Il giudice statunitense afferma che Musk ha twittato incautamente che “finanziamenti assicurati” per rendere Tesla privata

SAN FRANCISCO (Reuters) – Un giudice statunitense ha stabilito che i tweet di Elon Musk del 2018 sull’ottenimento di finanziamenti per prendere il produttore di auto elettriche Tesla Inc erano imprecisi e sconsiderati, affermando che non c’era “nulla di concreto” sui finanziamenti della ricchezza sovrana dell’Arabia Saudita. fondo in quel momento.

La decisione preliminare del giudice distrettuale statunitense di San Francisco Edward Chen segna una grande vittoria per gli investitori in una causa che accusa la persona più ricca del mondo di aver gonfiato i prezzi delle azioni facendo dichiarazioni false e fuorvianti, causando danni per miliardi di dollari.

Chen ha fornito agli azionisti un giudizio sommario sulla questione se Musk abbia rilasciato dichiarazioni intenzionalmente false, ma ha rifiutato di fornire loro un giudizio sommario sulla questione se le dichiarazioni abbiano effettivamente influenzato il prezzo delle azioni di Tesla.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Nel 2018, Musk ha incontrato i rappresentanti del Fondo per gli investimenti pubblici in Arabia Saudita e ha discusso di dare a Tesla una società privata, ma le prove hanno mostrato che “non c’è nulla di concreto nei finanziamenti provenienti dal PIF”, ha scritto Al-Kadhi.

“Invece, è chiaro che le discussioni tra Tesla e il Fondo di investimento pubblico erano nella fase iniziale”, ha affermato Chen.

“La giuria non ha trovato una giuria ragionevole che il signor Musk non avesse agito in modo sconsiderato data la sua apparente conoscenza delle discussioni”, ha aggiunto il giudice.

Chen ha affermato che dettagli come l’importo totale del finanziamento necessario per rendere Tesla privata o il prezzo da pagare per le azioni Tesla non sono stati discussi.

READ  "Siamo all'inizio di un super ciclo per le sneakers".

La sentenza sommaria, emessa il 1 aprile, è stata sigillata per più di un mese prima di essere resa pubblica martedì.

“È molto importante”, ha detto a Reuters Nicholas Borrett, un avvocato azionista di Levi & Korsinsky LLP.

È raro che un giudice stabilisca che un imputato abbia intenzionalmente fatto false dichiarazioni in un giudizio sommario prima dell’inizio del processo con giuria, ha detto Burrett. La questione rimanente, ha detto Burrett, sono i danni causati dalla falsa dichiarazione intenzionale agli azionisti.

L’avvocato di Musk, che ha presentato una petizione per ribaltare la decisione del tribunale, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Musk ha detto il mese scorso che i finanziamenti erano già stati assicurati per portare Tesla in privato nel 2018.

La decisione di Chen era in linea con una denuncia della US Securities and Exchange Commission. Nel 2018, l’autorità di regolamentazione dei titoli ha citato in giudizio Musk per frode in relazione ai tweet. Musk si è quindi accordato con la Securities and Exchange Commission, si è dimesso da presidente di Tesla, ha pagato le multe e ha accettato che alcuni dei suoi tweet fossero approvati da un avvocato prima che fossero pubblicati.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione da Hyunjoo Jin; Montaggio di Stephen Coates e Will Dunham

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply