Il secondo pianeta delle dimensioni della Terra potenzialmente abitabile trovato in orbita attorno a una stella vicina

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Avvistata la missione della NASA Un pianeta extrasolare delle dimensioni della Terra in orbita attorno a una piccola stella a circa 100 anni luce di distanza.

Il pianeta, chiamato TOI 700 e, è probabilmente roccioso e grande il 95% del nostro mondo. Il corpo celeste è il quarto pianeta da scoprire in orbita attorno alla piccola stella nana M TOI 700. Entrambi pianeti esterni Sono stati trovati dal Transiting Exoplanet Survey Satellite della NASA, o dalla missione TESS.

Un altro pianeta del sistema, scoperto nel 2020 e chiamato TOI 700 d, ha anch’esso le dimensioni della Terra. Ciascuno di questi esopianeti si trova nella zona abitabile della sua stella, oa una discreta distanza dalla stella, dove è probabile che esista acqua liquida sulla loro superficie. La possibilità di acqua liquida suggerisce che i pianeti stessi potrebbero essere, o potrebbero essere stati una volta, abitabili per la vita.

La scoperta del quarto pianeta è stata annunciata martedì alla 241a riunione del Gabinetto Società astronomica americana A Seattle, uno studio su un pianeta extrasolare è stato accettato per la pubblicazione dall’Astrophysical Journal Letters.

“Questo è uno dei pochi sistemi con più pianeti minori e zone abitabili di cui siamo a conoscenza”, ha dichiarato Emily Gilbert, autrice principale dello studio e borsista post-dottorato presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.

“Questo rende il sistema TOI 700 un’entusiasmante opportunità per un ulteriore follow-up. Il pianeta e è circa il 10% più piccolo del pianeta d, quindi il sistema mostra anche come ulteriori osservazioni TESS ci aiutino a trovare mondi sempre più piccoli”.

Le stelle nane M piccole e fredde come TOI 700 sono comuni nell’universo e negli ultimi anni è stato scoperto che molte di esse ospitano esopianeti, come Il sistema TRAPPIST-1 e i suoi sette pianeti esterni che sarà osservato dal James Webb Space Telescope.

Il più vicino alla stella è TOI 700 b, che è il 90% delle dimensioni della Terra e completa un’orbita veloce attorno alla stella ogni 10 giorni terrestri. Poi c’è TOI 700 c, che è 2,5 volte più massiccio del nostro pianeta e termina un’orbita attorno alla stella ogni 16 giorni. Questi pianeti sono probabilmente bloccati dal fenotipo, il che significa che mostrano sempre lo stesso lato della stella, proprio come il modo in cui lo stesso lato della Luna è sempre rivolto verso la Terra.

Gli esopianeti nella zona abitabile della stella, i pianeti d ed e, hanno orbite più lunghe di 37 giorni e 28 giorni, rispettivamente, perché sono leggermente più lontani dalla stella. Il pianeta e recentemente annunciato si trova tra i pianeti c e d.

La missione TESS, lanciata nel 2018, monitora ampie parti del cielo notturno per 27 giorni alla volta, fissando le stelle più luminose e monitorando i loro cambiamenti di luminosità. Questi cali di luminosità indicano la presenza di pianeti orbitanti mentre passano davanti alle loro stelle e sono chiamati transiti. La missione ha iniziato a osservare il cielo australe nel 2018, per poi passare al cielo settentrionale. Nel 2020, la missione si è nuovamente concentrata sul cielo australe per ulteriori osservazioni, rivelando il quarto pianeta nel sistema TOI 700.

ha detto il coautore dello studio Ben Hurd, studente di dottorato presso l’Università del Maryland, College Park e alunno Ricercatore presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, in una dichiarazione. “Ma il segnale era così debole che abbiamo avuto bisogno di un anno in più di osservazione del transito per determinarlo”.

Mentre i ricercatori utilizzano altri osservatori spaziali e terrestri per effettuare osservazioni di follow-up dell’intrigante sistema planetario, stanno arrivando più dati TESS.

“TESS ha appena completato il suo secondo anno di osservazione del cielo settentrionale”, ha affermato Alison Youngblood, astrofisico e vice scienziato del progetto TESS presso Goddard. “Non vediamo l’ora di altre entusiasmanti scoperte nascoste nei dati della missione”.

READ  Gli scienziati affermano che il ricongelamento dei poli della Terra è sia possibile che notevolmente economico

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply