Il leader dell’opposizione bielorussa afferma che Lukashenko è “più debole” a causa del suo sostegno alla guerra di Putin

Di Lily Frode

PARIGI (Reuters) – Il leader dell’opposizione bielorussa in esilio Svyatlana Tsykhanuskaya ha dichiarato venerdì che il presidente Alexander Lukashenko, alleato di Vladimir Putin, si trova in una situazione politica “molto fragile” a causa delle battute d’arresto militari russe in Ucraina.

Parlando davanti a un attivista per i diritti umani bielorusso incarcerato, co-vincitore del Premio Nobel per la pace, Tsykhanoskaya ha anche affermato che i bielorussi meritano un riconoscimento globale per aver resistito a un “dittatore”.

“Indebolire il Cremlino significa indebolire Lukashenko”, ha detto Tsykhanoskaya a Reuters in un’intervista durante una visita a Parigi.

“La posizione di Lukashenko è molto fragile. Le persone hanno l’energia e il desiderio di apportare cambiamenti democratici e la nostra situazione economica sta peggiorando a causa delle sanzioni”, ha affermato.

Lukashenko, uno dei pochi alleati del presidente Putin, ha consentito alla Russia di utilizzare il territorio bielorusso come punto di partenza per attacchi missilistici sull’Ucraina e punto di ingresso per i soldati e gli aerei da guerra russi dall’inizio della guerra il 24 febbraio.

Questa posizione è costata il sostegno a Lukashenko anche tra i suoi alleati locali, ha detto Tsykhanuskaya, perché “non supportano il completo isolamento della Bielorussia dai paesi europei”.

Ha aggiunto che se le proteste dovessero scoppiare in Bielorussia ora come è successo dopo le contestate elezioni del 2020, quando Tsikhanoskaya si è candidata e ha perso contro Lukashenko, non sarebbe in grado di contare sul sostegno finanziario e militare russo per mantenere il potere.

I partiti di opposizione e i gruppi per i diritti civili in Bielorussia e nei paesi occidentali hanno accusato Lukashenko di aver truccato quelle elezioni, cosa che ha negato. Lukashenko, al potere dal 1994, ha usato la forza brutale per sedare le proteste.

READ  Una telefonata trapelata rivela uno scontro a fuoco tra Putin e Macron

Coraggio in Bielorussia

L’attivista bielorussa imprigionata Alice Bialiatsky, il Russian Memorial Rights Group e il Centro ucraino per le libertà civili, hanno vinto venerdì il Premio Nobel per la pace 2022, sottolineando i contributi della società civile alla pace e alla democrazia.

Molti vedranno il premio come un atto d’accusa contro Putin, che venerdì ha compiuto 70 anni, e Lukashenko, rendendolo uno dei premi politicamente più controversi degli ultimi decenni.

Tsykhanoskaya ha affermato che Bialiatsky, fondatore del Centro per i diritti umani Viasna (primavera), è tra gli oltre 1.300 prigionieri politici in Bielorussia.

“Il popolo bielorusso merita tutti i premi del mondo perché abbiamo mostrato il nostro coraggio e abbiamo continuato a combattere con un dittatore in una situazione molto difficile”, ha detto, riferendosi al Premio Nobel per la pace.

Si è anche lamentato del fatto che i “rappresentanti della Bielorussia democratica” non sono stati invitati a un vertice a Praga giovedì per istituire il Gruppo politico europeo, un blocco di 27 Stati membri dell’UE e 17 altri paesi europei.

Né Putin né Lukashenko sono stati invitati a questo incontro, sottolineando il loro isolamento quasi otto mesi dopo la devastante invasione russa dell’Ucraina.

Tsykhanoskaya ha detto che vuole entrare a far parte dell’EPC se diventa un leader della Bielorussia.

(Segnalazione di Lily Forode; Montaggio di Gareth Jones)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply