagh e Amy Coney Barrett. Ma Trump ha perso una precedente sfida in un caso relativo a documenti relativi a un comitato ristretto della Camera il 6 gennaio, quando il giudice Clarence Thomas ha dichiarato pubblicamente che solo lui si sarebbe pronunciato a favore di Trump.

“Anche se la corte si schiera con Trump a questo punto, il giudice Deary ha bisogno di vedere più file sequestrati”, ha affermato Steve Vladek, analista della Corte Suprema della CNN e professore all’Università del Texas. Scuola di legge. “Qualunque cosa il Dipartimento di Giustizia farà con quei materiali non avrà alcun impatto”.

I criteri che la corte prenderà in considerazione includeranno se esiste una “ragionevole prospettiva” che la maggioranza della corte concluderà che la decisione di seguito è illecita e se il “danno irreparabile” risulterebbe dal negare l’ingiunzione.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

READ  In uno sviluppo scioccante, Bob Iger è stato nominato CEO della Disney

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply