Intel China si scusa per il rapporto del fornitore dello Xinjiang

Firma martedì 19 ottobre 2021, all’ingresso della sede di Intel a Santa Clara, California, USA.

David Paul Morris | Bloomberg | Getty Images

produttore di chip americano Intel La Cina si è scusata giovedì per la sua lettera ai fornitori dicendo loro di non ricevere prodotti o lavoratori dalla regione dello Xinjiang, che è diventata l’ultima entità occidentale in materia di diritti nel paese.

Intel ha recentemente pubblicato una lettera annuale ai fornitori, descrivendo dicembre come “rilascio della sua catena di distribuzione” a seguito delle restrizioni imposte da molti “per garantire che non utilizzi manodopera o materie prime o servizi della regione”. Governi”.

Nello Xinjiang cinese, gli Stati Uniti hanno accusato la Cina di diffondere violazioni dei diritti umani contro la comunità uigura a maggioranza musulmana, compreso il lavoro forzato. Pechino ha ripetutamente negato le accuse.

La lettera di Intel ha suscitato critiche da parte dello stato e dei social media in Cina sul sito Web dell’azienda e in diverse lingue, con appelli al boicottaggio.

Giovedì, in una dichiarazione in lingua cinese sui suoi account ufficiali WeChat e Weibo, Intel ha dichiarato che il suo impegno a escludere le catene di approvvigionamento dallo Xinjiang stava esprimendo conformità alla legge statunitense piuttosto che la sua posizione sulla questione.

“Ci scusiamo per l’inconveniente causato ai nostri stimati clienti, partner e pubblico cinesi. Intel si impegna a diventare un partner tecnologico affidabile e ad accelerare la crescita congiunta con la Cina”, ha affermato Intel in una nota.

Intel non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento da parte di Reuters.

Mentre altre grandi multinazionali continuano a operare in Cina, sono sotto pressione per perseguire sanzioni relative allo Xinjiang, un importante mercato e piattaforma di distribuzione.

READ  Imballatori vs. Punteggio Browns: Green Bay ferma Cleveland usando quattro Baker Mayfield INT

Su Weibo, come il Twitter cinese, il cantante Gary Wang ha affermato che non avrebbe più lavorato come ambasciatore del marchio Intel e ha affermato in una dichiarazione che “gli interessi nazionali trascendono tutto”.

Molti utenti di Weibo hanno deriso le scuse di Intel come un tentativo di proteggere le vendite in Cina.

“Le scuse di Intel sono oneste?” Hashtag di. Giovedì pomeriggio era di tendenza su Weibo.

Intel, che ha 10.000 dipendenti in Cina, ha affermato nelle sue scuse che “apprezza la sensibilità del problema in Cina”.

Il ministero degli Esteri cinese ha affermato che le accuse di lavoro forzato nello Xinjiang sono “bugie fabbricate dalle forze statunitensi anticinesi volte a destabilizzare la Cina e ad ostacolarne lo sviluppo”.

Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha dichiarato in una conferenza quotidiana a Pechino:

La presenza di Intel in Cina include siti di assemblaggio e test a Shanghai e Chengdu.

A luglio, il rivenditore di moda svedese H&M ha registrato un successo del 23% nelle vendite in valuta locale in Cina nel trimestre marzo-maggio dopo aver espresso preoccupazioni sui diritti umani nello Xinjiang.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply