Il petrolio crolla per i timori di un rallentamento economico e di un dollaro più forte

Gru per il pompaggio di petrolio nel giacimento di petrolio e gas di scisto di Vaca Muerta nella provincia patagonica di Neuquén, Argentina, 21 gennaio 2019. REUTERS/Agustin Markarian

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Il dollaro ha raggiunto un massimo di 5 settimane dopo la retorica da falco della Fed prima di Jackson Hole
  • La provincia cinese del Sichuan estende le restrizioni elettriche a causa dell’ondata di caldo – Caixin
  • La Cina abbassa gli standard di prestito per rilanciare l’economia vacillante
  • I leader di Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Germania discutono della questione nucleare iraniana

Lunedì i prezzi del petrolio sono scesi, chiudendo tre giorni di guadagni, poiché gli investitori temevano che i violenti aumenti dei tassi di interesse statunitensi indeboliranno l’economia globale e ridurranno la domanda di carburante, mentre un dollaro più forte aumenterà anche la pressione.

I future sul greggio Brent per il regolamento di ottobre sono scesi di $ 1,58, o dell’1,6 percento, a $ 95,14 al barile entro le 0640 GMT.

I future sul greggio US West Texas Intermediate con consegna a settembre, che scadranno lunedì, sono scesi di $ 1,70, o 1,9 per cento, a $ 89,07 al barile. Il contratto più attivo di ottobre è stato di $ 88,92, in calo di $ 1,52 o dell’1,7%.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il Brent e il West Texas Intermediate sono entrambi aumentati per il terzo giorno consecutivo venerdì, ma sono scesi di circa l’1,5% per la settimana a causa del dollaro più forte e dei timori sulla domanda.

“Le crescenti preoccupazioni per il rallentamento economico globale sono alla base del declino dei mercati petroliferi”, ha affermato Tatsufumi Okoshi, capo economista di Nomura Securities.

READ  Dodge presenta il concetto di caricabatterie elettrico "Bunchy": un'auto elettrica con scarico?

“L’aumento del dollaro ha portato anche a nuove vendite”, ha detto.

L’indice del dollaro è salito al massimo di cinque settimane lunedì dopo che il presidente della Fed di Richmond Thomas Barkin ha affermato che “l’impulso” tra i banchieri centrali era verso aumenti dei tassi più rapidi. Leggi di più

Un dollaro più forte rende il petrolio più costoso per gli acquirenti in altre valute.

Gli investitori presteranno molta attenzione ai commenti del presidente della Federal Reserve Jerome Powell quando si rivolgerà alla conferenza annuale delle banche centrali globali a Jackson Hole, nel Wyoming, venerdì.

Leggi di più

Si ritiene che la Fed abbia più spazio per aumentare i tassi di interesse rispetto alle banche centrali in altre grandi economie più fragili.

I prezzi sono scesi anche per i timori di un rallentamento della domanda di carburante in Cina, il più grande importatore mondiale di petrolio, a causa della crisi energetica nel sud-ovest a causa dell’ondata di caldo.

“Anche la restrizione energetica della Cina in alcune regioni è motivo di preoccupazione in quanto potrebbe influire sull’attività economica”, ha affermato Hiroyuki Kikukawa, direttore generale della ricerca presso Nissan Securities.

Il servizio di notizie finanziarie Caixin ha affermato che la provincia di Sichuan, nel sud-ovest della Cina, estenderà le restrizioni ai consumatori di energia industriale fino al 25 agosto, mentre cerca di far fronte alla diminuzione della produzione idroelettrica e all’aumento della domanda di elettricità delle famiglie dopo una prolungata ondata di caldo. Leggi di più

In segno di preoccupazione pubblica per l’economia cinese, lunedì Pechino ha abbassato il tasso di prestito di riferimento e ha abbassato il riferimento dei mutui con un margine più ampio, aggiungendo alle misure di allentamento adottate la scorsa settimana, per rilanciare un’economia ostacolata dalla crisi immobiliare e dal Recupero del COVID. casi. Leggi di più

READ  Mark Zuckerberg ha appena accennato a un sistema operativo per Meta e ha detto che si aspetta che il metaverso genererà centinaia di miliardi di entrate entro la fine del decennio

Nel frattempo, la Casa Bianca ha dichiarato domenica che i leader di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Germania hanno discusso gli sforzi per rilanciare l’accordo nucleare iraniano del 2015, anche se non sono stati forniti ulteriori dettagli. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Yuka Obayashi) Montaggio di Jimmy Freed e Christian Schmolinger

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply