Il giocatore di pallavolo della Duke ha affermato che i funzionari della Brigham United University non sono riusciti a fermare le molestie razziali durante la partita in una dichiarazione appena rilasciata.

“Venerdì sera nella nostra partita contro la Brigham Young University, io e i miei colleghi afroamericani siamo stati presi di mira e molestati razzialmente durante la partita”, ha scritto Richardson su Twitter. Insulti e commenti sono diventati minacce che ci hanno fatto sentire insicuri”.

La madrina di Richardson, Lisa Pamplin, all’inizio Tweet sull’incidente Sabato, accusando la scuola di consentire una condotta senza interferenze.

“La mia grande figlia è l’unica titolare nera per la squadra di pallavolo dei Dukes. Giocando ieri, è stata chiamata un ***er ogni volta che ha servito”, ha scritto il tweet di Pamplin.

L’incidente ha portato alle scuse della BYU, poiché la scuola ha bandito un fan e Duke ha cambiato posizione per la prossima partita della squadra. Ha anche catturato l’attenzione La star dell’NBA LeBron Jamesche ha twittato: “Siamo fratelli e sorelle! Lo sosteniamo. Questo non è uno sport”.

Richardson ha detto che sia i funzionari della Brigham Young University che il personale tecnico sono stati informati dell’incidente durante la partita, “ma non hanno adottato le misure necessarie per fermare il comportamento inaccettabile e creare un ambiente sicuro”. Anche dopo che l’incidente è stato portato alla loro attenzione, Richardson ha affermato che i funzionari della BYU “non hanno affrontato adeguatamente la situazione”.

Le molestie hanno portato Richardson e i suoi compagni di squadra a lottare per superare il gioco, piuttosto che essere in grado di concentrarsi solo sul proprio gioco, su Twitter.

“Nessun atleta, indipendentemente dalla razza, dovrebbe essere soggetto a condizioni così ostili”, ha twittato Richardson.

Richardson ha anche risposto ai commenti secondo cui lei oi suoi compagni di squadra avrebbero dovuto rifiutarsi di continuare a giocare.

“Anche se le molestie alla fine mi hanno colpito mentalmente, mi sono rifiutata di lasciare che mi impedissero di fare ciò che amo fare e ciò per cui sono venuta alla BYU, ovvero giocare a pallavolo”, ha scritto su Twitter. “Mi sono rifiutato di permettere a questi fanatici razzisti di provare compiacimento al pensiero che i loro commenti ‘mi avessero raggiunto’. Quindi, sono andato avanti e ho completato la partita”.

READ  MLB Wild Card: JT Realmuto e Kyle Gibson guidano i Phillies alla sesta vittoria consecutiva

Nonostante l’incidente, Richardson ha detto che non pensava che questo fosse un riflesso degli atleti della BYU. Ha elogiato i loro giocatori per l’ottima partita e ha mostrato “nient’altro che rispetto e buona sportività sia dentro che fuori dal campo”.

La BYU Athletics non ha confermato i dettagli dell’incidente ma ha annunciato di aver bandito un tifoso da tutti gli stadi sportivi e twittare scuse.

“Quando uno studente appassionato di sport o un fan viene a un evento sportivo della BYU, ci aspettiamo che venga trattato con amore, rispetto e si senta al sicuro nel campus. Ecco perché la BYU ha bandito un fan identificato da Duke durante la partita di pallavolo della scorsa notte da tutta la BYU impianti sportivi”, si legge nella nota.

“Ci scusiamo sinceramente con la Duke University e in particolare con i suoi studenti-atleti che hanno gareggiato ieri sera per quello che hanno passato”, si legge nella dichiarazione.

La dichiarazione affermava che la persona in questione non era uno studente della BYU, nonostante fosse seduto nella sezione studenti.

incidente condotto Duke University per annunciare Sabato stavano spostando il luogo della loro partita e la loro priorità era la sicurezza degli studenti-atleti.

“Dovrebbero sempre avere l’opportunità di competere in un ambiente antirazzista inclusivo che promuova l’uguaglianza e il fair play”, si legge nella dichiarazione di Duke.

Matt Foster della CNN ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply