Il picco di COVID in Cina dura due o tre mesi e la prossima volta colpisce le aree rurali

  • Il picco dell’ondata di COVID è stato visto per 2-3 mesi – epidemiologo
  • Gli anziani nelle zone rurali sono particolarmente a rischio
  • Gli indicatori di mobilità delle persone sono in aumento, ma non si sono ancora ripresi del tutto

PECHINO (Reuters) – Un importante epidemiologo cinese ha affermato che il picco dell’ondata di COVID-19 in Cina dovrebbe durare tra i due e i tre mesi e presto si estenderà nelle vaste campagne dove le risorse mediche sono relativamente scarse.

Si prevede che l’infezione aumenterà nelle aree rurali mentre centinaia di milioni di persone si recano nelle loro città d’origine per le vacanze del capodanno lunare, che inizia ufficialmente dal 21 gennaio ed era noto prima della pandemia come il più grande esodo annuale di persone nel mondo.

Il mese scorso la Cina ha improvvisamente abbandonato il rigido regime di blocco del virus di massa che ha alimentato le proteste storiche in tutto il paese alla fine di novembre, riaprendo finalmente i suoi confini domenica scorsa.

L’improvviso annullamento delle restrizioni ha scatenato il virus su 1,4 miliardi di persone in Cina, più di un terzo delle quali vive in aree in cui le infezioni hanno già superato il picco, secondo i media statali.

Ma Zeng Guang, ex capo epidemiologo presso il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha avvertito che il peggio dell’epidemia era tutt’altro che finito, secondo un rapporto del media locale Caixin di giovedì.

“Il nostro focus prioritario era sulle grandi città. È ora di concentrarsi sulle aree rurali”, ha detto Zeng.

Ha detto che un gran numero di persone nelle campagne, dove le strutture mediche sono relativamente povere, viene lasciato indietro, inclusi anziani, malati e disabili.

READ  Aggiornamenti in tempo reale sulla guerra in Ucraina: almeno 20 morti nell'attacco russo a Vinnytsia

Le autorità hanno affermato che stanno compiendo sforzi per migliorare la fornitura di antivirali in tutto il paese. Merck & Co (MR.N) Il trattamento con Molnopiravir COVID dovrebbe essere disponibile in Cina da venerdì.

Anche l’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito questa settimana dei rischi posti dai viaggi di vacanza.

La Cina non sta segnalando abbastanza morti per Covid, ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite, sebbene ora stia fornendo maggiori informazioni sull’epidemia.

Il ministero degli Esteri cinese ha affermato che i funzionari sanitari del paese hanno avuto cinque scambi tecnici con l’Organizzazione mondiale della sanità nell’ultimo mese e sono stati trasparenti.

Le autorità sanitarie hanno segnalato cinque o meno morti al giorno nell’ultimo mese, numeri che non corrispondono alle lunghe file viste nelle pompe funebri e ai sacchi per i cadaveri visti emergere dagli ospedali affollati.

Il paese non ha riportato dati sulla morte per coronavirus da lunedì. I funzionari hanno dichiarato a dicembre che intendevano rilasciare aggiornamenti mensili, piuttosto che giornalieri, in futuro.

Sebbene gli esperti sanitari internazionali abbiano previsto almeno 1 milione di decessi correlati a COVID quest’anno, la Cina ha riportato poco più di 5.000 casi dall’inizio della pandemia, uno dei tassi di mortalità più bassi al mondo.

Tensioni con Giappone e Corea del Sud

Le preoccupazioni sulla trasparenza dei dati sono state tra i fattori che hanno spinto più di una dozzina di paesi a richiedere test COVID prima della partenza ai viaggiatori in arrivo dalla Cina.

Pechino, che ha isolato i suoi confini dal resto del mondo per tre anni e richiede ancora a tutti i visitatori di essere testati prima del loro viaggio, si è detta fermamente contraria a tali restrizioni, che ritiene “discriminatorie” e “non scientifiche”.

READ  Cos'è il vortice polare? E altre domande relative al freddo

Le tensioni sono aumentate questa settimana con la Corea del Sud e il Giappone, poiché la Cina ha reagito sospendendo i visti a breve termine per i suoi cittadini. I due paesi stanno anche limitando i voli, testando i viaggiatori dalla Cina all’arrivo e isolando quelli in quarantena.

Il segretario capo di gabinetto giapponese Hirokazu Matsuno ha dichiarato venerdì che Tokyo continuerà a chiedere trasparenza alla Cina sull’epidemia, definendo la rappresaglia di Pechino unilaterale, non correlata a COVID e “profondamente deplorevole”.

Parti della Cina stavano tornando alla vita normale.

In particolare nelle grandi città, i residenti sono sempre più in movimento, segno di una graduale ripresa dei consumi e dell’attività economica quest’anno. Tuttavia, i dati sul traffico e altri indicatori non sono ancora tornati del tutto ai livelli di pochi mesi fa.

Mentre la riapertura della Cina ha dato una spinta alle attività finanziarie a livello globale dopo uno dei suoi anni peggiori mai registrati, i politici dagli Stati Uniti all’Europa temono che possa alimentare nuove pressioni inflazionistiche.

Tuttavia, i dati commerciali di dicembre pubblicati venerdì hanno fornito motivi di prudenza sul ritmo della ripresa della Cina.

“Con la crescita al di fuori della Cina che continua a rallentare, le esportazioni potrebbero continuare a contrarsi fino alla metà dell’anno”, ha affermato Xichun Huang, economista di Capital Economics.

Jin Chufeng, la cui compagnia opera nella città portuale orientale di Hangzhou, ha dichiarato di non avere piani di espansione o assunzione per il 2023.

“Con la revoca delle restrizioni Covid, la domanda interna dovrebbe migliorare, ma non le esportazioni”, ha affermato.

I dati della prossima settimana dovrebbero mostrare che l’economia cinese è cresciuta solo del 2,8% nel 2022 sotto il peso di ripetuti blocchi, il secondo tasso più basso dal 1976, l’ultimo anno della Rivoluzione Culturale decennale di Mao Zedong che ha devastato l’economia, secondo un sondaggio Segnalato da Reuters. .

READ  I manifestanti di Greenpeace Ucraina legano un kayak a una petroliera russa

Pertanto, la crescita dovrebbe rimbalzare al 4,9% quest’anno, ancora ben al di sotto della tendenza degli ultimi decenni.

Alcuni analisti affermano che i blocchi dello scorso anno lasceranno cicatrici durature sulla Cina, anche esacerbando le sue già cupe prospettive demografiche.

copertura aggiuntiva dalle redazioni di Pechino e Shanghai; Scritto da Marius Zaharia. Montaggio di Raju Gopalakrishnan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply