Il fiasco del concerto di Taylor Swift porta all’impeachment di Ticketmaster da parte del Senato degli Stati Uniti

WASHINGTON (Reuters) – I senatori statunitensi hanno criticato la mancanza di trasparenza e l’incapacità di Live Nation Entertainment di impedire ai bot di acquistare i biglietti martedì, in un’udienza dopo un grave fallimento nella vendita dei biglietti per il prossimo tour di concerti di Taylor Swift.

Live Nation Entertainment Inc (LYV.N) La sussidiaria di Swift Ticketmaster, che è stata impopolare tra i fan per anni, ha suscitato pesanti critiche da parte dei legislatori statunitensi su come ha gestito la vendita dei biglietti lo scorso autunno per il tour “Eras” di Swift, il suo primo in cinque anni. Gli esperti affermano che Ticketmaster detiene oltre il 70% della quota di mercato dei servizi di biglietteria di base per le principali sedi di concerti negli Stati Uniti.

“Ci scusiamo con i fan, ci scusiamo con la signora Swift, dobbiamo fare di meglio e faremo di meglio”, ha detto martedì Joe Berchtold, presidente e chief financial officer di Live Nation, all’udienza della commissione giudiziaria del Senato degli Stati Uniti.

“Con il senno di poi, ci sono molte cose che avremmo potuto fare meglio, incluso aumentare le vendite per un periodo di tempo più lungo e fare un lavoro migliore nell’individuare le aspettative dei fan per i biglietti”, ha detto Berchtold.

Il senatore repubblicano Mike Lee ha affermato in una dichiarazione di apertura che la debacle di Ticketmaster ha evidenziato l’importanza di considerare se sia necessaria una nuova legislazione o forse solo una migliore applicazione delle leggi esistenti per proteggere il popolo americano.

mancanza di concorrenza

I senatori hanno criticato Berchtold per la struttura tariffaria di Live Nation e l’incapacità di gestire i bot che acquistano i biglietti all’ingrosso e li rivendono a prezzi gonfiati.

READ  Tina Brown cattura il complotto reale in "Palace Papers"

“Non c’è trasparenza quando nessuno sa chi stabilisce le tasse”, ha detto la senatrice democratica Amy Klobuchar, rispondendo all’affermazione di Berchtold secondo cui le tasse di Live Nation fluttuano in base alle “valutazioni”.

La senatrice repubblicana Marsha Blackburn ha definito “assurdo” il problema delle botnet di Live Nation, osservando che aziende molto più piccole sono in grado di ridurre i malintenzionati nei loro sistemi.

“Dovresti essere in grado di ottenere qualche buon consiglio dalle persone e capirlo”, ha detto.

Il senatore repubblicano John F. Kennedy ha detto: “Non sono contro i grandi di per sé, ma sono contro la stupidità”, riferendosi al dominio di Live Nation nel mercato della vendita dei biglietti. “Il modo in cui la tua azienda ha gestito la vendita dei biglietti per la signora Swift è stato un disastro e chiunque nella tua azienda fosse responsabile dovrebbe essere licenziato.

“Se ci tieni al consumatore, abbassa il prezzo! Ferma i bot! Taglia le persone di mezzo, e se ci tieni davvero al consumatore, dai una pausa al consumatore!”

Jack Grotzinger, co-fondatore della piattaforma di biglietteria SeatGeek, ha testimoniato che il processo di acquisto dei biglietti era “obsoleto e maturo per l’innovazione” e ha chiesto lo scioglimento di Live Nation e Ticketmaster, che si sono fusi nel 2010.

“Finché Live Nation rimarrà il promotore di concerti dominante e la fila di biglietti nelle principali sedi degli Stati Uniti, l’industria continuerà a essere competitiva e intrattabile”, ha detto ai legislatori.

READ  Derek Jeter sul crack di Alex Rodriguez a ESPN doc: "Non un vero amico"

Ticketmaster ha sostenuto che i bot utilizzati dagli scalper erano dietro la debacle di Taylor Swift e Berchtold ha chiesto più aiuto per combattere i bot che acquistano i biglietti di rivendita.

Altri testimoni includevano il presidente della JAM Productions Jerry Mickelson, che era tra i critici di Ticketmaster.

A novembre, Ticketmaster ha annullato una prevista vendita di biglietti per il pubblico generale per il tour di Swift dopo che il suo sito Web è stato travolto da oltre 3,5 miliardi di richieste da parte di fan, robot e speculatori.

Il senatore Klobuchar, che presiede il panel antitrust del comitato giudiziario, ha affermato che i problemi emersi a novembre non erano nuovi e probabilmente derivavano dal consolidamento nell’industria dei biglietti.

A novembre, Ticketmaster ha negato qualsiasi pratica anticoncorrenziale e ha indicato di essere ancora oggetto di un decreto di consenso con il Dipartimento di giustizia dopo la sua fusione del 2010 con Live Nation, aggiungendo che “non c’erano prove di violazioni sistemiche del decreto di consenso”.

La precedente controversia di Ticketmaster con il Dipartimento di Giustizia è culminata in un accordo del dicembre 2019 che estendeva l’accordo di consenso fino al 2025.

Segnalazioni aggiuntive di Diane Bartz, Moira Warburton e David Shepherdson. Montaggio di Jonathan Otis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply