Jerome Powell avverte che la guerra all’inflazione potrebbe essere dolorosa

Jackson, Yu. Jerome H. Powell, presidente della Federal Reserve, ha avvertito che la spinta della banca centrale a battere l’inflazione più rapida degli ultimi decenni sarà a scapito dei lavoratori e della crescita complessiva. Ma ha sottolineato che la Fed deve continuare ad aumentare i tassi di interesse – e mantenerli alti per un po’ – per evitare che rapidi aumenti dei tassi diventino una caratteristica più permanente dell’economia statunitense.

“Il ripristino della stabilità dei prezzi richiederà tempo e richiederà un uso aggressivo dei nostri strumenti per ottenere un migliore equilibrio tra domanda e offerta”, ha affermato Powell in un discorso venerdì. “Sebbene tassi di interesse più elevati, crescita più lenta e condizioni deboli del mercato del lavoro ridurranno l’inflazione, porteranno anche un po’ di sofferenza alle famiglie e alle imprese”.

Poi ha aggiunto: “Questi sono gli sfortunati costi dell’abbassamento dell’inflazione”.

Mr. Powell, parlando alla conferenza annuale della Federal Reserve a Kansas City vicino a Jackson, UT, ha usato i suoi discorsi più seguiti quest’anno per sottolineare l’impegno della Fed nel riportare l’inflazione sotto controllo e per sottolineare che le sue mosse politiche non hanno ancora avuto luogo Sufficiente per raggiungere questo obiettivo: c’è ancora molto da fare per domare i rapidi aumenti dei prezzi.

I commenti del presidente della Fed hanno inviato un segnale che la banca centrale rimane risoluta nella lotta all’inflazione e non prevede di deviare dal suo piano di rallentare l’economia in tempi brevi. I banchieri centrali hanno trascorso gran parte dell’ultimo anno dicendo che sperano che l’economia si deteriori leggermente, ma i commenti di Powell hanno chiarito che un atterraggio accidentato sarebbe un prezzo che vale la pena pagare per ripristinare la stabilità dei prezzi negli Stati Uniti.

“Non sarà un processo facile e penso che sia più esplicito su questo”, ha affermato Neil Dutta, capo dell’economia statunitense presso Renaissance Macro Research. “La probabilità di una recessione è in aumento, perché questa è la risposta al problema dell’inflazione – questo è quello che ti dicono”.

READ  Quanto risparmiano gli americani per la pensione in base all'età?

La Fed ha alzato i tassi di interesse da quasi zero a marzo alla gamma Dal 2,25 al 2,5 per cento, gli investitori stavano aspettando qualsiasi indizio su quanto velocemente e quanto velocemente la Federal Reserve avrebbe alzato i tassi di interesse nei prossimi mesi. Tassi di interesse più elevati aumentano il costo del prestito di denaro per costruire una casa o espandere un’attività, il che rallenta l’attività economica e raffredda il mercato del lavoro, il che potrebbe eventualmente aiutare a ridurre la domanda abbastanza da consentire all’offerta di recuperare e rallentare l’aumento dei prezzi.

Powell non ha detto quale ritmo ci aspetta, osservando che i funzionari della Fed terranno d’occhio i dati in arrivo mentre decideranno se aumentare un grande punto “straordinario” di tre quarti nella riunione del 20-21 settembre. Ha ribadito che è probabile che la Fed rallenti i suoi aumenti “a un certo punto”, ma ha anche affermato che i banchieri centrali hanno più lavoro da fare quando si tratta di limitare l’economia e riportare l’inflazione sotto controllo.

Il capo della Fed ha affermato che l’attuale livello dei tassi di interesse “non è un luogo per una pausa o una pausa”, aggiungendo che i tassi dovranno probabilmente rimanere sufficientemente alti per avere un impatto materiale sull’economia “per qualche tempo” e che “il record storico è un forte cautela contro l’allentamento delle politiche prima che sia il momento”.

Il risultato è stato chiaro: la Fed non è affatto vicina a dichiarare vittoria. I prezzi delle azioni sono diminuiti drasticamente Dopo i commenti di Mr. Powell, l’S&P 500 è sceso dell’1% prima di recuperare leggermente. Gli investitori stanno anche iniziando rapidamente a prezzare ulteriori aumenti dei tassi da parte della Fed, con il rendimento del Treasury a due anni, che è influenzato dai cambiamenti nella politica della Fed, in aumento vicino al massimo dell’anno del 3,44%.

Il signor Powell ha salutato nelle sue osservazioni a L’inflazione rallenta a luglio Come una buona notizia, ma non sufficiente per determinare che la missione della Fed è sulla buona strada per essere compiuta.

READ  L'evoluzione di Apple da Steve Jobs a Tim Cook

“Le letture dell’inflazione più bassa per luglio sono benvenute e il miglioramento in un mese è molto inferiore a quello che il comitato dovrà vedere prima di poter essere sicuri di un’inflazione più bassa”, ha affermato, riferendosi alla definizione delle politiche del Federal Open Market Committee.

Preferisci la Federal Reserve indicatore di inflazioneL’indice PCE è aumentato del 6,3% nell’anno fino a luglio, in rallentamento rispetto al mese precedente ma ancora ben al di sopra della media del 2% rilasciata dalla Fed. Gli aumenti dei prezzi stanno mostrando segnali di allentamento promettente in alcuni tipi di materie prime, ma gran parte del recente rallentamento è stato determinato dalla diminuzione della volatilità dei prezzi del carburante.

Questo è uno dei motivi per cui i banchieri centrali vogliono vedere più prove che l’inflazione sta diminuendo prima di sentirsi sicuri che si stia muovendo nella giusta direzione. Ciò è particolarmente vero perché i guadagni di posti di lavoro e gli aumenti salariali rimangono forti, indicando che l’economia ha ancora uno slancio di fondo significativo.

Il capo della Fed ha anche utilizzato la sua piattaforma – il discorso più importante in quella che è probabilmente la conferenza economica più importante dell’anno – per esporre una serie di ragioni per cui la banca centrale dovrebbe continuare a dedicarsi all’abbassamento dell’inflazione anche se la sua spinta provoca dolore al breve termine. Era un messaggio apparentemente diretto ai critici della Fed e al pubblico in generale, poiché gli americani ovunque sono alle prese con costi in rapido aumento.

L’inflazione è un fenomeno globale causato in parte da un’offerta limitata, grazie alla chiusura delle fabbriche nell’era della pandemia in Asia e alle catene di approvvigionamento vacillanti. Politici tra cui la senatrice Elizabeth Warren, democratica del Massachusetts, litigare Che gli strumenti della Fed siano un modo doloroso per abbatterlo. Ma il signor Powell ha chiarito nelle sue osservazioni che c’è del lavoro da fare sul raffreddamento su richiesta, cosa che gli strumenti della Fed possono fare.

READ  Nel mese di maggio è stato pubblicato uno speciale sondaggio sull'attività del settore dei servizi cinese

“Le banche centrali possono e devono assumersi la responsabilità di raggiungere un’inflazione bassa e stabile”, ha affermato Powell. “La nostra responsabilità di garantire la stabilità dei prezzi è incondizionata.”

Il presidente della Fed ha affermato che è fondamentale lavorare per eliminare l’inflazione prima che il pubblico inizi ad anticiparla, perché tali aspettative possono cambiare il comportamento in modi che bloccano rapidi aumenti dei prezzi.

“L’inflazione sta attirando l’attenzione di quasi tutti in questo momento, il che evidenzia alcuni rischi oggi: più a lungo continua l’attuale ondata di alta inflazione, maggiore è la possibilità che le aspettative di una maggiore inflazione si rafforzino”, ha affermato Powell.

Il costo dell’inflazione radicata può essere elevato. Una volta che i rapidi aumenti dei prezzi diventeranno una caratteristica più permanente dell’economia, sarà probabilmente più difficile schiacciarli, richiedendo maggiori sofferenze economiche sotto forma di posti di lavoro persi e famiglie che soffrono per soffocare la domanda.

“La storia mostra che è probabile che i costi di assunzione per ridurre l’inflazione aumentino con ritardo”, ha affermato Powell. “Il nostro obiettivo è evitare questo risultato agendo con determinazione ora”.

L’indicazione generale dalle osservazioni di Powell è che lui ei suoi colleghi sono impegnati a ridurre l’inflazione, anche se questo sforzo è doloroso. Anche l’ultima riga del suo discorso sembrava alludere al suo predecessore di lunga data, Paul Volcker, che negli anni ’80 aumentò drasticamente i prezzi per soffocare l’inflazione e che spiegò la sua campagna contro l’inflazione rapida in un’autobiografia intitolata “Keeping at It”, Pubblicato nel 2018.

“Continueremo a farlo finché non ci assicureremo che il lavoro sia fatto”, ha detto il signor Powell.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply