Immigrazione: fonti affermano che il supervisore di Biden sta lavorando a un piano per gestire il flusso di immigrati venezuelani



CNN

L’amministrazione Biden sta studiando un nuovo programma per Hai Gli immigrati venezuelani chiedono di accedere ai porti di ingresso statunitensi, come l’aeroporto, invece di attraversare il confine illegalmente Confine Meridionalese hanno un collegamento preesistente negli Stati Uniti, secondo quattro fonti che hanno familiarità con le discussioni.

La proposta arriva in mezzo a un afflusso di immigrati di quelle nazionalità al confine tra Stati Uniti e Messico, prosciugando risorse federali e città di confine. Ad agosto, 55.333 migranti trovati al confine provenivano da Venezuela, Cuba o Nicaragua, il 175% in più rispetto allo scorso agosto, secondo il Dipartimento per la sicurezza interna.

Il piano vuole essere un processo ampliato e più strutturato. Se gli immigrati soddisfano i criteri e vengono approvati, verranno rilasciati in libertà vigilata negli Stati Uniti in un aeroporto con la possibilità di lavorare anche legalmente.

Il Messico dovrebbe anche accogliere un certo numero di venezuelani ai sensi della legge sull’emergenza pandemica di Trump, nota come Titolo 42, che consente alle autorità di respingere gli immigrati al confine tra Stati Uniti e Messico, secondo due fonti.

Erano funzionari della direzione alle prese con l’esodo in tutto l’emisfero occidentale per mesi, sottolineando la necessità per tutti i paesi di contribuire ad alleviare il flusso e creare condizioni migliori nel paese. La questione è stata nuovamente oggetto di discussione la scorsa settimana in una riunione dei ministri degli Esteri a Lima, in Perù.

Il cambiamento demografico – con molti immigrati ora provenienti da Venezuela, Cuba e Nicaragua – è particolarmente difficile per gli Stati Uniti, in parte a causa delle tiepide relazioni con quei paesi che in gran parte impediscono all’amministrazione di allontanare le persone da quei paesi.

La proposta in esame è un riconoscimento del fatto che i venezuelani sono in gran parte rilasciati negli Stati Uniti mentre attraversano le procedure di immigrazione e, in alcuni casi, hanno familiari o amici che li raggiungono nel Paese.

La CNN ha contattato la Casa Bianca per un commento.

L’amministrazione Biden ha adottato un approccio simile a quello in esame con gli ucraini in fuga dal loro paese dilaniato dalla guerra, consentendo loro l’ingresso negli Stati Uniti e la possibilità di lavorare temporaneamente. Questo programma è stato istituito per evitare che gli ucraini entrino nel confine tra Stati Uniti e Messico e subiscano un processo ordinato.

Le cattive condizioni economiche, la carenza di cibo e l’accesso limitato all’assistenza sanitaria stanno spingendo sempre più i venezuelani ad andarsene, ponendo una sfida urgente e severa per la gestione poiché migliaia di persone raggiungono il confine meridionale degli Stati Uniti.

Più di 6 milioni di venezuelani Sono fuggiti dal loro paese in mezzo al deterioramento delle condizioni, L’Ucraina eguaglia il numero di sfollati e supera la Siria, secondo le Nazioni Unite. Più di 1.000 venezuelani vengono arrestati ogni giorno lungo il confine tra Stati Uniti e Messico, secondo un funzionario della sicurezza nazionale.

I venezuelani arrestati al confine tra Stati Uniti e Messico vengono generalmente rilasciati negli Stati Uniti nell’ambito del programma Immigration and Customs Enforcement, che monitora le persone che utilizzano dispositivi di monitoraggio della caviglia, telefoni o un’app abilitata per GPS mentre sono in fase di immigrazione. Ma l’ultima proposta dovrebbe adottare un approccio più sistematico.

Un salto nel movimento dei venezuelani nell’emisfero si è verificato durante un incontro alla Casa Bianca il mese scorso con 19 paesi dell’emisfero occidentale, ha detto in precedenza alla CNN un alto funzionario dell’amministrazione.

“Abbiamo scoperto che la mancanza di coordinamento porta a un maggiore sfruttamento degli immigrati”, ha affermato l’alto funzionario dell’amministrazione. “C’è consenso sul fatto che sia utile lavorare a stretto contatto e cercare di sincronizzare le nostre politiche”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni martedì.

READ  L'alto funzionario dell'UE si è impegnato a condurre uno "stress test" degli oleodotti dopo le perdite

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply