Il telescopio Webb si è scontrato con la micrometeorite ma non ha causato molti danni

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Nasa 10 miliardi di dollari Telescopio spaziale James Webb Ha avuto un incontro crudele con un pericolo extraterrestre: è stato attaccato da una piccola meteora.

L’attacco della micrometeorite non sembra aver disturbato molto la visione di Webb, o reso incapace di eseguire osservazioni rivoluzionarie dell’universo, inclusa la cattura della luce emessa più di 13 miliardi di anni fa, vicino all’alba dei tempi. telescopio Lanciato Dalla Guyana francese a Natale, è ancora in fase di calibrazione e, a detta di tutti, è andata alla grande.

Ma il colpo diretto allo specchio ha sorpreso la NASA ed è ancora in fase di analisi. La NASA ha rivelato i dettagli dell’attacco dei micro-meteoriti in un post sul blog dedicato al sito web.

“Tra il 23 e il 25 maggio, il telescopio spaziale James Webb della NASA ha subito un impatto su una parte dello specchio primario”, Ho citato il blog web della NASA. “Dopo le valutazioni iniziali, il team ha scoperto che il telescopio stava ancora operando a un livello che superava tutti i requisiti della missione, nonostante un effetto marginale rilevabile nei dati”.

La NASA ha affermato che 18 parti dello specchio possono essere regolate individualmente in risposta a impatti di meteoriti come questo.

“Regolando la posizione della clip interessata, gli ingegneri possono annullare parte della distorsione… anche se non tutto il degrado può essere annullato in questo modo”, afferma il blog della NASA. “Gli ingegneri hanno già effettuato la prima regolazione di questo tipo della sezione interessata di recente… Ulteriori regolazioni dello specchio pianificate per mettere a punto questa correzione continueranno”.

READ  Il suolo lunare può essere utilizzato per generare ossigeno e carburante per gli astronauti sulla luna

La dimensione esatta della micrometeorite è sconosciuta, ma probabilmente non era più grande di un granello di sabbia, ha detto Heidi Hamill, un’astronoma planetaria che è stata a lungo coinvolta con il telescopio. Anche una piccola cosa può causare danni a causa della velocità con cui viene eseguita Il telescopio ruota attorno al sole e periodicamente si scontra con una particella casuale.

Questo era un pericolo noto perché sebbene sia isolato nello spazio, non è vuoto come sembra.

Sapevamo che ci sarebbero stati lievi effetti su di lui. “Siamo rimasti sorpresi solo di un colpo così rapidamente”, ha detto Hamill, aggiungendo che tali eventi erano previsti ogni cinque anni circa.

Il team sta usando questo incidente per saperne di più sulle micrometeoriti, ha affermato Paul Geithner, vice project manager del telescopio presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.

“Noi sul Web, come ingegneri e scienziati, siamo prima di tutto curiosi”, ha affermato. “…ci siamo sempre aspettati un risultato, e quando ne vediamo uno, specialmente quest’ultimo che è più grande dei pochi altri che abbiamo ricevuto, cattura la nostra attenzione e vogliamo capirlo, ricontrollare le nostre ipotesi, la nostra comprensione e le nostre aspettative, e comprenderla meglio”.

Questo osservatorio insolitamente complesso, annunciato come il tanto atteso successore del telescopio spaziale Hubble ancora funzionante, orbita attorno al sole in una posizione che lo mantiene a circa un milione di miglia dalla Terra. È troppo lontano per essere visitato dagli astronauti e non è stato progettato per essere riparato o scambiato l’hardware.

Webb sta attraversando una fase di “messa in servizio” per diversi mesi poiché i suoi strumenti sono stati calibrati e 18 specchi esagonali placcati in oro sono stati posizionati per funzionare come un enorme specchio di circa 21 piedi di diametro.

READ  I cosmonauti russi "piegheranno" il braccio robotico della stazione spaziale

Finora, la NASA non ha riportato altro che successo.

“Gli astronomi sono storditi da come stanno andando le cose (ma anche preoccupati di non essere dimenticati, sì, possiamo essere anche superstiziosi) ed entusiasti di iniziare a fare scienza!” Lo ha detto in una e-mail l’astrofisico Michael Turner dell’Università di Chicago.

Il telescopio, ripiegato su se stesso quando è stato lanciato l’anno scorso, è sbocciato per tanti giorni quanti ne ha Aprendo il tentacolare parasole Gli specchi si diffondono. Il telescopio ha viaggiato per 29 giorni per raggiungere la sua posizione anteriore, una posizione orbitale nota come L2 dove altri telescopi hanno lavorato in sicurezza e fornito agli scienziati dati sulla frequenza delle micrometeoriti.

Durante la costruzione del telescopio, gli ingegneri hanno utilizzato una combinazione di simulazioni e test di impatto reali su campioni di specchi per avere un’idea più chiara di come l’osservatorio potesse essere fortificato per operare in orbita. Quest’ultimo effetto è stato superiore a quello progettato e al di là di ciò che il team avrebbe potuto testare sulla Terra”, afferma il blog Webb della NASA.

Webb è diverso dalla maggior parte dei telescopi: è spalancato e gli specchi sono spogli anziché racchiusi in un tubo. Il telescopio è progettato per osservare l’universo a lunghezze d’onda infrarosse che sono al di fuori del campo di rilevamento di Hubble.

Ciò richiede specchi e strumenti molto freddi, Questo è il motivo per cui gli specchi sono sempre più lontani dalla Terra e dal Sole. La NASA ha annunciato che le immagini della “prima luce” saranno rilasciate il 12 luglio, ma non ha detto cosa avrebbero mostrato quelle immagini.

READ  Gli astronomi hanno rivelato finora la mappa più dettagliata dell'asteroide Psiche

Tuttavia, ha effettivamente prodotto l’immagine di una stella usata per mettere a fuoco gli specchi. Sullo sfondo di quell’immagine ci sono diverse galassie la cui luce è stata emessa miliardi di anni fa, e ha impressionato gli astronomi che hanno predetto che Webb avrebbe visto nello spazio più profondo (e in passato) dell’Hubble, lanciato nel 1990.

Webb ha molteplici obiettivi, incluso lo studio della prima luce nell’universo, che è stata emessa poche centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang. Esaminerà anche l’evoluzione delle galassie e studierà oggetti nel nostro sistema solare, inclusi piccoli oggetti ghiacciati che orbitano attorno al Sole lontano dall’orbita di Nettuno.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply