Il gigante tecnologico russo vuole lasciare il paese mentre infuria la guerra in Ucraina

  • Yandex, il più grande gigante tecnologico russo, vuole recidere i legami con il paese, secondo il New York Times.
  • La società madre di Yandex è preoccupata per l’impatto della guerra in Ucraina sulla sua attività.
  • Un’uscita potrebbe infliggere un duro colpo al presidente Putin mentre concentra i suoi sforzi sulla tecnologia e sui beni domestici.

La Russia perderebbe la sua più grande azienda tecnologica, il che intaccherebbe i piani del presidente Putin per promuovere alternative russe alla tecnologia occidentale.

yandex, Viene spesso definita la Russia di Google, è la più grande azienda online del paese nota per le sue app di ricerca e trasferimento tramite browser. Ma la società madre con sede nei Paesi Bassi vuole uscire dalla Russia a causa del potenziale impatto negativo dell’invasione ucraina sulla sua attività, secondo Rapporto del New York Times. L’uscita del più grande gigante tecnologico russo infliggerebbe un duro colpo al presidente Vladimir Putin, che ha compiuto uno sforzo concertato per produrre tecnologia e beni russi mentre le sanzioni bloccano l’accesso ai fornitori occidentali.

Nell’ambito di un piano di ristrutturazione più ampio prima segnalato Secondo il media russo The Bell, la società madre di Yandex (chiamata Yandex NV) sposterà la sua nuova attività e le tecnologie promettenti – tra cui auto a guida autonoma, machine learning e servizi di cloud computing – fuori dalla Russia, ha riferito The Times, citando due fonti anonime su il sito Web. Familiarità con l’argomento. Queste aziende avranno bisogno di accedere ai mercati, agli esperti e alla tecnologia occidentali, che sono tutti impraticabili mentre infuria l’invasione russa dell’Ucraina e le sanzioni occidentali rimangono in vigore.

READ  Ultime notizie di guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Tuttavia, la decisione di trasferire la neonata attività tecnologica di Yandex potrebbe non spettare alla società madre. Il Times ha riferito che la società avrebbe dovuto ottenere l’approvazione del Cremlino per trasferire le licenze della tecnologia russa brevettata fuori dal paese. Inoltre, gli azionisti di Yandex dovranno accettare un piano di ristrutturazione più ampio.

Il settore tecnologico russo sta subendo un duro colpo durante la guerra in Ucraina

Affari di Yandex, una volta È stato salutato come una rara storia di successo aziendale russa, lottato dall’invasione dell’Ucraina. La storia del gigante tecnologico non è dissimile da quella della Silicon Valley. Yandex impiegava più di 18.000 persone, valeva più di 31 miliardi di dollari ed è spesso definito il “Google della Russia”. Lui lei Ha anche uffici Nel centro di Palo Alto, in California, qualche volta.

Ma dall’invasione russa dell’Ucraina, migliaia di dipendenti di Yandex hanno lasciato la Russia e il prezzo delle azioni della società quotata a New York Perso più di 20 miliardi di dollari in valore quasi subito dopo la guerra, prima che il Nasdaq smettesse di commerciare le sue azioni. Nel frattempo, le azioni Yandex quotate a Mosca sono diminuite del 62% nell’ultimo anno.

La sfortuna di Yandex rispecchia altre società tecnologiche russe, che hanno lottato contro le sanzioni occidentali e lo sfollamento di decine di migliaia di lavoratori IT russi, secondo un quotidiano russo. Il rapporto di Al Jazeera. È qualcosa che nemmeno Putin può negare, riconoscendo che il settore IT della Russia dovrà affrontare difficoltà “enormi” perché gli Stati Uniti e altri 37 paesi limitano l’accesso della Russia alle tecnologie, come i semiconduttori e le apparecchiature per le telecomunicazioni, attraverso i controlli sulle esportazioni.

READ  Molteplici esplosioni scuotono Kharkiv, nell'Ucraina orientale

Smantellare la dipendenza della Russia dall’economia globale è stata una dura battaglia per il paese, anche prima dell’invasione dell’Ucraina e delle sue sanzioni.

nel 2015, Il Cremlino ha cercato di fermarsi Tutte le agenzie governative vietano l’uso di software straniero, ma nel 2019 solo il 10% del software utilizzato dal paese era di fabbricazione russa. Né la Russia fa affidamento esclusivamente sulla tecnologia straniera. Più della metà, o il 65%, delle aziende russe faceva affidamento sulle importazioni per la loro produzione, secondo una nota del 2021 della Banca centrale russa. Dalle automobili alla carta da ufficioLa maggior parte delle aziende ha fornitori stranieri da qualche parte nella catena di approvvigionamento.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply